E3 2011

Hands on Skylanders Spyro's Adventure

Spyro si reinventa

hands on Skylanders Spyro's Adventure
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Wii
  • Ps3
  • 3DS
  • Pc

Londra, showcase pre-E3 di Activision - Skylander Spyro's Adventure è la freccia originale scagliata da Activision per colpire i cuori dei videogiocatori più piccini. Un'interessante intermediazione fra videogame, collezionismo e il classico gioco tramite action figures, quello che scaturisce dalla voglia di tenere sul palmo i propri eroi, manipolandoli ed inventando per loro mille e più avventure. Una prassi comune ai bimbi (più o meno cresciuti) di ogni età.
L'idea nuova di Activision, che potrebbe squarciare varchi invero interessanti per il mercato, è quella di sgretolare le barriere che da sempre dividono il divertimento digitale da quello "fisico", esplorando così il passaggio da action figures a interaction figures, ovvero la possibilità di utilizzare dei giocattoli all'interno di un videogioco.
L'occorrente per un simile prodigio è presto detto: il tutto ruota intorno al Portale del Potere, una speciale base collegabile alla console via usb (o in wireless) Appoggiandovi sopra le interaction figure di cui sopra, ovvero i 32 Skylander progettati dagli sviluppatori, queste prendono vita sullo schermo, diventando manovrabili in un tutt'uno col caleidoscopico mondo di gioco. La "magia" tecnologica che dà vita agli Skylander è davvero sorprendente e semplicissima da utilizzare secondo le dinamiche del jump in/drop out. Si parcheggia uno Skylander sul portale ed eccolo che compare sullo schermo, pronto ad essere comandato tramite pad. Lo si toglie, ed eccolo che scompare istantaneamente. Facile, indolore e squisitamente d'effetto.
Ogni Skylander possiede inoltre una scheda di memoria che registra i progressi compiuti dal giocatore, così come gli oggetti e le abilità conquistati o l'esperienza complessiva, in modo da poterli riutilizzare anche a casa di un amico.
La natura di Skylander Spyro's Adventure è profondamente legata alla condivisione, allo scambio e dunque al multiplayer. Al vertice di questa filosofia troviamo il cross-plaftorm: le varie interaction figures sono quindi utilizzabili e intercambiabili sia su Wii che su Xbox 360 o PS3, un'opportunità che potrebbe da sola trasformare la scommessa di Activision in un nuovo successo commerciale.
In pratica è possibile iniziare l'avventura sulla home console Nintendo, per poi proseguirla a casa di un amico -dotato anch'egli del Portale del Potere e di una copia del gioco, naturalmente-, magari su Playstation 3. Comodo, no? In linea del tutto teorica e abbastanza venale, si potrebbe gustare Skylander Spyro's Adventure possedendo solamente le varie interaction figure, sfruttando sistematicamente l'ospitalità dei propri amici. Un'opportunità che potrebbe ulteriormente aiutare la penetrazione del gioco nel mercato attuale. Perché si andrebbe ad abbattere il costo delle macchine da gioco, per molti ancora poco abbordabili nonostante gli anni di permanenza sul mercato e conseguenti price drop.
Ma non è finita qui: ogni Skylander possiede un codice univoco, utilizzabile poi per continuare l'avventura sul www, accedendo ad un web game dai connotati ancora incerti. Un'idea, quella di spalmare l'esperienza di gioco su più dispositivi (anche su PC e 3DS, per esempio) potrebbe interessare anche una fascia di utenza solitamente esclusa dal mercato classico dei videogiochi, o magari più incline alle derive casual o mobile.
I prezzi, per ora, rimangono confinati al mercato statunitense: il set base si compone del gioco, ovviamente, del Portale del Potere e tre Skylander, il tutto a 70 dollari. Ogni Skylander costerà intorno ai 10 dollari, sebbene già con il set base il gioco sia completabile. La promessa di Activision, per rendere probabilmente egualitaria l'offerta, è quello di escludere contenuti downloadabili, prediligendo altri canali di vendita (negozi di giocattoli, grande distribuzione, edicole) anche per le action figure speciali (già annunciate) e per i pack aggiuntivi che andranno ad espandere il mondo si Skylander Spyro's Adventure.

E il gioco? L'opera è un platform canonico, con venature action e hack'n slash. La visuale, top-view con telecamera dinamica ma non gestibile direttamente, aiuta a focalizzarsi sull'azione, anche quando si gioca in 2 (numero massimo di giocatori consentito).
Il fulcro è ovviamente rinchiuso nelle peculiarità dei singoli Skylander, trentadue divisi in diverse classi di appartenenza (poteri elementali, tecnologia, ecc.). Gli scontri, a seconda di chi si è scelto di utilizzare, cambiano radicalmente così come gli approcci agli stessi. Lo spettro di varietà pensato dagli sviluppatori è quindi ricchissimo, inoltre alcune parti del mondo di gioco sono esplorabili sono utilizzando una determinata classe di interaction figure. Il mare, per esempio, è un elemento presente nei livelli iniziali visionati, ma ovviamente è esplorabile solo utilizzando personaggi come Gill Grount.
Il tasso di sfida è ovviamente settato per un target poco hardcore, con un level design attento a ricreare effetti spettacolosi più che puzzle ambientali contorti. L'azione, comunque, brilla per un buon ritmo, soprattutto quando si gioca in cooperativa.
Interessante, infine, l'opzione Battle, in cui due Skylander se ne devono dare di santa ragione all'interno di specifiche arene, disseminate di trappole di ogni genere. Sfidare un amico significa mettere in palio i collectibles raccolti durante l'avventura, così come mettere sul piatto una parte del proprio livello di esperienza.
L'unica versione testata è quella Wii, che confessa un cifra stilistica sicuramente azzeccata, con un uso sgargiante della gamma cromatica e buoni effetti speciali che incorniciano un'area di gioco invero ricchissima di spunti e contenuti. Il chara design è senza dubbio eccellente, con personaggi spiccatamente caratterizzati, al pari delle rifiniture dei giocattoli stessi, definiti con estremo zelo.
Peccato solo per i cali di frame rate, che durante alcuni scontri congestionavano non poco la leggibilità dell'azione. Problemi, comunque, imputabili più all'acerbità del codice che ad altro.

Skylanders Spyro's Adventure Skylander Spyro’s Adventure, non possiamo negarlo, ci ha davvero stregati. Pur essendo un titolo kids oriented, apprezziamo lo sforzo artistico e produttivo di Activision, che davvero potrebbe portare una ventata di aria freschissima nel panorama moderno, senza contare una natura cross-platform aperta e quanto mai in linea con i tempi. Vedremo come il colosso americano alimenterà nel tempo questa sua nuova creatura, e quali saranno le politiche di prezzo per il Bel Paese. In ogni caso, ottimo lavoro Activision.