TGS 2014

Provato Final Fantasy Type-0 HD

Square-Enix porta su console Next-Gen un Action RPG uscito su PSP ben 3 anni fa. I risultati?

provato Final Fantasy Type-0 HD
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Psp
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Final Fantasy Type-0 è uscito in Giappone ben tre anni fa, su due UMD, per l'ormai defunta PSP.
Del titolo, in Europa, non si è vista nemmeno l'ombra: il mercato della vecchia console portatile griffata Sony non era certo ampio, e lo sforzo di localizzazione non avrebbe dato, nella visione del publisher, i frutti sperati.
In quest'epoca di riedizioni e remake, Final Fantasy Type-0 HD arriverà nel 2015 su PlayStation 4 e Xbox One. Il problema è che se non siete fan sfegatati della Fabula Nova Crystalis, e se non apprezzate anche solo minimamente la svolta action degli ultimi episodi del franchise, molto probabilmente potreste trovare il titolo un po' “fuori tempo massimo”.
Ma aspettate: ve l'abbiamo detto che dentro Final Fantasy Type-0 HD ci sarà anche una demo di Final Fantasy XV?

L'erede di Crysis Core?

E così anche Square-Enix abbraccia la politica della “demo titanica” per spingere le vendite di un prodotto che magari, senza l'accompagnamento di un contenuto così “ingombrante”, avrebbe raccolto ben meno attenzioni. In verità il director di Type-0, che poi sarà lo stesso di Final Fantasy V, ci dice che i motivi sono altri: “Volevamo semplicemente dare agli utenti una ricompensa per aver aspettato così tanto”, racconta Hajime Tabata, “fugando al contempo i dubbi relativi allo stato di salute del quindicesimo capitolo di Final Fantasy”.
Qualsiasi sia il punto, noi di “Episode Duscae” (così come è chiamata la sezione inclusa nella demo) non possiamo parlarvi fino a domenica, quando pubblicheremo una breve intervista relativa alla prossima fantasia finale.
Per oggi invece, vi raccontiamo le nostre impressioni dopo il playtest del remake di Type-0.

Come si diceva, il titolo in questione è incluso nella continuity della Fabula Nova Crystalis. Rispetto alla crociata tutta interiore di Lightning, però, qui la dimensione è più corale, mentre controlliamo sul campo di battaglia un manipolo di tre eroi appartenenti alla Class Zero, forza d'assalto che difende una terra martoriata da un conflitto interminabile. Bastano solo i toni e i cromatismi dell'art design per capire che le attenzioni del plot saranno rivolte tutte a sottolineare gli orrori di questa guerra: in certe scelte stilistiche e nelle cut-scene quasi virate seppia, sembra di rivedere alcuni tratti del bellissimo Valkyria Chronicles.
Sul fronte della struttura di gioco, invece, incontriamo un sistema di quest pensato per adattarsi alla fruizione portatile.
Il gioco sembra somigliare molto al bellissimo Crysis Core, anche dal punto di vista del gameplay: ci troviamo di fronte ad un action RPG vero e proprio, senza turni, incontri casuali, tempi morti.
I tre personaggi vanno spostati in giro per la mappa falciando senza soluzione di continuità i nemici che ci si parano di fronte, eventualmente alternandoci al controllo dei tre protagonisti.
Ognuno dei nostri personaggi avrà un'arma principale, con cui potrà eseguire mosse che, per complessità, sembrano uscite quasi da un episodio di Tales Of. In verità qui le combo sono più corte e i ritmi meno veloci, ed anche la coordinazione con gli altri membri del team passa in secondo piano (sebbene sia possibile lanciare un devastante attacco a tre).
Molto più importante è invece il tempismo nelle schivate e negli attacchi. É fondamentale evitare i colpi dei nemici, ma soprattutto colpirli nel momento esatto in cui mostrano i loro punti deboli: un apposito indicatore ci informa della possibilità di assestare un colpo critico (Break Sight) o addirittura letale (Kill Sight), così che interiorizzare i pattern d'attacco dei nemici è la chiave del successo. Soprattutto nel caso delle boss fight, momento in cui il gameplay del gioco trova il suo momento migliore.
Purtroppo allo stato attuale dei fatti un sistema potenzialmente interessante sembra funestato in larga misura da una telecamera davvero incontrollabile, che unitamente ad un meccanismo di Lock-On da aggiustare rappresenta il problema più serio e fastidioso della produzione. Il passaggio ad una struttura esplorativa completamente libera ha giovato sicuramente al dinamismo della progressione, rispetto a Crysis Core, ma i guai arrivati con l'inquadratura imbizzarrita sono difficili da mandar giù.

La stessa difficoltà si prova a “digerire” il colpo d'occhio che, per quanto riproposto ad una risoluzione decente e con evidenti miglioramenti sul fronte delle texture, ha come base un titolo PSP. Se già i porting da Vita su Ps3 non hanno sempre brillato, salvo rari casi, potete immaginarvi cosa vi aspetta con Type-0 HD: se per amor di completismo volete giocare questo capitolo, dovrete sopportare non solo ambientazioni scarne, ma anche comprimari veramente tremendi dal punto di vista della modellazione poligonale. Per fortuna che il lavoro sui protagonisti e sugli effetti speciali è senza dubbio migliore.
Siamo fermamente convinti, comunque, che il comparto tecnico poco importerà a chi con impazienza attendeva una localizzazione: i fan del genere saranno più attratti dal sistema di crescita dei personaggi, legato alla raccolta dei Phantoma, essenze speciali che escono dai corpi dei nemici caduti. Oltre a ripristinare mana e vita sul momento, questi oggetti possono essere usati per potenziare le caratteristiche dei PG, migliorandone il legame con determinate magie (ai quattro tasti frontali del pad, oltre alla schivata ed all'attacco base, sono assegnati due colpi magici).
Il sistema sembra profondo anche se un po' orientato al grinding (ai giapponesi piace così, lo sapete): da esplorare meglio anche la possibilità di sacrificare un personaggio del party per eseguire un'evocazione, avendo a disposizione per un tempo limitato un avatar titanico e la potenza travolgente di Ifrit, Shiva e compagnia bella.

Final Fantasy Type-0 HD Final Fantasy Type-0 HD è, prima di tutto, una sorta di “regalo” ai tanti fan degli RPG e del marchio Final Fantasy che avevano paura di perdersi uno capitolo per via dei problemi di supporto e diffusione dell'ultimo periodo di vita di PSP. Prendetelo così, se non come un antipasto in previsione dell'arrivo di Final Fantasy XV, anche lui sicuramente più action rispetto ai vecchi episodi. Purtroppo la riedizione non fa miracoli sul fronte del comparto tecnico (ma speriamo che almeno la telecamera venga aggiustata), ma se vi è piaciuto Crysis Core e le ambientazioni della Fabula Nova Crystalis non vi lasciano indifferenti, dategli un'occhiata.