E3 2014

Provato Captain Toad: Treasure Tracker

Dopo il successo dei livelli segreti di Super Mario 3D World, Captain Toad avrà un gioco tutto suo. Lo abbiamo provato.

provato Captain Toad: Treasure Tracker
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii U
Sergio Pennacchini Sergio Pennacchini Giornalista freelance, scrive di videogame da troppo tempo per ricordarsi esattamente quando ha iniziato. Vive a Londra ma non è un cervello in fuga perché mancano le basi, cioè il cervello. Lo trovate su Facebook e Twitter.

Dura la vita di un fungo. La tua aspettativa di vita non è molto elevata, di solito duri qualche settimana prima che qualcuno ti sdrai su una piastra, ti faccia fare il bagno nell'acqua bollente o, peggiore delle ipotesi, ti infili in una busta dei 4 Salti in padella. Ma a tutte le regole c'è un'eccezione. E nel mondo dei funghi, quell'eccezione si chiama Toad. L'amico di Mario, il personaggio del Mushroom Kingdom, è uno a cui la vita ha sempre sorriso. Uno che può permettersi di alzare leggermente gli occhiali da sole, controllare l'ora sul suo Rolex d'oro, salire in Ferrari e salutare l'amico fungo Porcino dicendo “senti sfigato, io ho da fare”. Una vita di successi che prosegue anche a Los Angeles, dove la Nintendo ha annunciato che il simpatico funghetto avrà un gioco tutto per sé. Si chiama Captain Toad: Treasure Tracker ed arriverà su Wii U entro la fine dell'anno.

A caccia di tesori

L'idea nasce dal successo dei livelli segreti di Super Mario 3D World, quelli un po' alla Fez, dove bisognava guidare il funghetto in un percorso a ostacoli giocando con la visuale e la prospettiva, nel tentativo di raggiungere le stelle verdi. Treasure Tracker è fondamentalmente una versione più ricca ed espansa di quei livelli. Abbiamo avuto modo di provare tre segmenti, alcuni dei quali ci hanno colpito per l'utilizzo creativo del pad del Wii U. In uno, ad esempio, bisogna girare intorno a una casa piena di porte: ognuna conduce ad un'altra porta. Si entra da una parte, si esce dall'altra. Ora, alcune di queste porticine si possono muovere in orizzontale, in verticale o in profondità toccando lo schermo del pad. Così si possono evitare ostacoli, finire in testa ai nemici oppure raggiungere zone prima inaccessibili. Semplice, ma funziona benissimo. Un altro livello ci vede salire in una caverna a spirale, con al centro una pozza di lava da cui presto esce un drago sputa fuoco. Qui il progredire è più banale: si sale verso l'alto sfruttando i vari ripari per proteggersi dall'alito pesante del tenero rettile, muovendosi con il giusto tempismo per non rimanere mai allo scoperto. La terza demo invece è quella più originale e consiste in un bel giro su un carrello in una miniera che si arrampica intorno a una montagna. Toad sale sull'improvvisato veicolo e a quel punto si gioca solo guardando lo schermo del pad, dove, con una visuale in soggettiva, possiamo tirare della verdura per colpire i nemici intorno, raccogliere monete e soprattutto centrare i preziosi diamanti, che in Treasure Tracker sostituiscono le stelle verdi di Super Mario 3D World. Sul televisore l'azione viene ripresa dalla più classica visuale in terza persona, ma è uno spettacolo dedicato più che altro agli eventuali amici o parenti che stanno guardando, perché voi sarete troppo presi a mirare tramite lo schermo del pad e non potrete distogliere lo sguardo.

Il Wii U? È in gran forma

La nostra prova di Captain Toad finisce qui, dopo appena tre livelli. Il gioco è divertente, curato e ispirato: alcune soluzioni sono davvero originali e, considerando la schermata iniziale che abbiamo solo potuto sbirciare, è certo che nella versione finale ci saranno tantissimi livelli in cui metterci alla prova. Senza contare che la struttura del gioco, basata appunto su tanti quadri ma di breve durata, si presta molto bene alla politica di DLC e contenuti scaricabili. Ci ha colpito anche la realizzazione tecnica. Chi pensava che il Wii U fosse una macchina “old-gen” dovrà cominciare a ricredersi: quello che stiamo vedendo qui a Los Angeles è davvero splendido e Captain Toad non è da meno. Non solo per qualità e quantità di poligoni, texture ed effetti di luce, ma anche e soprattutto per la bravura degli artisti Nintendo, che hanno creato un mondo dai colori vivaci e dalla fortissima personalità (anche se, inevitabilmente, alcune cose sono “riciclate” da Super Mario 3D World). Insomma, non sarà certamente il titolo che convincerà gli scettici ad acquistare una Wii U, ma per chi ha già la console Nintendo, questo potrebbe essere un titolo da prendere in considerazione. Treasure Tracker arriverà a Natale, non si è capito se in forma fisica nei negozi o in digital delivery.

Captain Toad: Treasure Tracker Un titolo ben strutturato, che prende una delle idee migliori di Super Mario 3D World e la amplia fino a farla diventare un gioco a sé. Captain Toad forse non sarà un personaggio carismatico come il caro idraulico, ma in questo Treasure Tracker fa un figurone. Il gioco è divertente, intelligente, ricorda per certi versi l'impostazione dei puzzle game di successo dell'era degli app store per smartphone e tablet. Tanti livelli ma di breve durata, dove bisogna usare il cervello più che i riflessi. Captain Toad è così, un videogame in pillole, da giocare in piccole dosi, che però promette di tenerci incollati allo schermo a lungo e in più ha lo stile unico e inconfondibile della Nintendo. Sicuramente uno dei titoli da tenere d'occhio per il prossimo natale, se avete una Wii U.

Che voto dai a: Captain Toad: Treasure Tracker

Media Voto Utenti
Voti totali: 7
8.9
nd