Hearthstone Oggi alle ore 18:00

Seguiamo in diretta la finale del Winter Championship!

Hands on Toki Tori 2

Il pulcino (che non fa Pio...) debutta su Wii U con un gameplay tutto nuovo e colmo di zoofile novità

hands on Toki Tori 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
  • 3DS
  • Wii U
  • Pc
  • PS4
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Toki Tori 2 non è il Toki Tori che ci ricordavamo. Il tenero pulcino debuttante su Game Boy Color e in anni più recenti su Wii, mobile e computer si appresta alla pubblicazione su Wii U con un nutrito carico di novità.
La creatura di Two Tribes dopo anni di porting e guadagni in forma di rendita si rinnova nella sostanza per svecchiare gli enigmi proposti e incontrare una fascia di giocatori meno esigenti. Con estrema curiosità abbiamo così messo le mani su alcuni livelli in occasione della Wii U Experience a Francoforte, discutendo in seguito con il simpatico Martin Reuvers, co-fondatore di Two Tribes, sui propositi di pubblicazione e supporto post-lancio.

Il pulcino, re della giungla

Vi ricordate come funzionava Toki Tori su Game Boy Color? Il pulcino protagonista veniva depositato in un punto del livello e doveva raggiungere l'uscita designata sfruttando gli strumenti a disposizione (teletrasporto, ponti, scalette, ecc...) e qualora presenti evitare le minacce nemiche. L'enfasi era posta sull'attraversamento (perlopiù verticale) dello scenario, sulla logica posta dietro l'utilizzo dell'oggetto giusto nel posto giusto. Nessuno ha mai detto che gli stage di Toki Tori fossero semplici o elementari, ma stando a quanto ci dice Reuvers le lamentele e i piagnistei devono aver intasato la casella postale di Two Tribes.
Toki Tori 2 è quindi leggermente più accessibile: il level design è strutturato per consentire a un numero maggiore di persone di vedere la fine di ciascuno dei 30 livelli inizialmente disponibili; per tutti gli altri, però, cresce il numero di collectibles e uscite alternative che fanno schizzare verso l'alto la prestazione complessiva.
Il gameplay si impernia sulla presenza di altri animali oltre al pulcino, ciascuno dei quali è funzionale al superamento di un ostacolo. In tutto saranno una quindicina ben sparpagliati tra le diverse classi zoologiche: Reuvers ci fa notare che non vi è alcuna linea di testo in tutto il gioco e quindi sta al giocatore comprendere le abilità di ciascuno e piegarle ai propri scopi correnti.
Nel livello da noi testato abbiamo fatto la conoscenza con un uccello dalle piume turchesi e un rana golosona di colore viola. L'enigma affrontato funzionava in questo modo: incappati in un vicolo cieco tutto ciò che potevamo fare era raggiungere il livello superiore, ma nelle vicinanze non vi erano scale né agili saltelli. Possiamo fischiettare e richiamare così il pennuto che svolazzava sopra la nostra testa il quale è ben felice di trasportarci sin sull'altura bramata. Ma come oltrepassare il burrone poco più avanti? Si fa così: con uno stomp (chiamiamola sederata...) si risveglia il gracidante anfibio, quindi il fischiettio riconvoca l'uccellino il quale raccoglie del cibo, che viene a sua volta ingurgitato dalla rana, la quale come conseguenza emette una bolla all'interno della quale possiamo superare il salto nel vuoto e guadagnare la fine del livello.
Contorto? Difficile? Impossibile? Ammettiamo di esserci rivolti agli sviluppatori per escogitare la soluzione, ma il puzzle propostoci era stimolante, curioso e sopratutto totalmente differente rispetto al primo episodio.
Toki Tori 2 ha molto altro in serbo. Un altro livello è calato nell'oscurità più nera: prima di procedere alla soluzione dell'intero puzzle è buona cosa rischiarare un po' l'aria. Ci sono alcune lucciole che possono essere destate grazie al fischiettio del pulcino, ma occorre un suono differente rispetto a quello usato per interagire con l'uccello turchese. Piuttosto è necessario modulare il fischiettio attraverso pressioni più o meno prolungate del tasto: anche in questo caso nessuno spartito o cartello esplicativo, ma l'importanza di apprendere con l'esperienza nuovi modi per affrontare i puzzle proposti.

Dopo aver giocato a Toki Tori su Game Boy e smartphone, ritrovarselo su Wii U in Alta Definizione è una sensazione straniante. Il comparto grafico è rimasto fedele all'impostazione del predecessore, dettata da forme tondeggianti e colori a tinta unita. L'impatto iniziale ricordava la plastilina, materiale utilizzato per cortometraggi e lungometraggi in stop motion caratterizzato da animazioni minimali e non troppo raffinate. Ecco il pulcino di Toki Tori 2 ha una camminata impacciata, svolazza timidamente, quasi mai cambia espressione, ma bastano anche questi pochi tratti per prenderlo in simpatia.
Graficamente non ci troviamo certo al top delle possibilità offerte da Wii U, ma lo stile colorato è ben supportato dall'HD e il design degli animali di supporto è frizzante quasi quanto quello del pulcino.
La console Nintendo in uscita il 30 Novembre sarà la piattaforma d'esordio di Toki Tori 2. Al contrario di Nano Assault Neo non sarà disponibile al day one, ma nelle settimane successive; solo in seguito Two Tribes rilascerà il gioco su PC via Steam e l'anno prossimo anche su iOS. Tra le idee che frullano nella testa di Martin Reuvers vi è quella di un editor cross-platform, tale cioè da consentire la creazione di un livello su Wii U per poi scambiarlo con un utente Steam o iOS. Ci stanno lavorando sopra, ma è un idea che merita di essere realizzata, specie perchè l'editor della versione Wii U usa il touch screen del controller come tavoletta grafica e trasforma immediatamente i pixel in elementi finiti dello scenario sul televisore.

Toki Tori 2+ Toki Tori 2 cambia inaspettatamente le carte in tavole e modella il suo gameplay su meccaniche differenti rispetto a quelle del predecessore: fischiettii e sederate per interagire con un dozzina di animali indispensabili per raggiungere la conclusione degli stage. La versione Wii U sarà la prima ad essere commercializzata, seguita poi da Steam e iOS: i ragazzi di Two Tribes hanno intenzione di realizzare un editor tale da condividere i livelli creati tra tutte le piattaforme di gioco. L'editor della console casalinga Nintendo funziona a meraviglia sfruttando la sinergia tra televisore HD e touch screen, per cui speriamo che l'idea degli sviluppatori possa trovare seguito...