Rainbow Six Siege Adesso online

Scopriamo le ultime novità dello sparatutto Ubisoft!

Hands on WoW: Patch 4.3

Lo scontro con Deathwing è infine giunto!

hands on WoW: Patch 4.3
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc

Manca pochissimo al 21 e 22 Ottobre, quando ad Anaheim si svolgerà la Blizzcon 2011, dove verranno svelati i dettagli della prossima espansione di World of Warcraft. Da qualche giorno la Blizzard ha rilasciato sul Public Test Realm la versione 4.3 del MMO più giocato al mondo, probabilmente l'ultima patch di Cataclysm. Al di là dei nuovi contenuti ricorrenti in una nuova patch (dungeon, raid e casual-content), troviamo anche nuove funzionalità che ci fanno intuire la direzione che prenderà il gioco nel prossimo futuro e che probabilmente sarà confermata alla Blizzcon con le anticipazioni della prossima espansione. Ma andiamo a vedere nei dettagli cosa ci aspetta.

5 Men Dungeons

Il raid in cui andremo ad affrontare l'epico combattimento contro Deathwing sarà introdotto da tre Dungeon che permetteranno ai giocatori di vivere la storia che porta al confronto finale. Questi dovranno essere sbloccati in sequenza, esattamente come avvenuto per quelli della Frozen Citadel nella scorsa espansione.
Il primo è chiamato End of Time: i giocatori dovranno andare avanti nel futuro per vedere cosa succederà ad Azeroth nel caso in cui non si riesca a sconfiggere Deathwing. Ci aspetta quindi un mondo morto e desolato, in cui dovremo scoprire e sconfiggere un essere fuori dal continuum storico che sta impedendo all'Aspect del tempo Nozdormu una chiara visione del passato. Combatteremo dunque gli echi malvagi di quattro grandi eroi di Azeroth: Sylvanas Windrunner, Tyrande Whisperwind, Jaina Proudmoore e Baine Bloodhoof. Di questi ne affronteremo due scelti a caso, per combattere infine contro il drago Murodonz.
Una volta che avremo riaperto la strada del passato, Nozdormu ci invierà nel Well of Eternity ad assistere a uno dei momenti più devastanti della storia di Azeroth: la War of the Ancient. In questo momento storico, la regina Azshara aprì per la prima volta un portale alla Burning Legion. Il nostro scopo sarà quello di recuperare l'arma necessaria a sconfiggere Deathwing, ovvero la Dragon Soul. Nulla potremo fare però per impedire i tragici eventi messi in moto da Azshara in quel distante passato.
Dopo aver recuperato il potente artefatto, visiteremo Dragonblight per consegnarlo agli altri Aspect che ci aiuteranno a sconfiggere Deathwing. In Hour of Twilight scopriremo che il Wyrmrest Temple è assediato dalle forze del Twilight's Hammer. In questo caso dovremo farci largo in mezzo ai nemici per compiere la nostra missione e consegnare la Dragon Soul: solo così sarà possibile lanciare l'assalto finale a Deathwing.

Avendoli provati sul test realm, vi possiamo anticipare che siamo rimasti piacevolmente colpiti da un cambio di rotta da parte della Blizzard. I dungeon in questa espansione sono stati caratterizzati da una lunghezza e una durata media molto più elevata dei precedenti di Wrath of the Lich King. Per quanto nessuno abbia mai raggiunto gli orrori di Shadow Labyrinth eroico, a meno di non avere un gruppo molto ben equipaggiato, si dovevano preventivare intorno ai 40 minuti per finirne uno e ottenere la ricompensa giornaliera. Questi nuovi tre Dungeon invece tornano ad avere una quantità di trash mob decisamente esigua e non superano i tre boss, consentendo di terminarli anche in soli 20 minuti, anche meno se si conoscono già bene le strategie. Anche come livello di difficoltà sono piuttosto abbordabili: in questa fase dei test, una volta entrati nell'istanza si riceve un debuff che abbassa il livello dell'equipaggiamento indossato a 353, che sarà il minimo per poter accedere attraverso il dungeon finder. Abbiamo quindi fatto i test con l'equip minimo possibile e, con poche semplici accortezze (usare crowd control e concordare un minimo di strategia prima di affrontare i boss) abbiamo potuto finirli senza particolari problemi. Un gruppo che già possiede un buon equip, potrà quindi terminare i dungeon senza penare. Una nota finale sui loot. Sono di livello 378, cioè di livello pari a quelli delle Firelands normal, in modo da consentire a chi è rimasto indietro nella progressione di recuperare almeno parte dello svantaggio.

