Provato LEGO Marvel Avengers

Traveller's Tales torna con quello che promette di essere il gioco Lego più completo mai dedicato alla Casa delle Meraviglie. Le novità non sono molte, ma la quantità di contenuti davvero eccezionale.

provato LEGO Marvel Avengers
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • 3DS
  • PSVita
  • Wii U
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Andrea Porta Andrea Porta è un fanatico, divoratore (e occasionalmente critico) di videogame, serie TV, cinema, letteratura sci-fi e fantasy, progressive rock, comics, birre belga, rolling tobacco e molto altro ancora. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Un po' grazie ad un'ottima strategia, un po' improvvisando e scommettendo sul futuro, l'accoppiata Disney/Marvel ha tutto sommato fatto un buon lavoro con le trasposizioni cinematografiche uscite a ritmo serrato negli ultimi anni. Alti e bassi, certo, ma anche pellicole di grande intrattenimento, e soprattutto una Civil War che ormai è alle porte, e sulla quale non bisogna sbagliare. Parallelamente, in ambito videoludico a brillare semmai è stata la concorrenza, con i Batman di Rocksteady che sono riusciti a segnare in maniera profonda l'ambito action/adventure. Il fronte Marvel è rimasto sostanzialmente fermo, se non per i lavori creati da Traveller's Tale su licenza Lego, i quali continuano a riproporre una formula di gioco ormai super-collaudata e puntano semmai sugli aspetti contenutistici: ogni nuova produzione cerca di allargare i confini rispetto alla precedente, proponendo hub di gioco sempre più vasti, un numero di personaggi e sbloccabili esorbitante, e una caratterizzazione che sappia rileggere i temi originali con il consueto humour.

Un giro per New York

In modo da illustrarci al meglio le caratteristiche di Lego Marvel Avengers, i ragazzi di Traveller's Tale si sono presi la briga di venire fino a Milano, e portarci per una buona mezz'ora in giro per la New York digitale e a mattoncini che farà da sfondo alle avventure dei Vendicatori. Sebbene la versione Playstation 4 non presentasse evidenti passi avanti dal punto di vista grafico rispetto ai più recenti giochi Lego, la riproduzione di Manhattan fa sempre la sua discreta figura. Il pop-up tende a rovinare un po' la scena, ma nel complesso la riproduzione coloratissima della Grande Mela, con i suoi elementi distruttibili pronti a trasformarsi in mucchietti di mattoncini, riesce a mantenere un suo bell'impatto. Come sempre, la vasta ambientazione sarà liberamente esplorabile, e permetterà sia di avviare le missioni relative alla trama (con un piccolo e spettacolare espediente che vedremo più avanti) sia di sbloccare un gran numero di collezionabili e segreti. Proprio al fine di espandere al massimo questo aspetto, da sempre uno dei più graditi da parte dei fan, i ragazzi di Traveller's Tales hanno creato un piccolo team interno (rinominato con grande fantasia "the hub team") che ha avuto lo specifico compito di occuparsi di arricchire l'open world di contenuti. Si tratta della prima volta che questo accade per un gioco della serie, e siamo curiosi di valutarne i benefici. La presentazione si è comunque concentrata più che altro sul notevolissimo roster di personaggi, che come sempre va a raccogliere tutti i volti più noti di Marvel e anche i supereroi meno conosciuti, ma comunque molto cari ai fan. Proprio nella schermata piena zeppa di faccine da cui scegliere il proprio alter ego (anche in tempo reale durante la libera esplorazione) si cela uno dei segreti del successo dei giochi Lego, ossia quella rilettura dei singoli personaggi di una licenza talmente riuscita sin dai primi istanti da catturare chiunque, fan sfegatati o meno.

Ci basta vedere Iron Man (ormai universalmente riconosciuto come frontman del progetto cinematografico grazie allo straordinario lavoro di Robert Downey jr) alle prese con la sua maschera difettosa per scoprire di non riuscire a nascondere un sorriso, e questo vale anche per molti altri personaggi. Pare proprio, tra l'altro, che i ragazzi di Traveller's fossero ben consapevoli durante lo sviluppo di quanto il personaggio di Tony Stark sia ormai universalmente adorato, dato che al buon Iron Man sono state dedicate attenzioni davvero speciali. Ad esempio, dopo averlo scelto come personaggio da controllare sarà possibile in qualunque momento accedere ad un'interfaccia che ricorda da vicino il "primo piano" ormai ben noto visto nei film, con la faccia di Tony in bella vista e l'interfaccia virtuale di Jarvis tutt'intorno, dalla quale accedere ai moltissimi modelli di armatura inseriti nel gioco. Tra queste non poteva mancare la Hulkbuster, ma figurano anche la Mark 5 (a forma di valigetta) e la Superior Iron Man, più familiare ai fan del fumetto. A questo c'è da aggiungere la presenza di un altro livello hub oltre a quello di New York, che prende le forme della gigantesca villa di Tony a Malibu, della quale sarà possibile esplorare le stanze al piano terra, e, naturalmente, il segretissimo garage.

La carrellata di personaggi è continuata con alti esponenti più o meno noti della famiglia Marvel, tra cui Jessica Jones (che da qualche tempo ha uno show tutto suo su Netflix, e dunque non poteva mancare), l'agente Coulson con l'immancabile Lola, Hulk, Quicksilver, Cloud 9, persino Moonboy, che può cavalcare Devil Dinosaur in giro per i livelli, distruggendo più o meno qualunque cosa. Non mancano le varianti, come Thor, che si trova in versione normale oppure in quella attuale (almeno nei fumetti), ossia Jane Foster. In questo ambito trova posto anche qualche novità, come ad esempio la presenza di super eroi extra large, alti circa dieci volte quelli in normale forma umana. E' il caso del poco conosciuto (almeno per noi) Fing Fan Foom, un antico drago apparso nelle serie a fumetti di Iron Man. Anche dal punto di vista del gameplay qualche piccola aggiunta c'è, come una sorta di detective mode che servirà per completare alcune quest secondarie e passaggi delle varie trame: in maniera molto semplice, si tratterà di rintracciare nello scenario una serie di indizi evidenziati al passaggio della telecamera, recuperando una meccanica vista in molti action adventure. Il sistema di combattimento è quello di sempre, ma ora è stata aggiunta una barra special, la quale, una volta carica, permetterà di utilizzare attacchi più potenti. Non ci è stato purtroppo possibile vedere nulla della modalità trama, sebbene sappiamo che comprenderà diversi dei film dedicati all'universo Marvel, tra cui Iron Man 3 (bizzarra l'assenza dei primi due), Captain America Winter Soldier e Thor 2.

LEGO Marvel Avengers Lego Marvel Avengers è esattamente quello che ci saremmo aspettati, una celebrazione corale di tutto quello che la Casa delle Meraviglie ha offerto nei suoi lunghi anni di onorata carriera. Traveller's Tale ha trovato una formula notevole per i suoi giochi, in grado di far innamorare i più piccoli e intrattenere (almeno per un po') anche gli adulti, e come prevedibile non la cambia di una virgola. In altre parole, se quello che stavate cercando erano delle novità, rimarrete delusi, ma se invece siete semplicemente fan sfegatati dei fumetti o delle loro trasposizioni cinematografiche, qui troverete molte ore di sano intrattenimento, e perché no, anche molte e sincere risate in compagnia.