Provato Assetto Corsa

Ospiti di Halifax a Milano, abbiamo avuto modo di provare la versione console del simulatore di guida firmato dall'italiana Kunos, scoprendo un porting molto promettente, e completo dal punto di vista contenutistico.

Assetto Corsa per PS4

Videoanteprima
Assetto Corsa per PS4
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Andrea Porta Andrea Porta è un fanatico, divoratore (e occasionalmente critico) di videogame, serie TV, cinema, letteratura sci-fi e fantasy, progressive rock, comics, birre belga, rolling tobacco e molto altro ancora. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

A poco più di un anno dall'approdo della versione definitiva su Steam, Assetto Corsa di strada ne ha fatta davvero tanta. Sviluppato da un piccolo team italiano noto come Kunos Simulazioni (circa trenta le persone che hanno lavorato al progetto) il gioco si è imposto come punto di riferimento per gli appassionati di guida sin dalle prime fasi dell'Early Access, e oggi rivaleggia senza problemi con i giganti del settore, da Forza Motorsport, a Gran Turismo, al più giovane Project Cars, tutti prodotti realizzati da team ben più numerosi e di lunga esperienza. Con un flusso costante di aggiornamenti sul fronte PC e una versione console in arrivo su Playstation 4 e Xbox One il prossimo 22 aprile, la software house si trova in un periodo decisamente impegnato. Grazie al publisher italiano Halifax, abbiamo avuto modo di incontrare a Milano Marco Massarutto, cofondatore dell'azienda, e provare l'ultima versione alpha di Assetto Corsa su Playstation 4, così da farci un'idea dello stato dei lavori.

Prova su strada

Grazie a un buon numero di console Sony equipaggiate con playseat e volanti Thrustmaster abbiamo fatto diversi giri in pista con una versione del gioco ottimizzata appositamente per l'evento, che prevedeva una limitata scelta di mezzi e tracciati. SPA e il circuito di Barcelona-Catalunya erano affrontabili a bordo di McLaren P1, Audi R8 Plus V10 e sulla nuovissima Ferrari FXXK, fiammante bolide da un cavallo per chilo che fa la sua bella figura anche sulla nuova copertina del gioco. Per chi non conoscesse Assetto Corsa (e in questo caso vi rimandiamo alla nostra recensione originale dedicata alla versione PC), si tratta di una simulazione davvero senza compromessi, al punto che nel corso della sua evoluzione Kunos ha più volte collaborato con alcuni importanti costruttori (tra cui la stessa Ferrari) per la creazione di simulatori ad hoc. Un pedigree che testimonia la volontà di aderire a una filosofia simulativa assolutamente rigorosa, e allo stesso tempo la volontà di dimostrare che non c'è bisogno di "licenze poetiche" per creare un'esperienza di guida tutto sommato accessibile anche dai meno esperti, a patto di applicarvi la giusta dose di impegno e pazienza. Quanto al porting su console, la sfida più grande è stata naturalmente lasciare intatto il complesso modello di simulazione della fisica, e soprattutto puntare ad un frame rate fisso a 60 FPS, davvero indispensabile per una simulazione di questo calibro, il tutto senza rinunciare eccessivamente all'effettistica grafica. Se si pensa che la primissima versione, a detta di Marco Massarutto, faticava a superare i 15 FPS, va detto che la alpha provata a Milano mostrava già tutti i lati positivi di un compromesso evidentemente ben bilanciato. Senza perdere eccessivo smalto grafico, sulla piattaforma Sony il gioco arriva ora senza problemi a1080p con 60 FPS generalmente costanti (qualche leggero calo si nota utilizzando le visuali esterne), mentre su Xbox One per ottenere la medesima fludiità ci si è al momento dovuti fermare ai 900p, ed è probabile, anche se non del tutto certo, che questa rimarrà la risoluzione definitiva su piattaforma Microsoft.

Quanto all'effettistica, le nostre prove su PS4 hanno rivelato rinunce più che accettabili, laddove il comparto riflessi e particellari appare tutto sommato intatto. Per avere assolute certezze su cosa effettivamente sia venuto meno rispetto alla versione PC occorrerebbe un confronto diretto, ma per il momento possiamo limitarci ad affermare che il colpo d'occhio non è variato più di tanto. Messo a diretto confronto con simulazioni recenti dall'ottima grafica quali Project Cars e Forza Motorsport 6 Assetto Corsa si rivela senza dubbio meno spettacolare, anche data l'assenza di effetti atmosferici, ma il suo punto di forza risiede senza dubbio nella pura qualità simulativa. Proprio riguardo a quest'ultima, il primo obbiettivo degli sviluppatori è stato quello di garantire su console la medesima esperienza di guida già apprezzata su PC, e l'obbiettivo può dirsi centrato in pieno: volante alla mano Assetto Corsa è come sempre in grado di restituire sensazioni al massimo realistiche, con una notevole differenziazione delle diverse vetture, ognuna in grado di fare "storia a sé". Quanto invece alla guida tramite gamepad, quest'ultima era stata oggetto già di ottimizzazione ai tempi della distribuzione su PC, e si rivela ancora oggi funzionale, a patto di attivare qualche aiuto in più alla guida.

Con queste impostazioni, Assetto Corsa può dunque rendersi appetibile per un pubblico discretamente ampio: la passione per la simulazione e la propensione a sperimentare con i settaggi, così come la pazienza necessaria ad affrontare una curva d'apprendimento che può rivelarsi discretamente ripida (soprattutto se si sceglie di alzare progressivamente il livello di difficoltà legato all'intelligenza artificiale, che già a Medio è in grado di offrire una sfida di tutto rispetto), sono elementi più che sufficienti a convincere un utente anche non espertissimo di simulazioni a dare una chance al lavoro di Kunos. Per coloro invece già appassionati, l'arrivo di Assetto Corsa su console potrebbe rappresentare un'ottima ragione per dotarsi di un volante, dato che per godere appieno del comparto simulativo questa rappresenta senza dubbio la via migliore. Quanto ai contenuti, anche quelli non subiranno variazioni, laddove l'unica differenza sostanziale è rappresentata da un design completamente nuovo per l'interfaccia, ripensata per adattarsi al controllo via pad. Complessivamente, la prova diretta ci ha incoraggiato: considerata la mole di lavoro richiesta dal motore fisico del gioco, qualche dubbio che la ricerca della fluidità potesse causare rinunce importanti dal punto di vista grafico era più che lecito, anche data la limitata esperienza di Kunos in campo console, eppure i risultati, nella versione Playstation 4 da noi provata, sono apparsi più che incoraggianti.

Assetto Corsa Dopo i notevoli, e meritati, riscontri su PC, ottenuti sin dai tempi del primissimo Early Access, Assetto Corsa ha attirato l'attenzione di un pubblico via via sempre più ampio, e l'arrivo su console potrebbe rappresentare un ulteriore passo per l'italiana Kunos Simulazioni. L'attesa sta per giungere al termine, e quanto provato a Milano su Playstation 4 conferma ancora una volta la notevolissima preparazione tecnica del team di sviluppatori, i quali, alla prima esperienza su console, sembrano aver già trovato un equilibrio notevole tra necessità relative alla fluidità e compromessi grafici. Per tutti gli appassionati di simulazioni e di guida in generale, l'invito è a non perdere d'occhio l'arrivo di Assetto Corsa su PS4 e Xbox One, previsto per il prossimo 22 aprile.

Che voto dai a: Assetto Corsa

Media Voto Utenti
Voti totali: 34
8
nd