Looking for raid in Dragon Soul?

Per la prima volta i giocatori vivranno in prima persona gli eventi che consentiranno di affrontare l'ultimo Boss dell'espansione. In Wrath of the Lich King, le instance di Frozen Citadel raccontavano una storia parallela, ma nella patch 4.3 invece gli eventi narrati nei Dungeon sono la premessa agli eventi raccontati nel raid.
In Dragon Soul i giocatori dovranno affrontare otto nuovi Boss e il settimo e l'ottavo saranno entrambi Deathwing! Un Boss di questa potenza merita infatti per la prima volta di essere protagonista di due encounter consecutivi. Nel primo dovremo atterrare sul suo dorso e rimuovere l'armatura che è saldata sul suo corpo in modo da indebolirlo e renderlo vulnerabile al colpo che gli Aspect sferreranno attraverso la Dragon Soul. Una volta colpito, Deathwing precipiterà nel Maelstrom dove ci attenderà la lotta finale. In questo scontro ci assisteranno gli Aspect in persona, ciascuno con i suoi poteri che dovremo utilizzare a nostro vantaggio. Ognuno ci aiuterà in modo diverso e sarà parte integrante del combattimento capire come sfruttare al meglio ogni abilità. In questo raid sarà possibile ottenere una nuova arma leggendaria: due pugnali per Rogue. La Blizzard prova così a dare nuovo stimolo a una classe che al momento è la meno giocata in assoluto e bisogna riconoscere che probabilmente avrà successo, visto che nell'ultima preview siamo venuti a conoscenza che questa coppia di pugnali regalerà a chi li indossa una cavalcatura davvero speciale: un paio di ali da pipistrello!

Dragon Soul sarà come al solito disponibile sia nella versione per 25 giocatori che per 10, con tre livelli di difficoltà: Eroico, Normal e il nuovo fiammante Looking for Raid. Dopo il successo dell'analoga funzionalità per i Dungeon, sarà possibile partecipare a un raid senza neanche formare un gruppo: basterà mettersi in coda tramite l'apposita interfaccia. Il server provvederà a formare un gruppo di 25 personaggi, bilanciando le classi ed i ruoli necessari e teletrasportandolo all'interno dell'istance.
Poiché un PuG messo in piedi casualmente non potrà sicuramente avere lo stesso grado di coordinazione ed abilità richiesto ad un gruppo di gilda, il livello di difficoltà sarà più basso e probabilmente anche parte delle meccaniche dei boss saranno differenti. Anche l'item level dei drop sarà inferiore, per non rendere inutile del tutto i livelli di difficoltà più classici.

Questione di classe

Ci azzardiamo ad affermare che il gioco non è mai stato bilanciato come adesso. Se si contano tutti i rami di talenti disponibili, al momento esistono 31 differenti combinazioni di classi e specializzazioni, tutte più o meno equilibrate e giocabili, in PVP, in PVE e in qualche caso per entrambi i ruoli.
E' logico quindi che le modifiche previste per la prossima patch non cambieranno radicalmente nessuna delle meccaniche, ma si limiteranno ad aggiustare i coefficienti di alcune abilità o coprire qualche pecca di alcune classi in contesti particolari.
Saranno quindi contenti i Paladini curatori di sapere che l'Holy Radiance sarà cambiata in modo tale da rendere più efficaci le loro cure ad area, il tallone di achille dei guaritori in armatura di piastre. Sempre in tema di AOE, sarà rimosso il cooldown del chain lightning, risolvendo l'annoso problema dei danni ad area degli sciamani elemental.
L'altra grande novità di questa patch è in realtà già stata anticipata con alcuni hotfix qualche settimana fa: la radicale semplificazione per i tank nel tenere l'aggro. Dopo aver aumentato la rapidità con cui sale il Vengeance, adesso l'aggro viene portato dal 300% al 500% del danno generato, davvero un buff notevole. L'obiettivo a lungo termine della Blizzard è di rendere il ruolo del tank da un lato più semplice (e questo ormai è già raggiunto) e dall'altro più divertente, spostando il focus dal tenere l'aggro all'usare nel modo ottimale le proprie abilità di sopravvivenza come i cooldown per la riduzione dei danni e le auto-cure. Quest'ultima fase dovrebbe essere implementata per intero per tutte le classi tank nella prossima espansione.

