Pit People Oggi alle ore 17:00

Proviamo il nuovo gioco degli autori di Castle Crashers!

Provato Hearts of Iron 4

Siamo volati a Londra per provare con mano il multiplayer di Hearts of Iron 4, il grand strategy Paradox ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. Chi sarà il nuovo dominatore d'Europa?

provato Hearts of Iron 4
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Cosa sarebbe successo se Hitler non avesse invaso la Francia? E se l'Italia fosse diventata padrona dell'Egitto? E se gli Stati Uniti mai avessero disturbato il Giappone? Mentre i primi ad arrivare a Berlino sarebbero stati gli australiani?
Comunemente si dice che con i se è con i ma la Storia non si fa, ma questi benpensanti di sicuro non hanno mai giocato ad Hearts of Iron, la serie di grande strategy ambientata negli anni della Seconda Guerra Mondiale. Lo sviluppatore è lo svedese Paradox, specialista del genere e noto alle cronache sopratutto per Europa Universalis: nel corso dell'anno, probabilmente tra Agosto e Settembre, rilascerà Hearts of Iron 4 nei formati PC, Mac e anche Linux.
Curiosi di capire cosa si prova ad essere capi supremi della Francia timorosa del Terzo Reich o dell'aggressiva Italia fascista abbiamo fatto tappa a Windsor, piena campagna all'esterno di Londra, insieme ad un'altra ventina di aspiranti strateghi per una due giorni di multiplayer bellico e patti segreti. Quel che è successo sullo scacchiere dell'Europa di metà Novecento lo potete leggere nelle righe seguenti...

La più audace, la più originale e la più mediterranea ed europea delle idee

Il primo step che vi trovate dinnanzi è la scelta dello Stato da governare. Si comincia pochi mesi prima della Guerra Civile in Spagna e della conquista d'Etiopia, quando i fronti erano in via di definizione: da un lato l'asse Roma-Berlino e dell'altro Francia e Inghilterra, più una miriade di nazioni future conquistate oppure neutrali.
Si può dunque optare per uno Stato vasto e centrale nella politica europea, con un esercito giá maturo ed un vasto impero coloniale che garantisce risorse quali petrolio ed acciaio, ma che ben presto avrà le attenzioni di tutti addosso: è il caso della Francia, ma anche della Russia sovietica (Germania ad Ovest, Giappone all'estremo Est). Oppure per iniziare si può decidere di giocare nei panni di uno staterello di recente costruzione, i cui confini sono stati definiti dal Trattato di Versailles del 1919, con un esercito che risale alla Grande Guerra e la necessità di importare risorse sviluppando una flotta più commerciale che bellica. In quest'ultima categoria ricade la Jugoslavia, nazione che la sorte mi ha inizialmente assegnato.

Dopo aver amaramente la sua estrema arretratezza ho dovuto prendere consapevolezza del fatto che l'Italia stava fabbricando una dichiarazione di guerra ai miei danni (scherzi del destino), posizionando truppe ed alcuni tank vicino al confine istriano. La preoccupazione è divenuta più pressante quando ha in quattro e quattr'otto assoggettato l'Albania (controllata dalla CPU) minacciando la mia sovranità da due lati. La conquista è stata scongiurata richiedendo l'ingresso nell'Alleanza e partecipando sopratutto a fianco degli Usa nell'invasione di Ungheria, Austria e Germania.
Giocare nei panni della Jugoslavia mi ha costretto, però, ad un ruolo marginale, senza che io possa fare nulla dato il punto di partenza in arretratezza religiosa e l'insolvibile povertà di risorse (a meno di costruirsi in qualche modo un impero coloniale). Giocare di contro con la Francia in una successiva partita mi ha coinvolto nettamente di più, dovendo sì gestire molti più fronti (quello tedesco, italiano e algerino), ma avendo alle proprie spalle ampia disponibilità sopratutto di metalli che mi ha permesso di non dover scegliere se potenziare la flotta o l'aviazione.
Forse una scelta di compromesso verso Stati quali Spagna, Portogallo o Olanda, dotati sia di colonie (e traffici marittimi) sia di una posizione strategica all'interno del conflitto europeo permette di poter veramente decidere quali strategie intraprendere e da che parte schierarsi.

Nella due giorni trascorsi con Hearts of Iron 4 abbiamo potuto chiacchierare diverse volte con i membri del team di sviluppo. Le facce erano quasi tutte conosciute, perché le avevamo già incontrate nel corso dello sviluppo di Europa Universalis 4. A conti fatti Hearts of Iron 4 ne è la versione ambientata qualche secolo più tardi, con differenze non solo nella cartina iniziale, ma anche negli elementi che decretano la potenza politica e l'evoluzione di uno Stato.
Nel corso delle nostre partite abbiamo individuati alcuni dettagli, alcuni ovvi altri meno scontati, capaci di modificare in maniera sensibile l'approccio.
Anzitutto l'orizzonte temporale è di appena una decina di anni contro i quattro secoli di Europa Universalis 4. Tuttavia qui la progressione è ora dopo ora, anzichè giorno dopo giorno. Il ritmo di gioco di Hearts of Iron 4 é senza dubbio più concitato per due ragioni fondamentali: la prima è l'indicatore della Tensione che inizialmente è allo 0%, ma non appena la Germania invade la Francia esplode al 100% consentendo alcune azioni, come il dichiarare guerra a chicchessia, prima decisamente più laboriose; in secondo luogo i combattimenti non sono più tra fanti o al massimo cavalieri, ma coinvolgono carri armati, fanteria motorizzata e specializzata (ora per presidiare le catene montuose, ora pattugliare le sterminate colonie), caccia e bombardieri, sottomarini. Il progresso tecnologico, scandito anno per anno, permette di accedere solo ad un certo punto del gioco a determinate tecnologie, includendo tra l'altro un albero dedicato esclusivamente allo sviluppo del nucleare. Proprio la guerra alimentò in quegli anni un balzo tecnico senza precedenti: in appena 5 anni si passò dai biplani a elica ai primi aerei con motore a propulsione, dai gloriosi tank della Prima Guerra Mondiale ai corazzati leggeri che combatterono ad El Alamein: da queste scelte si evince la passione degli sviluppatori e la fedeltà alla rappresentazione storica, anche se questa talvolta finisce per rendere frustrante le partite ed obbligare il giocatore ad attendere lo sblocco di una nuova arma prima di agire.
Appare molto interessante il sistema di alleanze, decisamente più snella che in Europa Universalis 4 dove bisognava imbastire e gestire una complessa politica di matrimoni: con soli 2 fronti e la Tensione che sale vertiginosamente dichiarare guerra è molto più semplice, mentre risulta molto utile la possibilità di supportare gli alleati inviando truppe in maniera automatica.

Hearts of Iron 4 Hearts of Iron 4 é attualmente in fase Beta e si appresta ad un opera di bug fix e pulizia in vista della data di uscita che sarà presto comunicata. Il motore grafico è il medesimo degli ultimi Grand Strategy di Paradox (Clausewitz 2.5), migliorato nella resa delle truppe in 3d e assai fluido nello zoom-in e zoom-out. Ricercando una fedeltà quasi estrema nel governo del proprio Stato, il team di sviluppo non ha fatto quasi nulla per snellire i molti menù di gioco e rendere almeno più intuitive alcune impostazioni (in particolare le infrastrutture). L'unico modo per diventare un abile scacchiera nel concerto della Seconda Guerra Mondiale rimane l'esperienza sul campo, giocare decine di partite in single player prima di lanciarsi nella brutale mischia multiplayer.