Hands on Warhammer Online: Wrath of Heroes

Free to Play ancora da smussare

hands on Warhammer Online: Wrath of Heroes
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc

La celebre saga di Warhammer, nata dal successo del gioco da tavolo, ha sfornato su PC una marea di titoli che spaziano tra i più svariati generi: strategici, third person shooter, mmorpg e adesso persino una sorta di moba in terza persona. Wrath of Heroes nasce infatti dal successo (o per meglio dire dall'insuccesso) dell'mmorpg theme park Warhammer: Age of Reckoning concepito dai ragazzi Mythic Entertainment. Dopo lo scarso successo per mancanza di abbonati, questo titolo è passato all'abusata forma free to play seguendo così le orme di molti suoi concorrenti mentre Bioware si è preoccupata di sviluppare Wrath of Heroes, un PvP Battle Arena che fa il verso al genere moba seppur personalizzato con le caratteristiche di gioco e l'engine grafico della fatica Mythic. L'idea per lo sviluppo è nata dalle numerose richieste dei fan di Reckoning, i quali chiedevano ad alta voce scontri in PvP tra tre fazioni, proprio come accade nel gioco da tavolo sviluppato da Games Workshop.

LA FURIA DEGLI EROi

Non è facile dare un genere di appartenenza a Wrath of Heroes visto il gameplay molto simile a produzioni come Dota e League of Legends che però utilizza le meccaniche di un mmorpg grazie al comparto tenico di Age of Reckoning.
Con la tastiera controlleremo i movimenti del personaggio mentre il mouse gestisce la visuale. Purtroppo il sistema di controllo di questa versione beta non è stato bene affinato e tende ad influire negativamente sull'esperienza di gioco. I combattimenti infatti, che siano all'arma bianca o a distanza tramite magie e frecce, risultano estremamente macchinosi visto che il giocatore viene forzato ad utilizzare i tasti numerici dall'1 al 4 per lanciare il tipo di attacco tenendo sempre d'occhio la giusta distanza dal nemico. Tutto ciò, insieme ad un sistema di targeting approssimativo, fa si che il confronto con gli avversari incida esclusivamente sulla fortuna e potenza dell'attacco lasciando da parte abilità e astuzia (almeno per ora).
Il titolo è focalizzato unicamente sul comparto multigiocatore online e vi sono presenti due modalità di gioco: Conquista e Arena. Nella prima i giocatori si contendono le bandiere sparse per la mappa cercando di guadagnare ticket e, una volta esaurito il countdown, il team che ne possiede di più vince. La modalità Arena invece si rifà al classico team deatmatch dove le tre squadre si danno battaglia su una mappa ben delimitata.
Il numero degli eroi che potremo usare negli scontri al momento si aggira intorno alla dozzina, di cui solo tre sono gratuiti. Per sbloccare i successivi personaggi dovremo raccogliere monete oro che otterremo in base alle nostre vittorie, oppure grazie ad una slot machine che si attiva quando compiamo determinate azioni, come loggare frequentemente sul server o uccidere un gran numero di nemici. Il costo di questi personaggi ruota intorno alle 30,000 monete d'oro, un prezzo decisamente alto anche per i giocatori più performanti. Ovviamente si può aggirare questo sistema con lo shop a pagamento che permente di convertire il denaro reale in gemme. Ma considerato il fatto che per sbloccare un personaggio ci vogliono circa 125 gemme (equivalente delle monete), il prezzo in valuta ruota intorno ai 10,00 €, che riteniamo una tariffa decisamente poco user friendly.
I quattro personaggi disponibili gratuitamente sono uno spadaccino specializzato nel corpo a corpo, una maga del fuoco, uno Skaven specializzato negli attacchi a distanza con abilità elusive ed infine una veloce elfa armata di picca.

Se il quartetto di eroi disponibile fin da subito riesce a equilibrarsi bene negli scontri con le loro controparti, quando fa il suo ingresso un personaggio a pagamento l'ago della bilancia punta drasticamente a suo favore rendendo l'esperienza molto frustrante in questa fase beta.
A tal proposito viene in aiuto al giocatore la possibilità di personalizzare l'equipaggiamento del proprio parco eroi. Sono presenti un massimo di tre slot attraverso i quali possiamo equipaggiare pozioni e abilità attive e passive che aiuteranno le nostre perfomance. Peccato che la personalizzazione non vada oltre a questo: ad esempio non si possono né raccogliere né indossare armature e l'unico modo per cambiare l'aspetto del proprio personaggio è quello di comprare delle skin tramite lo store online.
Dal punto di vista tecnico nulla è cambiato da Warhammer: Age of Reckoning e viene utilizzato il medesimo motore grafico, il quale inizia davvero a sentire il peso degli anni persino nel mercato free to play. La personalizzazione dei filtri nelle opzioni grafiche è decisamente povera e si riduce solo all'ottimizzazione degli shader e alla qualità delle texture. Naturalmente questo permette anche ai pc meno performanti di far girare il titolo senza troppi problemi: noi l'abbiamo provata su un I5 con 8gb di ram ed una 560 ti senza riscontrare cali.
Per quanto riguarda il netcode di questa versione non definitiva, dobbiamo confessarvi che l'abbiamo trovato davvero poco ottimizzato. Infatti più di una volta, causa latenza, non riuscivamo a colpire i nostri nemici con gli attacchi in mischia o ci siamo ritrovati alla schermata di respawn diversi secondi prima che il nostro personaggio cadesse a terra.
Al momento la open beta è disponibile sul sito ufficiale del gioco e per potervi accedere è necessario possedere o creare un account su Origin, anche se il titolo non richiede la piattaforma di casa EA per girare.

Warhammer Online: Wrath of Heroes L’idea di portare Warhammer con tutte le sue classi e razze di personaggi nel mondo dei moba è eccellente. Peccato che dal punto di vista tecnico e del gameplay questa beta risulti carente sotto molti aspetti. C’è ancora molto da fare affinché questo titolo possa competere nell’agguerrito mercato free to play e ci auguriamo che Bioware riesca ad essere all’altezza della situazione, come da usuali pronostici.

Quanto attendi: Warhammer Online: Wrath of Heroes

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 25
43%
nd