Darkmoon Faire, Transmogrification e Void Storage

Negli ultimi sette anni, la prima settimana di ogni mese, la Darkmoon Faire, ha aperto i battenti a Thunder Bluff, Elwyn Forest o Shattrath. Dalla 4.3 finalmente la fiera itinerante troverà una locazione stabile, un'isola che ospiterà i personaggi -sempre una volta al mese- e in cui sarà possibile sperimentare nuovi minigiochi e ottenere ricompense adatte ai nuovi livelli. Infatti la fiera non veniva aggiornata da molto tempo e, a parte la consegna dei mazzi di carte per ottenere i nuovi trinket, c'era ben poco interesse a partecipare alle attività disponibili.
Dalle prime anticipazioni sembra che verrà messo in atto un nuovo sistema di ticket che potranno essere guadagnati partecipando. Cosa si potrà comprare con i ticket non è ancora noto, ma si tratterà probabilmente di vanity item come pet e cavalcature che non diventeranno obsoleti con il passare del tempo. Sempre alla fiera sarà possibile acquistare i vecchi set non più disponibili come drop in game, come il Dungeon set 0 o il vecchio Tier 3, scomparso insieme alla Naxxramas originale.

I giocatori hanno chiesto per anni alla Blizzard un modo per personalizzare l'aspetto del proprio personaggio. Ogni volta che viene rilasciata una nuova Arena Season o un nuovo tier di raid, tutti sfoggiano con orgoglio i nuovi set faticosamente guadagnati, per poi ritrovarsi però ad assomigliare gli uni agli altri. Ma tutto questo sta per cambiare. La patch 4.3 introdurrà infatti la nuova funzionalità di Transmogrification che consentirà di trasformare l'aspetto fisico di un pezzo di equipaggiamento con quello di un altro pezzo in possesso del giocatore. Ci saranno comunque molte restrizioni, in modo da garantire che non venga violata la regola aurea della silhouette, per cui la razza e la classe di un personaggio devono essere comunque riconoscibili a prima vista. Quindi un pezzo in cloth potrà essere trasformato solo in un altro pezzo in cloth che un personaggio può effettivamente indossare. Anche per le armi varranno le stesse regole: quindi solo asce per asce e spade per spade, ad eccezione di archi e fucili, che potranno essere scambiati.

Poiché i pezzi dai quali vorrete prendere l'aspetto dovranno essere effettivamente in vostro possesso, la Blizzard sta per introdurre anche un nuovo modo per conservare il vostro equipaggiamento: il Void Storage. In pratica è una specie di banca, in cui però si deve pagare una tassa ogni volta che si vuole prelevare o depositare un oggetto. Non è quindi adatto a contenere gli oggetti di uso comune, ma solo gli oggetti che non volete buttare (magari anche solo per ragioni sentimentali) e dei quali non avrete spesso bisogno. Blizzard risolve dunque in un colpo solo i problemi di spazio che da anni affligono chi ama mettere da parte ogni singolo oggetto.

World of Warcraft: Cataclysm Non è certo una sorpresa che Blizzard stia man mano rendendo il gioco più accessibile ad un bacino di giocatori sempre più ampio, ma è la prima volta che un giocatore singolo, che magari neanche appartiene ad una gilda, è in grado di sperimentare anche i contenuti end game dal primo giorno di una nuova patch. Chiunque avrà la possibilità di confrontarsi con Deathwing e magari di vendicarsi di quella volta che è stato ucciso dal suo soffio mentre passaggiava ad Uldum. Tutto questo, unito ai nuovi contenuti e alle nuove possibilità di personalizzazione del proprio personaggio, potrebbe essere davvero un buon motivo per tornare a fare un giro su Azeroth. Resta da vedere se invece l’abbassamento dell’entry level non andrà a scontentare i giocatori più fedeli, che perderanno un po’ del senso di esclusività che una first kill può dare, anche se è forse da WotlK che si contano principalmente quelle Heroic. In ogni caso questo Venerdì e Sabato scopriremo il futuro dell'MMO p2p più giocato al mondo: la Blizzcon si avvicina ed Everyeye sarà in prima fila per riportarvi le notizie più succulente!

Che voto dai a: World of Warcraft: Cataclysm

Media Voto Utenti
Voti totali: 89
7.3
nd