Intervista Batman Arkham Origins

Alastair Cornish ci racconta come è nato il multiplayer di Batman Arkham Origins

intervista Batman Arkham Origins
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • iPhone
  • iPad
  • Wii U
  • Mobile Gaming
  • Pc
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Nonostante Splash Damage venga da un passato di sparatutto del calibro di Brink ed Enemy Territory: Quake Wars (buoni ma non buonissimi), Warner Bros li ha ingaggiati per imbastire il comparto multiplayer di Batman Arkham Origins. Un progetto che abbiamo potuto provare in anteprima qualche giorno fa, in compagnia dei membri chiave del team di sviluppo in quel di Londra.
Fondata nel 2001 da Paul Wadgwood proprio nella capitale inglese, la compagnia ha al momento in lavorazione diversi videogiochi tra cui uno sparatutto di prossima release intitolato Dirty Bomb, mentre si è appena fatta vedere su iPhone e iPad con RAD Soldiers.
A supervisionare lo sviluppo del multiplayer di Batman Arkham Origins vi è Alastair Cornish, creative director con un passato in Square Enix e prima ancora in Sony Computer Entertainment Europe. Anche se non ha potuto rispondere esaurientemente a tutte le domande, Cornish ci ha raccontato diversi dettagli interessanti circa il design della modalità multiplayer del prossimo videogioco con protagonista il cavaliere oscuro e la banda di psicopatici criminali!

Una naturale evoluzione

Dopo aver terminato lo sviluppo di Brink vi siete dedicati immediatamente al multiplayer di Batman Arkham Origins?
Splash Damage vanta molteplici team al proprio interno. Uno di questa ha iniziato a lavorare sul comparto multiplayer di Arkham Origins, mentre un altro sta lavorando a Dirty Bomb (attualmente in closed alpha), un altro ancora ha appena pubblicato RAD Soldiers ed inoltre ci sono diversi altri progetti non ancora rivelati.
In ogni caso il team responsabile di Brink ha iniziato quasi immediatamente lo sviluppo del multiplayer di Arkham Origins.

La struttura del multiplayer è cambiata durante lo sviluppo oppure questa è stata la prima idea sin dall'inizio?
Molte cose sono cambiato durante lo sviluppo, ma quando abbiamo iniziato avevamo in mente 2 punti cardine: doveva sembrare una estensione naturale del franchise, una valida componente dell'esperienza con il franchise Arkham; doveva apparire unica e distinta, non un deathmatch 2 contro 2 superficiale e poco profondo, ma volevamo che i giocatori potessero amare questa modalità di gioco e la trovassero diversa da qualsiasi altra cosa.
Ed è molto bello quando i fan durante i playtest lodano tale modalità facendo paralleli con Spie contro Mercenari di Splinter Cell o la prima versione di Alien vs Predator, perchè il multiplayer di Arkham Origins possiede lo stesso spirito di questi due titoli!

Il multiplayer si prospetta un'esperienza diversa dall'avventura di Batman Arkham Origins. Lo avete sviluppato pensando di creare un gioco a sé stante oppure avete previsto alcuni collegamenti?
Ovviamente la modalità multiplayer sarà presente nello stesso disco di gioco, quindi non dovrà essere acquistata a parte. Tuttavia Splash Damage ha sviluppato il comparto multigiocatore in maniera indipendente da Warner Bros Montreal, il che vuol dire che né l'una né l'altra modalità è concepita per sottrarre giocatori o prende a prestito idee dall'altra.
Sapevamo che era una cosa importante, poichè molti giocatori sono preoccupati che il multiplayer possa rubare risorse al tradizionale single player. Tutt'altro: da quando abbiamo scelto l'esperienza di Invisible Predator e l'abbiamo portata online, ci è sembrato tutto così naturale. Inseguire l'IA è molto

"Quando abbiamo scelto l'esperienza di Invisible Predator e l'abbiamo portata online, ci è sembrato tutto così naturale. Inseguire l'IA è molto divertente, ma farlo con giocatori umani è nettamente migliore, perchè tutti hanno la possibilità di sorprendere gli altri"

divertente, ma farlo con giocatori umani è nettamente migliore, perchè tutti hanno la possibilità di sorprendere gli altri.
Ogni match è differente dagli altri, alcuni team puntano più ad attacchi vigorosi, altri giocano bene insieme, mentre altri agiscono più da lupi solitari.

Perchè avete optato per il 2 contro 3 contro 3 anzichè il classico 2 contro 2?
Abbiamo pensato a come Batman e Robin potessero imporre il proprio potere sui membri delle gang di Joker ed abbiamo escogitato la meccanica di intimidazione (barra Fear). Batman e Robin scrutano l'arena dall'alto e poi piombano in silenzio sulla loro preda; ma quando si gioca nei panni del membro della gang è difficile vedere i due Eroi o rintracciarli nell'oscurità, così abbiamo pensato di introdurre una gang rivale come bersaglio.
Vogliamo che il giocatore sia consapevole di non essere mai al sicuro, ma di doversi guardare costantemente attorno e gettare anche occhiate verso l'alto.

Il numero massimo di giocatori è fissato ad 8. Ma è possibile organizzare match con un minor numero di giocatori?
Senz'altro. Si può organizzare un Private Match ed invitare una manciata di amici: naturalmente la modalità è pensata per apparire il più divertente possibile in 8, ma non c'è alcun impedimento nel creare un match con meno partecipanti. In ogni caso nei Public Match il sistema continuerà a cercare giocatori finchè non si raggiunge la cifra di 8.
Il minimo per un Private Match è 3: uno è Batman, uno è un pagliaccio di Joker e uno un militare di Bane.

Oggi abbiamo giocato solamente nella prigione di Blackgate, cosa puoi dirci in merito alle altre mappe?
Purtroppo non posso parlare granchè delle altre mappe. Abbiamo perseguito un approccio iconico in cerca di luoghi iconici della saga e del fumetto. La prigione di Blackgate è proprio un'ambientazione iconica del fumetto e quella mappa è stata ideata specificatamente per il multiplayer.

Ci sarà una Beta nei mesi precedenti alla release?
Sì, ci sarà. Ma non posso rivelare altre informazioni in merito.

Batman Arkham Origins uscirà il 25 Ottobre su Xbox 360, Playstation 3, PC e Wii U. Il multiplayer sarà presente in tutte le versioni, eccetto quella Nintendo.

Che voto dai a: Batman Arkham Origins

Media Voto Utenti
Voti totali: 141
8.3
nd