Provato Hyrule Warriors Legends

Invitati negli uffici milanesi di Nintendo, abbiamo avuto modo di provare l'atteso porting per 3DS di Hyrule Warriors: pur mostrando gli stessi pregi e difetti della versione Wii U, Legends potrà contare su del nuovo, succoso contenuto aggiuntivo.

provato Hyrule Warriors Legends
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • 3DS
Angelo De Martini Angelo De Martini è un famelico appassionato di videogiochi, dategliene uno di qualsiasi genere e ne farà un boccone in compagnia del suo fidato PC. Se potesse scapperebbe con lui in Giappone, continuando ad amare la scrittura e a videogiocare come un matto. Lo potete trovare su Facebook.

Due anni fa l'arrivo di Hyrule Warriors, in esclusiva su WiiU, non stupì praticamente nessuno. Del resto, per quanto il titolo non fosse di certo indimenticabile (qui potete trovare la nostra recensione), poteva contare su una tra le più belle e incalzanti storiografie mai realizzate da Nintendo (quella di The Legend of Zelda), oltre che sull'apporto di un team di sviluppo, gli Omega Force, che, con One Piece: Pirates Warriors, avevano appena cominciato a "piegare" il loro franchise più rodato e famoso (quello dei Dinasty Warriors) per dare vita a dei titoli immediati, divertenti e che celebrassero alcune tra le più belle opere provenienti dal Sol Levante (in quel caso si trattò del masterpiece piratesco ideato da Eiichiro Oda). A due anni di distanza, dopo aver pubblicato Arsland: The Warriors of Legend e attivamente alle prese con l'adattamento videoludico di Attack on Titan, Koei Tecmo è pronta a portare su 3DS questo scanzonato "musou" dedicato alla saga di Link e compagni. Invitati negli studi milanesi di Nintendo, abbiamo avuto modo di provarlo per circa un'oretta, ritrovando, nel bene o nel male, tutte quelle caratteristiche che avevamo già avuto modo di scoprire nella versione dedicata all'home console della casa di Kyoto, più qualche piccola aggiunta contenutistica che saprà rendere certamente più appetibile questo porting a tutti gli appassionati della saga.

Se oltre a Link vuoi andare, con il suo "musou" ti devi confrontare.

Come dicevamo, Hyrule Warriors Legend è una perfetta mescolanza tra il celebre sistema di combattimento hack'n'slash sdoganato dai Dynasty Warriors e tutti gli elementi fantastici provenienti dai più celebri episodi di Zelda, tra cui spiccano Ocarina of Time e Skyward Sword. Legend, tuttavia, potrà contare sull'aggiunta di quattro nuovi capitoli ispirati a Wind Waker e interamente dedicati ad un nuovo e inedito protagonista: Linkle. Si tratta di una pastorella di cucco (sì, i celebri polli della saga) che, almeno in principio, avrebbe dovuto ricoprire il ruolo della sorella di Link, ma che nel gioco ritroveremo nei panni di una sua "fangirl" sfegatata, (non a caso si veste di verde), intenta a replicare le gesta del suo celebre idolo con le sue due micidiali balestre che la rendono particolarmente temibile dalla distanza. Durante la nostra prova abbiamo avuto modo di mettere le mani sulla prima delle missioni ad essa dedicate (che ricordiamo essere del tutto svincolate dal plot principale del titolo), che la vedeva all'inseguimento di uno Skull Kid, bizzarra e irritante creatura ben nota agli appassionati della saga, reo di averle rubato la bussola che le era stata precedentemente regalata dalla sua amata nonnina. Messo piede sul campo di battaglia, il gameplay di Hyrule Warriors Legend si mostra in tutto il suo tradizionalismo congenito. La mappa di gioco, infatti, sarà animata dai consueti scontri tra le armate alleate e quelle nemiche, con alcuni presidi che andranno progressivamente catturati eliminando tutte le unità nemiche al suo interno. Nella fattispecie dovevamo vedercela con un esercito di scheletri e qualche "Big Poe" (i fantasmini di Ocarina of Time), mentre i continui spostamenti di Skull Kid tra i vari presidi ci costringevano a barcamenarci rapidamente da una parte all'altra della mappa (anche se in Legend ci sarà data la possibilità di teletrasportarci per il campo di battaglia sfruttando delle statue a forma di gufo). Per farci beffa degli innumerevoli avversari presenti sul nostro cammino ci siamo affidati al consueto sistema di combo ideato da Omega force. Con il tasto "Y" ci era possibile effettuare dei semplici attacchi concatenati con le balestre, mentre con il tasto "X" potevamo chiudere la serie dei nostri colpi con alcune potenti finisher; alcune delle quali vedevano Linkle spiccare un sontuoso balzo per poi ripiombare nel bel mezzo dei nemici infliggendo un notevole danno ad area. Al tasto "A", invece, erano affidate le consuete abilità speciali dell'eroe, ovvero quei potenti attacchi ad area, di solito accompagnati da una breve cutscene, eseguibili solamente dopo aver riempito la barra ad essi dedicata (anche se Linkle ne possiede ben tre). Purtroppo, abbiamo avuto modo di giocare solamente la build "sbloccata", ovvero quella con tutti i personaggi e le armi al massimo livello, per cui non siamo stati in grado di valutare in maniera ottimale il livello di difficoltà espresso dal titolo. Tuttavia, per via di un sistema di combattimento volutamente molto semplificato e un gameplay perfettamente in linea con i congeneri, resta evidente di come le velleità di Hyrule Warriors Legend si trovino più che altro nella possibilità di poter finalmente utilizzare "attivamente" i celebri personaggi della saga piuttosto che in un'esperienza di gioco dall'alto tasso di sfida.

