E3 2013

Hands on The Wonderful 101

Decisi passi avanti per la nuova creatura Platinum Games

hands on The Wonderful 101
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii U
Alessandro Mazzega Alessandro Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente al mondo dei videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di sviluppo, attualmente in Forge Reply. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Ci si attendeva molto da Nintendo all'E3 di quest'anno, soprattutto dopo l'annuncio della cancellazione dell'abituale press conference, ed effettivamente gli annunci sono arrivati, molti dei quali tramite il Nintendo Direct trasmesso poche ore prima dell'apertura ufficiale della fiera.
Se molti dei titoli svelati, tra i quali lo strepitoso nuovo episodio di Mario Kart, hanno donato nuova fiducia agli acquirenti di Wii U, ci sono ancora dei dubbi per quanto riguarda l'immediato. Purtroppo molti dei titoli di primo piano raggiungeranno il mercato solo nel 2014; quali possono quindi deliziare i fan di Nintendo per l'estate in arrivo? Oltre a Pikmin 3, finalmente in dirittura, anche The Wonderful 101 potrà allietare i caldi pomeriggi di Agosto.Nel corso della kermesse losangelina lo abbiamo provato, grazie a ben due demo multiplayer che ci hanno dato un interessante assaggio di tutti i miglioramenti apportati dal team nei mesi che ci hanno separato dall'ultimo avvistamento.

Decisi passi avanti

Più volte abbiamo avuto modo di provare The Wonderful 101 e ogni volta siamo rimasti estasiati per lo stile e per la follia del concept. Dall'ultimo hands on, però, sono passati parecchi mesi e alcuni comparti hanno subito un drastico miglioramento.
In prima istanza i controlli che, soprattutto tramite Game Pad, sono ora decisamente più reattivi. Migliorato inoltre il riconoscimento delle gesture, che può ora avvenire utilizzando sia lo stick analogico, sia disegnando direttamente sul touch screen con un dito.
Anche i controlli, con l'ormai rodata accoppiata Wiimote e Nunchuck, hanno fatto sostanziali passi avanti, rendendo finalmente giustizia ad una modalità multiplayer che, come vedremo, si preannuncia esilarante e divertentissima.
Anche graficamente il lavoro svolto dal dev team si nota, per quanto più che in termini di dettaglio puro -limitato a causa dello stile netto adottato per l'intera produzione- è il framerate ad aver subito un deciso tweak, soprattutto in presenza di tantissimi super eroi ed avversari su schermo contemporaneamente, con tantissimi nuovi effetti per sottolineare la spettacolarità delle armi.Proprio le armi sono uno dei marchi di fabbrica di The Wonderful 101: disegnando una linea retta, ad esempio, potremo trasformare i nostri eroi in spade, la cui lama sarà tanto lunga quanti saranno in quell'istante i componenti del gruppo. Con una linea curva si otterrà una micidiale frusta, in grado di colpire con un raggio più ampio rispetto alla spada, mentre una linea spezzata ad angolo retto darà luce ad una pistola dalle gigantesche pallottole. Ovviamente saranno presenti anche numerosi strumenti di difesa: si potrà fondere temporaneamente il proprio party in un budino in grado di assorbire i colpi nemici, oppure far tuffare tutti i super eroi per una schivata dalle sembianze di un prorompente flusso d'acqua, riuscendo a spostarsi rapidamente da una zona all'altra. Ogni volta che perderemo dei componenti della squadra, infine, potremo agilmente rimpolpare le fila assimilando ignari cittadini al team; semplicemente disegnando un cerchio attorno agli interessati e trasformandoli loro malgrado in un super eroe immediatamente capaci di lottare al nostro fianco.Meccaniche di gioco semplici ed intuitive quelle di The Wonderful 101, che riesce a catapultare subito al centro dell'azione il giocatore, proponendo una struttura immediata ed assuefacente ma soprattutto immediatamente riconoscibile ed adatta a tutti.

In tanti è meglio

Sono due le demo multiplayer presenti sullo showfloor dell'E3, una aperta a soli due giocatori, l'altra ad un massimo di tre. Nella prima due compagni, ognuno con il proprio gruppo di super eroi, dovranno ripulire progressivamente le vie della città: circondati da palazzi, villette e grandi magazzini i nostri eroi dovranno barcamenarsi tra spazi ristretti, e sarà quindi sarà necessario coordinarsi per sconfiggere gli alieni in arrivo ad ondate progressive. Gli alieni saranno accompagnati da robot ed equipaggiati con armi di ogni tipo, quindi bisognerà necessariamente adattare la propria strategia all'andamento della battaglia, cercando anche di limitare i danni ai veicoli parcheggiati ed alle strutture governative (da bravi super eroi). Ben più interessante l'altra sezione, nella quale tre giocatori sono chiamati ad affrontare un'orda di robot nemici in uno stadio da baseball. Si tratta di una zona della città più ampia, quindi maggiormente adatta ad un più elevato numero di giocatori. In questo caso il caos generato dalle centinaia di personaggi contemporaneamente a schermo non diminuirà la fruibilità del gameplay, a volte compromessa in altre condizioni. Il divertimento in multiplayer è insomma assicurato, anche se la struttura dei livelli si fa decisamente più lineare rispetto alla campagna single player, dove è possibile, ad esempio, esplorare la città in maniera meno costrittiva. The Wonderful 101, in ogni caso, diverte e convince: questa volta non solo per il peculiare stile grafico che accompagna la produzione ma anche per un gameplay dinamico ed assuefacente ed una buona varietà anche in multiplayer. Da bilanciare leggermente la quantità di nemici ed alleati a schermo nelle più contenute sessioni a due giocatori. L'alto tasso di attività rischia infatti di creare troppa confusione a schermo, offuscando il divertimento con una mole sin troppo invasiva di effetti. Già ora perfette, al contrario, le sessioni a tre giocatori, ideali per folli sessioni in compagnia.

The Wonderful 101 In molti hanno spesso definito The Wonderful 101 come "un episodio di Pikmin sotto steroidi". In realtà, per quanto possa sembrare, i due titoli non hanno così tanto in comune e anche le modalità multiplayer sono in gran parte differenti: quella del titolo di Platinum Games è inizialmente molto caotica ma una volta assimilate le meccaniche il gioco di squadra farà il resto, permettendo quindi di sconfiggere ondate su ondate di nemici, annichilendoli grazie alla moltitudine di folli armi a disposizione. Proprio quest'esagerata dose di entropia rimane il dubbio più grosso riguardo al gameplay ed alla sua effettiva fruibilità. Considerando che in alcuni frangenti il numero di giocatori massimo è cinque, non nascondiamo di essere un po' preoccupati per la mole di elementi potenzialmente contemporanei a schermo. Anche se, lo ammettiamo, il match disputato in tre ha mostrato che l'ampiezza delle location potrebbe fare davvero la differenza. Si tratta, in ogni caso, di un titolo fuori dagli schemi, particolarissimo e con un suo carattere ben definito: un prodotto senz'altro di nicchia, che i fan delle produzioni Platinum Games fanno bene ad attendere con la bava alla bocca.

Che voto dai a: The Wonderful 101

Media Voto Utenti
Voti totali: 15
7.1
nd