GCom14

Provato Dead Island 2

A Colonia debutta in versione giocabile il seguito di Dead Island, ambientato in California e sviluppato da Yager

provato Dead Island 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Ah la California! Sogno bagnato di chi vuole vivere in Estate tutto l'anno, sperperare le giornate tra jogging e sedute dallo psicologo (GTA V docet) e se i soldi stanno per finire organizzare il colpo del secolo (ancora GTA V).
Ma cosa succede se il paradiso vacanziero tra Los Angeles e San Francisco è attaccato da un'orda di zombie, in rapida espansione dall'arcipelago di Banoi? Succede che è tempo di organizzare un'ulteriore difesa e divertirsi a falcidiare zombie in quel di Dead Island 2.
Annunciato attraverso un teaser pop nel corso dell'E3 2014, finalmente alla gamescom abbiamo potuto non solo testare con mano il gameplay, ma anche conoscere qualche dettaglio in più sul gioco intervistando i membri del team di sviluppo (troverete la video-intervista a breve sul nostro canale).
Dead island 2 è atteso per la Primavera 2015 su Xbox One, Playstation 4 e PC.

No Longer On An Island

Inutile girarci intorno, Dead Island 2 offrirà un'esperienza molto simile a quella del suo predecessore. Anche se nelle press release emerge la possibilità di guidare e craftare mezzi di trasporto (Dead Rising 3 docet) e altre amenità, il cuore del gioco rimane la carneficina zombie. Lo schema di controllo rimane il medesimo del primo episodio e di Riptide, quindi visuale in prima persona e attacco con i tasti dorsali, sia per le armi da fuoco che per quelle corpo a corpo. Armi e strumenti presenti solamente in alcuni sezioni della mappa provano a ravvivare un poco l'azione e la varietà d'approccio, ma in cuor nostro già sappiamo che la monotonia degli obiettivi proposti può essere spezzata in un sol modo: la modalità cooperativa.
Fortunatamente la maggior potenza di calcolo e l'upgrade infrastrutturale dei servizi online delle nuove console consente di portare il numero di giocatori da 4 a 8. Noi purtroppo alla gamescom abbiamo sperimentato un multiplayer locale tra 4 giocatori, ma già pregustiamo la confusione e il livello di distruzione raggiungibile online con il doppio dei giocatori.
A questo punto le novità cominciano a prendere forma, a cominciare dall'Unreal Engine 4 che sostituisce il vetusto Chrome Engine 5. Sono ancora pochi i titoli che sono realizzati con il nuovo motore di Epic (alla gamescom abbiamo visto Fortnite), ma è già attiva una community online che coinvolge sia grandi studi di sviluppo che indie (Epic ha concesso il tool in licenza per 20 dollari al mese), la quale si scambia suggerimenti e soluzioni per alleggerire il carico di lavoro.

In ogni caso ci sentiamo in mani sicure, visto che Techland ha passato il testimone ai ragazzi di Yager Development: se i primi hanno preferito stringere rapporti con Warner Bros per Dying Light, i secondi reduci dall'ottimo Spec Ops: The Line hanno accettato di buon grado lo sviluppo di Dead Island 2.
Veniamo infine al cambio di ambientazione. In questo episodio le diverse missioni si svilupperanno lungo la California, ispirandosi ad ambienti reali (al contrario della Banoi del primo episodio) come il Golden Gate, Venice Beach, Santa Monica e le foreste del Golden State. Il fatto di essere ambientato in una metropoli e non più all'interno di uno sperduto atollo conferisce nuova linfa al level design: ora per raggiungere un luogo all'interno della mappa sarà possibile percorrere più vie, circumnavigare una mansion oppure attraversare le sue stanze, farsi largo distruggendo gli steccati oppure optare per i camminamenti sui tetti.
Anche se l'area giocata a Colonia era piuttosto piccola abbiamo già intravisto più di un approccio e siamo assolutamente consci che nella co-op a 8 giocatori il numero di varianti crescerà a dismisura.

Dead Island 2 Alla Gamescom di Colonia abbiamo potuto testare con mano una prima versione giocabile di Dead Island 2. Techland ha passato il testimone a Yager (i ragazzi di Spec Ops: The Line), i quali hanno scelto come ambientazione la California e come motore grafico l'Unreal Engine 4. Se il gameplay non presenta grosse novità, l'impianto grafico ed il level design offrono inediti approcci e strategie impossibili nella brulla Banoi. In attesa di giocare una parte più consistente del titolo (allo stadio di Pre-Alpha), Dead Island 2 è riuscito ad incuriosirci sopratutto per via della modalità cooperativa ad 8 giocatori, che promette ore e ore di divertimento!

Quanto attendi: Dead Island 2

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 19
70%
nd