Hands on Trine 2: Director's Cut

Su Wii U l'edizione più completa di Trine 2!

hands on Trine 2: Director's Cut
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii U
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Se guardiamo alla line up iniziale di Wii possiamo affermare con sicurezza che i platform non mancano. Tutto il contrario: New Super Mario Bros. U e Rayman Legends fanno la parte del leone, poichè saranno acquisti imprescindibili per molti early-adopter insieme alla console.
Casomai vi stancaste delle atmosfere colorate del Regno dei Funghi o il tratto in stile comic della mascotte Ubisoft, potete trovare sull'eShop Trine 2: Director's Cut di Frozenbyte che per atmosfere e tocco artistico è praticamente agli antipodi. Il motore grafico totalmente tridimensionale ed i paesaggi fiabeschi ci hanno ricordato la serie Pandemonium che furoreggiava su Playstation.
Abbiamo provato due livelli esclusivi della versione Wii U in occasione dell'evento a Francoforte cui abbiamo partecipato: è straniante trovare un videogioco così pc-oriented e dalle tinte fosche su una console della casa di Kyoto!

Picchiatori medievali

Trine 2: Director's Cut è la versione espansa e riveduta di quel Trine 2 che abbiamo potuto assaporare negli ultimi dodici mesi su PC, Xbox 360 e Playstation 3. L'avventura ha inizio quando il Trine (l'artefatto magico visto nel primo capitolo) richiama gli eroi (un mago, una ladra e un cavaliere) al loro destino, a loro il compito di scoprire l'origine di alcuni eventi inconsueti che minacciano l'intero regno. Quindi il plot si fa sempre più sfumato, sempre più elusivo fino a scomparire del tutto per lasciare posto al gameplay vero e proprio. Lo stile è quello tipico di un platform a scorrimento in cui il salto è l'azione primaria, quindi viene il combattimento corpo a corpo o dalla distanza e in ultima istanza qualche spolverata di enigmi ambientali sfruttando fino in fondo abilità e magie dei tre eroi.
Amadeus, il mago, è in grado di materializzare dal nulla blocchi ed assi da usare per oltrepassare ostacoli altrimenti impossibili, con in più la capacità di far levitare questi oggetti così come i nemici. Pontius, il cavaliere, brandisce un pesante martello da guerra, che può essere eventualmente lanciato come un boomerang, e si difendendo con lo scudo.
Infine Zoya, la ladra dal passo silenzioso, con il suo rampino e le frecce esplosive, di fuoco e ghiaccio riesce facilmente a tenere a bada qualsiasi goblin.

Strizzando l'occhiolino alla scuola RPG Trine 2: Director's Cut contempla uno skill tree per ciascuno dei tre personaggi, la cui crescita non può essere lasciata al caso poichè solo attraverso un'amalgama dei poteri dei tre eroi si è in grado di superare tutte le prove che il gioco ci chiede di affrontare siano esse di combattimento o di risoluzione degli enigmi.
E' possibile affrontare su PC così come su Wii U l'intera avventura in cooperativa assieme ad altri due amici, sia online che in locale. Affrontare gli ostacoli in cooperativa, con tutti e tre gli eroi a schermo, enfatizza il gameplay e permette di trovare soluzioni funambolesche altrimenti impossibili da compiere. Notevoli le opzioni per personalizzare la propria esperienza online: dal poter impostare tre differenti livelli di difficoltà fino alle voci Classic ed Unlimited. Con la prima ciascun giocatore potrà scegliere un personaggio -che non potrà cambiare- poco prima che inizi il livello. La seconda invece si comporta come in single-player, tutti potranno controllare ogni personaggio dovendo così coordinarsi al meglio in-game.
In locale si possono sperimentare le più svariate combinazioni di controller: un solo giocatore può impugnare il tablet-controller di Wii U, ma gli altri due possono scegliere se impugnare l'accoppiata Wiimote e Nunchuck oppure il Classic Controller Pro.

What's new on Wii U?

