Hands on SBK Generations

Nuovi SBK, vecchi problemi

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Parlando di simulazioni corsistiche su console, subito dopo Gran Turismo e Forza Motorsport, il pensiero corre inevitabilmente all'italianissimo Superbike. Il motociclistico cresciuto all'insegna del sodalizio Milestone - Blackbean nel corso degli anni ha saputo evolversi in maniera adeguata ed accurata, presentando un impianto ludico coinvolgente ed estremamente realistico. Prima la fisica del mezzo, poi la gestione della gommatura dell'asfalto e del grip ed infine la gestione dei carichi hanno segnato le tappe di un titolo molto amato, soprattutto nel nostro paese. Quella di SBK, a volersi impegnare in una simulazione a tutto tondo, insomma, è sempre stata una scelta obbligata. I fan saranno dunque felici di sapere che l'11 Maggio gli scaffali dei migliori negozi di videogames saranno occupati da Superbike Generations, ennesima incarnazione del titolo per Xbox 360, Playstation 3 e PC. Viene da chiedersi, con una release a così breve distanza da SBK 2011, quali siano le vere novità e cosa sia stato modificato per questa release.
Noi di Everyeye.it, grazie ad un codice ancora incompleto, abbiamo tentato di dare una risposta al quesito. Risposta che, lo anticipiamo subito, potrebbe lasciare l'amaro in bocca ad alcuni dei fan più accaniti del brand.

Generations

E' bene specificarlo dal principio: il codice di SKB Generations in nostro possesso ha reso possibile una prova estremamente striminzita. La gran parte delle opzioni e modalità di gioco, infatti, si sono mostrate oscurate, lasciandoci prender parte alla sola Generations - a quanto pare l'unica vera novità introdotta per questa nuova incarnazione del corsistico su due ruote Milestone. Si tratta di una game mode a scenari, che recupera alcune meccaniche direttamente dalla carriera, amalgamandole con un pizzico di nostalgia che, da queste parti, male non fa. Accedendovi ci troveremo di fronte ad una selezione di eventi tratti dal mondo della Superbike: un record sul giro in condizioni proibitive, la vittoria inaspettata di una gara, il dominio di un'intera stagione e così via. Inforcata una moto prestabilita per ciascun "quadro" dovremo tentare di rispettarne le condizioni, andando ad affrontare ora un giro lanciato, ora un pilota leggendario (ad esempio Carl Fogarty) o particolarmente forte. Tra obiettivi primari e secondari saremo chiamati a battere un tempo sul giro o sui 2/3 giri, precorrere un tracciato senza allontanarci oltre una data distanza dalla traiettoria ideale (virtualmente dipinta sull'asfalto), rimanere per un certo intervallo di tempo in impennata, battere un motociclista rivale dandogli un certo distacco e molto altro ancora.

Il codice ha mostrato un totale di otto prove dalla difficoltà crescente, spalmate in un totale di quattro macro-sezioni suddivise a seconda dell'annata a cui risalgono gli eventi descritti. Inutile dire che la speranza è quella di vederne altri sbloccati tramite i progressi in Carriera piuttosto che nelle altre modalità presenti nella produzione Milestone (ma qui oscurate, come si diceva). Se così non fosse, una modalità di gioco che abbiamo portato a compimento in poco più d'un ora (e senza essere dei mostri di bravura alla guida) ci sembra davvero inutile nel computo dell'offerta ludica, che, peraltro, sembra rimasta tale e quale all'edizione 2011. L'impossibilità di selezionare la classe, la moto ed il pilota diviene a questo punto un fattore veramente limitante, con il solo pregio (una speranza più che altro), dato l'obbligo di creare un pilota prima d'iniziare, di sperimentare una qual certa sinergia tra Generations e Carriera, che dia un tono a quanto presentato in questa build.
Il rischio, per quanto non sia stato possibile osservare quali moto/classi/tracciati saranno presenti nella versione finale, è quello di trovarsi di fronte ad un mero add on del corsistico, con il semplice aggiornamento di scuderie e poco altro, e questa modalità Generations inserita per fare da specchietto per le allodole. Inutile dire che le speranze sono tutte legate al non avverarsi di questi pericolosi -quanto tangibili- dubbi.

4 Anni!

Milestone non ha scelto a caso il sottotitolo Generations. In questa nuova edizione, infatti, l'utente potrà gareggiare e correre selezionando piloti e moto che hanno fatto la storia della Superbike. Il gioco presenta la possibilità di gareggiare per 4 anni di fila, nelle stagioni che vanno dal 2009 al 2012. Ma da citare è la presenza di un vero e proprio "Roster Leggendario", che permette a conti fatti di impersonare i piloti di spicco, che hanno contribuito a rendere questo sport conosciuto e celebrato in tutto il mondo. Insomma, una mole di possibilità notevole, che estenderà senza dubbio il replay value, oltre a costituire una piccola enciclopedia interattiva per tutti i fan della Superbike!

Per il resto?

