Provato Need for Speed - Versione PC

Negli uffici milanesi di EA abbiamo avuto modo di provare con mano la versione PC del gioco in arrivo a fine marzo, scoprendo alcuni dettagli sull'implementazione dei volanti e sul lavoro svolto sotto il profilo grafico.

provato Need for Speed - Versione PC
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Andrea Porta Andrea Porta è un fanatico, divoratore (e occasionalmente critico) di videogame, serie TV, cinema, letteratura sci-fi e fantasy, progressive rock, comics, birre belga, rolling tobacco e molto altro ancora. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Se i giocatori PC non hanno ancora avuto modo di mettere le mani sul nuovo Need for Speed firmato dagli svedesi Ghost Games, un motivo c'è. Ai tempi dell'uscita su console, risalente allo scorso autunno, gli sviluppatori erano stati chiari relativamente al loro intento di lavorare fino all'ultimo sulle rifiniture delle versioni per console, e solo successivamente spostare i loro sforzi sul fronte personal computer. Grazie ad un invito di Electronic Arts abbiamo raggiunto la sede milanese del publisher per provare con mano un codice ancora provvisorio di quest'ultima versione, scoprendo come al di là dei prevedibili miglioramenti grafici vi siano alcune interessanti aggiunte che vanno ad impattare anche sul gameplay. Con l'uscita fissata al 17 marzo (e l'accesso anticipato il 10 per tutti gli iscritti a Origin Access), al lancio non manca ormai molto.

Al volante, per davvero

Considerando il suo gameplay disperatamente e volutamente arcade, il nuovo Need for Speed (così come i suoi predecessori firmati Ghost Games e Criterion) non si è particolarmente prestato alla guida tramite volante e pedaliera, eppure il supporto è stato più volte richiesto dalle community. Ghost Games, dal canto suo, ha preferito concentrare gli sforzi produttivi post-lancio soprattutto sulle ulteriori rifiniture tramite patch e sull'aggiunta di contenuti gratuiti, i quali peraltro hanno piacevolmente espanso l'offerta iniziale. Con l'arrivo della versione PC, tuttavia, giunge non solo il supporto alle periferiche dedicate alla guida (con una lista ancora da confermare, ma che comprenderà diversi modelli Thrustmaster, Fanatec e Logitech), ma anche la trasmissione manuale per tutti i mezzi, altro punto su cui la community si è fatta molto sentire negli ultimi mesi. Quest'ultima, peraltro, verrà aggiunta anche alle versioni console tramite aggiornamento (ancora privo di date ufficiali), testimoniando come Ghost sia molto attenta al feedback dei fan, e disposta a tornare sui propri passi per accontentarne le richieste. Se quindi il supporto alle periferiche, anche in seguito a quanto provato su PC, non cambia più di tanto l'approccio al gioco, la possibilità di gestire liberamente la cambiata è invece molto gradita, soprattutto nelle gare sprint, dove una scalata al momento giusto può fare la differenza. La nostra prova si è svolta testando qualche gara della modalità singolo giocatore, equipaggiati con volante Thrustmaster T150. Un breve sguardo alle regolazioni dedicate al volante ci ha permesso di scoprire come sia possibile impostare sensibilità e zone morte per sterzo, freno e acceleratore, ma purtroppo, almeno al momento, risulti assente una voce dedicata al Force Feedback. Quest'ultimo è attivo durante la guida, ma ci è apparso davvero blando durante la nostra prova, e anche piuttosto incostante, dato che nelle brevissime cut scene immediatamente precedenti la gara l'effetto risulta invece molto più intenso, per poi "alleggerirsi" non appena il giocatore assume il controllo del mezzo. Quanto alle sensazioni di guida offerte dal controllo con volante e pedaliera, come era facile prevedere conoscendo già l'esperienza proposta dal nuovo Need for Speed, l'esperienza non ne trae un giovamento essenziale.

La disperata attitudine alla derapata del gioco, ereditata dal lavoro di Criterion sulla saga, non porta a grandi necessità di parzializzazione di gas o freni, richiedendo più che altro di indovinare il giusto angolo di sterzata senza perdere velocità, un qualcosa in cui si riusciva molto bene anche con il pad. Il controllo più preciso, insomma, non aggiunge granché, laddove proprio il Force Feedback poteva fare la differenza, almeno in termini di immersività. A questo proposito, la speranza è che i ragazzi di Ghost sfruttino queste ultime settimane per mettere a punto questo importante aspetto, bilanciando meglio il ritorno di forza, oppure aggiungendo la possibilità di controllarne l'intensità.

Ventura Bay, by night

Impostazioni grafiche

Il menu dedicato alle impostazioni grafiche di Need for Speed ci è apparso ben ricco di opzioni. Texture, ombre, effetti e dettaglio geometrico possono essere impostati in quattro modalità, da Basso a Ultra. L'antialiasing permette di scegliere tra FXAA e TAA, mentre l'occlusione ambientale si presenta con l'alternativa tra SSAO e HBAO. Motion blur e sincronia verticale possono essere attivi o spenti, mentre la risoluzione, come già accennato, arriva fino al 4K.

Già su console Need for Speed aveva dato prova di sapersi comportare molto bene, seppure i 30 FPS limitassero le impressioni generali di fluidità e senso di accelerazione. Grazie all'hardware PC, gli sviluppatori hanno finalmente potuto togliere i freni alla belva e lasciarla correre. Il frame rate è ora completamente sbloccato, e la risoluzione può arrivare sino al 4K, sicuramente un bel risultato. Anche le texture, naturalmente, si presentano più definite, con una generale pulizia aiutata dall'anti aliasing nettamente più efficace. Le regolazioni, di cui parliamo nel box dedicato, sembrano suggerire una buona scalabilità, sebbene i requisiti minimi e consigliati ancora non siano stati ufficialmente comunicati dallo sviluppatore. Complessivamente, il colpo d'occhio è ancor più accattivante di quanto non fosse già su console, sebbene si noti comunque come Need for Speed sia figlio di un "procedimento inverso", nato e ottimizzato prima su console, e solo successivamente approdato su PC. L'effettistica è di buona qualità, ma non raggiunge quei livelli di assoluta eccellenza che la piattaforma personal computer, a patto di disporre di un buon hardware, sa regalare. Il passo avanti rispetto alle versioni console, ad ogni modo, c'è e si vede, senza dimenticare il fattore frame rate: pur trattandosi di un gioco arcade, come tutti i racing Need for Speed ne giova ampiamente.

Need for Speed Considerato che l'edizione PC di Need for Speed arriverà completa di tutte le espansioni gratuite già distribuite su console (con l'eccezione di Showcase, che tuttavia seguirà a stretto giro), e apparentemente accompagnata da un buon lavoro di ottimizzazione grafica, nel complesso l'attesa può dirsi ripagata. Se l'introduzione della cambiata manuale (che arriverà tramite futura patch anche su console) riesce ad aggiungere qualcosa in termini di gameplay, perlomeno nelle gare di velocità, lo stesso non può dirsi del supporto ai volanti, considerando il gameplay totalmente arcade. La speranza è che il Force Feedback, al momento troppo blando, venga ottimizzato a dovere prima del lancio, dato che proprio quello potrebbe giustificare, almeno in parte, l'utilizzo di periferiche dedicate.

Che voto dai a: Need for Speed

Media Voto Utenti
Voti totali: 24
8.2
nd