Piccole novità, più appeal

E lo si capisce benissimo analizzando tutte le nuove feature esclusive che Omega Force ha inserito in questo porting per rimpolpare ulteriormente l'offerta contenutistica. Oltre a Linkle, infatti, potremo controllare nuovi iconici personaggi della saga (per un totale di 26), tra cui troviamo Toon Link, Tetra, King Daphnes e lo stesso Skull Kid (alcune missioni saranno infatti giocabili nei panni dei personaggi nemici). Inoltre, Hyrule Warriors Legend potrà contare su una nuova modalità che si sposa davvero alla perfezione con la natura portatile della console: la My Farie Mode. Si tratta di una sorta di Tamagotchi fantasy, dove il giocatore potrà vestire, dare da mangiare e addestrare delle piccole fatine colorate, ognuna legata ad uno specifico elemento e capace di offrire dei vantaggi unici in battaglia. Esse, infatti, dopo essere state assegnate ai personaggi che decideremo di portare in combattimento, garantiranno loro delle potenti abilità, le cosiddette "rental skill", che andranno appunto imparate nutrendo le fatine e livellando le loro statistiche (il cibo, così come i vestiti, andranno droppati dai nemici o recuperati nei forzieri). Una di queste abilità, ad esempio, ci permetterà di resuscitare (una sola volta per battaglia) il personaggio non appena la sua salute scenderà a zero. Un'altra apprezzabile novità del titolo è quella legata allo "switch" dei personaggi. Durante le battaglie con più personaggi alleati, infatti, ci sarà possibile passare da uno all'altro semplicemente toccando il loro avatar, dandoci così modo di conseguire gli obiettivi e di raggiungere le varie aree della mappa con molta più rapidità. Inoltre, portandoli a combattere nella stessa zona, i personaggi otterranno dei bonus all'attacco e alla difesa, e potranno anche sfruttare alcune speciali interazioni (che purtroppo non abbiamo ancora avuto modo di saggiare) altrimenti non disponibili. A chiudere le fila ci pensa il bel malloppo di DLC della versione originale, che qui, tranne il Boss Pack, saranno inseriti nel gioco in forma completamente gratuita (con la chicca di poterli importare su WiiU nel caso non li abbiate acquistati a suo tempo).

Purtroppo, per non incidere eccessivamente sulle prestazioni di gioco, Nintendo è stata costretta a rimuovere la modalità co-op (che metteva già a dura prova le performance della versione WiiU), sostituendola con le funzioni di sharing (fatine, abilità e molti altri elementi di gioco) dello StreetPass di Nintendo 3DS. Rimanendo in tema di prestazioni, Hyrule Warriors Legend ci è parso un porting discreto, con un'immagine tendenzialmente pulita e delle ottime cutscene in CGI. Inoltre, la versione per New 3DS potrà contare su una draw distance leggermente superiore rispetto al precedente modello.

Hyrule Warriors Legends La nostra prova negli studi milanesi di Nintendo, ci ha permesso di confrontarci con la versione per 3DS di Hyrule Warriors, pubblicato ben due anni fa in esclusiva su WiiU. Quello che ci siamo trovati di fronte è un musou piuttosto tradizionale, corroborato dal tipico gameplay semplificato dei Dynasty Warriors e impreziosito dai numerosi e puntuali elementi di gioco estrapolati dall'universo di The Legend of Zelda. Interessanti sono tutte le piccole novità che Omega Force e Nintendo hanno inserito per rendere più appetibile questo porting, tra cui citiamo i nuovi personaggi (con Linkle a capeggiare in ben 4 nuovi capitoli della story mode), lo "switch" in battaglia e la My Farie Mode. Non ci resta quindi che attendere il 23 marzo, quando Hyrule Warriors Legend giungerà su 3DS e New 3DS.

Quanto attendi: Hyrule Warriors Legends

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 5
56%
nd