Per quanto estremamente limitata, la versione in nostro possesso di SBK Generations ha comunque permesso di provare con mano il gameplay, aspetto fondamentale soprattutto per un titolo simulativo come questo. Nemmeno a farlo apposta non abbiamo notato alcun cambiamento. Le schermate iniziali ci mettono in guardia rispetto alla "quantità di simulazione" con la quale intendiamo condire la nostra esperienza. Come sempre la scelta ricade tra tre livelli ben distinti: Simulazione Semplice, Simulazione Media e Simulazione completa. La scelta, come abbiamo ben imparato grazie alle scorse incarnazioni, non sarà ne definitiva ne totalmente limitante rispetto ai parametri settabili. Scavando più a fondo tra i vari menù (totalmente identici) avremo la facoltà di modificare l'aggressività in pista della CPU, l'influenza del peso del pilota sulla ripartizione complessiva dei carichi, l'usura di gomme ed il consumo della benzina, la presenza/assenza della salute del pilota nel computo di gara e tutto il ben di Dio a cui da sempre BlackBean e Milestone ci hanno abituato. Un'esperienza duttile e malleabile come al solito che, pad alla mano, ha mostrato di non aver aggiunto nulla ad una formula certamente funzionale.

"Il rischio, emerso da una prove pur tanto fugace, è quello di trovarsi di fronte ad un semplice add on del corsistico, con un semplice aggiornamento di scuderie e poco altro."

Alla selezione del livello più basso di simulazione otterremo un gameplay molto permissivo - per quanto mai arcade in toto. Verranno perdonate, in particolare, le disattenzioni legate alla gestione del grip con l'asfalto, che consentirà in questo caso di percorrere le curve in sbandata controllata senza preoccuparsi troppo di parzializzare gas e freno. Naturalmente anche le collisioni e le uscite di pista non produrranno i danni dei livelli superiori, rendendo il controllo di qualsiasi cilindrata (dalle Superstock alle Superbike) un piacevole passatempo. Salendo a livello medio le cose si faranno un pò più serie: dovremo aumentare l'attenzione rispetto alla ripartizione dei carichi in curva ed al grip degli pneumatici rispetto all'asfalto, che verrà gestito in questo caso senza aiuti, lasciando dunque minimo spazio alla "fantasia". Gestione dei grilletti e ripartizione posteriore ed anteriore della frenata cominceranno pian piano a diventare automatismi necessari e dogmi da seguire alla lettera per guidare in maniera pulita e funzionale. Le collisioni saranno invece ancora piuttosto permissive. Si arriva infine, con un guizzo di "follia motociclistica", al massimo grado di simulazione, una vera e propria sfida per tutti. Qui le differenze tra le varie classi si faranno sentire pesantemente, con i cavalli delle Superbike ad imbizzarrirsi molto facilmente sotto i colpi di manetta che, attraverso il pad, trasmetteremo al nostro bolide digitale. Le tecniche sopraelencate dovranno esser state masterizzate in precedenza per "sopravvivere" a questo livello, dove un minimo errore, un'uscita di pista o una sverniciata troppo poderosa, potrebbero risultare fatali.

Anche il gamplay, dunque, non muta assolutamente le sue dinamiche, sanzionando un immobilismo che, in questo caso particolare, risulta vincente. A far storcere un il naso, è il mancato progresso tecnico - pur a meno di un anno dalla release del precedente capitolo. Da questo punto di vista SBK Generations si discosta dai suoi predecessori, risultando, a 2012 oramai inoltrato, poco più che sufficiente. I modelli poligonali di moto e piloti si salvano ma la texturizzazione, sia per quel che riguarda i tracciati che la stessa simbiosi moto-pilota, appare decisamente superata. Poche animazioni ed una quantità di dettagli molto bassa chiudono il quadro di un comparto al momento deludente, che si scontra con qualche calo di frame rate quando messo in crisi da intense precipitazioni atmosferiche. Va benissimo tessere le lodi del comparto fisico, in grado di gestire in maniera molto convincente la moto, le condizioni dell'asfalto e quant'altro ma è un peccato constatare che altrettanta cura non è stata posta nel comparto grafico che, agli sgoccioli dell'attuale generazione, appare datato e poco entusiasmante.

SBK Generations La nuova beta di SBK Generations che abbiamo testato, risulta troppo incompleta per esprimere un giudizio definitivo sul gioco. Sui pochi contenuti disponibili però, il nostro parere è positivo, per quel riguarda il gameplay, la simulatività e la fisica di gioco (sebbene identiche o quasi al predecessore) ma negativo per quel che riguarda le novità effettive e il comparto tecnico, ormai poco più che sufficiente. Le caratteristiche, per quel poco che abbiamo potuto saggiare, sono quelle di un semplice add on, ed anche il prezzo, 39 euro al lancio, suggerisce che il gioco si presenterà in forma di aggiornamento, più che come una edizione completa. In ogni caso è presto per un giudizio perentorio: rimandiamo quindi in sede di recensione, tra qualche settimana.

Che voto dai a: SBK Generations

Media Voto Utenti
Voti totali: 27
6.3
nd