La versione per console Nintendo esce a circa un anno di distanza dall'originale release su PC, Xbox 360 e Playstation 3, potendo beneficiare di un trattamento favorevole rispetto ai meri porting per le console Microsoft e Sony. Trine 2 in edizione riveduta e corretta si fregia dei 13 capitoli dell'avventura principale e dei 6 appartenenti all'espansione scaricabile The Goblin Menace pubblicata su Steam. In aggiunta Frozenbyte ha realizzato un capitolo bonus che sarà giocabile solo nella versione Wii U, mentre l'assenza per il momento di piani circa la pubblicazione del DLC anche su Xbox 360 e Playstation 3 regalano un'inaspettata esclusiva alla console Nintendo.
La demo da noi testata proponeva proprio due stage tratti dall'espansione: Deadly Dustaland e Brackenridge Rised. Il primo di media difficoltà si ambientava in un deserto costellato di dune a perdita d'occhio: un'avventura atipica per il terzetto fantasy che tra mostri di sabbia e tombe egizie, dove si risvegliano alcune mummie con notevoli effetti scenici impostati su più piani visivi. Il secondo dalla difficoltà più sostenuta è più affine alle atmosfere medievali grazie ai torrioni presenti sullo sfondo, i ruscelletti che interrompono il cammino dell'eroe ed un drago sputafuoco inizialmente appollaiato su una roccia all'orizzonte diretto in volo proprio nel mezzo dell'azione di gioco!
Il sistema di controllo purtroppo non è all'altezza delle aspettative. Essendo un gioco pensato per mouse e tastiera, l'approdo su gamepad si rivela un'esperienza complessa oltremodo: Trine 2: Director's Cut si appoggia al doppio stick per muovere il personaggio e manovrare uno schizofrenico mirino, ai tasti dorsali per selezionare l'arma e cambiare al volo il personaggio e per finire qualche opzione sul touch screen che anzichè semplificare ampliano il disorientamento del giocatore. Chissà se il team di sviluppo ha sperimentato una combinazione tra lo stick per il movimento e il pennino su schermo tattile per quanto riguarda gli attacchi e il mirino: forse sarebbe risultata più intuitiva e meglio caratterizzante il porting su Wii U, sopratutto perchè sullo schermo del controller è semplicemente rappresentata la medesima immagine presente sul televisore...

L'aspetto grafico è la componente meglio riuscita di Trine 2: Director's Cut. Pur impostato secondo una visuale bidimensionale, il gioco è completamente in tre dimensioni; gestione della fisica e modellazione poligonale non hanno nulla da invidiare a produzione più blasonate, mentre la pulizia dell'Alta Definizione eleva il titolo Frozenbyte sull'Olimpo delle bellezze artistiche della prossima console Nintendo. I colori, densi e poetici, danno corpo all'ambiente che di rimbalzo diventa tangibile e vivo: spostarsi da un check-point all'altro diventa veramente un piccolo viaggio incantato, tant'è che le sbavature di alcuni liquidi o l'inconsistenza delle esplosioni vengono immediatamente perdonate. Trine 2 è poesia allo stato puro, ogni passaggio è ispirato, ogni livello risponde a un codice architettonico coerente e sorprendente e l'inquadratura gioca costantemente con l'illusione tridimensionale in un mondo bidimensionale.

Scaricalo!

Nintendo al momento mantiene il più stretto riserbo per quanto riguarda i suoi piani per l'e-shop di Wii U. Nessun prezzo confermato e nessuna data d'uscita certa per quanto concerne la prima infornata di titoli. Alla Wii U Experience abbiamo provato lo sparatutto Nano Assault Neo (il cui peso dovrebbe aggirarsi attorno agli 80 MB), il puzzle/platform Toki Tori 2 e ovviamente Trine 2. Nel 2013 dovrebbero uscire il successore spirituale di World of Goo Little Inferno, lo shooter 2d Mighty Switch Force! HD, il seguito di Bit.Trip Runner e l'avventura grafica di Double Fine The Cave.

Trine 2: Director's Cut Trine 2: Director's Cut approda su Wii U con un trattamento di favore che ne eleva la sostanza artistica e ludica, ripulendo il codice da eventuali bug e adattandone i comandi. La versione Nintendo avrà in esclusiva console l'espansione The Goblin Menace più un capitolo di gioco inedito, nonchè opzioni più agili per quanto riguarda il multiplayer in locale. Peccato solo che la mappatura dei controlli è confusionaria, pensata per l'accoppiata mouse e tastiera più che ad un controller; gli sviluppatori potevano ripensare interamente il modo di giocare mediante il touch screen, ma purtroppo non lo hanno fatto... Giusto ieri via e-mail gli sviluppatori ci hanno confermato che il gioco è pronto e che stanno cercando di rilasciarlo il giorno di lancio, tutt'al più nel mese di Dicembre. Il prezzo è leggermente superiore a quello su Steam e dovrebbe essere di 19 euro.

Quanto attendi: Trine 2: Director's Cut

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 16
70%
nd