Electronic Entertaiment Expo 2016
Electronic Entertaiment Expo 2016 Dal 14/06/2016 al 16/06/2016

Tutte le notizie, gli articoli ed i video comodamente organizzati nella pagina evento

E3 2016

Provato Outlast 2

Il seguito di uno degli horror più apprezzati degli ultimi anni si mostra in forma giocabile in occasione dell'E3 2016. Siamo rimasti avvolti da un'atmosfera impareggiabile, resa ancora più pesante e soffocante da un cambio drastico di location.

Vuoi rimanere sempre informato sull'E3 2016? Niente pubblicità: solo tutte le novità dall'evento direttamente nella tua casella di posta!

iscriviti
provato Outlast 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Dario Bianchi Dario Bianchi Accanito videogiocatore dall'età di 6 anni, Dario adora le emozioni e le forti suggestioni trasmesse dal mezzo videoludico. Quando non impugna un pad si dedica alla lettura, alla birra e al rock, accompagnato dalla sua amata Fender Telecaster! Lo trovate su Facebook e Twitter.

Outlast II si è svelato al grande pubblico alcune settimane fa, con un debut trailer che ha subito rapito l'attenzione dei tanti giocatori affamati di horror duri e puri. Il nuovo titolo targato Red Barrels si mostra in forma giocabile sull'imponente showfloor Microsoft, con una demo che presenta una sequenza "espansa" rispetto a quanto visto in concomitanza dell'annuncio ufficiale. Atmosfera incredibile, un profilo tecnico evidentemente migliorato ed un cambio di location riuscitissimo costituiscono il gustoso antipasto ad uno dei titoli più promettenti del prossimo autunno.

Nel gorgo del fanatismo religioso

In Outlast II vestiremo i panni di Blake Langermann, giornalista d'assalto che lavora spalla a spalla con sua moglie Lynn. I due sono professionisti senza paura, che non si tirano indietro se c'è da fare del lavoro sporco, indagando su argomenti ed avvenimenti che altri colleghi non esiterebbero a definire "scomodi". Non a casa, l'incubo di cui diverremo protagonisti comincia con la misteriosa morte di una donna incinta, chiamata Jane Doe: la coppia ha una pista da seguire, una serie di tracce che li condurrà direttamente nel deserto dell'Arizona, dove il mezzo con cui si stanno spostando subirà un'avaria improvvisa, separandoli. La sequenza da noi giocata ripropone le stesse location presenti nel debut trailer: scivolando dalla china di una montagna ci ritroveremo persi e spaesati in un polveroso e lugubre centro rurale. L'oscurità domina la scena, concedendoci l'occasione di attivare la nostra handy cam, che fa così il suo glorioso ritorno: le batterie andranno come sempre centellinate, consumate dall'attivazione della lente ad infrarossi, unico modo per procedere nel buio pesto che avvolge gli ambienti, ora più vasti e ricchi di dettagli. La maggior parte delle case in legno che compongono il diroccato villaggio è integralmente visitabile: la ricostruzione delle abitazioni appare curata e dettagliata nel tratteggiare alloggi cadenti e marcescenti, pieni di polvere, ragnatele e sporcizia. Sfidare le proprie paure addentrandoci in questi luoghi potenzialmente pericolosi, ci consentirà però di recuperare preziose batterie, ricompensandoci così per i rischi corsi. Raggiunto il pozzo già visto nel gameplay di debutto, finalmente abbiamo potuto giocare una sequenza del tutto inedita: l'oscurità della profonda cavità ha cominciato ad animarsi, ed una mostruosa lingua ci ha afferrati, trascinandoci con sè. Persi nel buio, una voce femminile ci chiama da lontano, mentre d'improvviso ci ritroviamo a strisciare in uno stretto condotto d'aerazione: tra urla e pianti disperati, l'inusuale sequenza onirica prosegue quando il passaggio cede sotto al nostro peso, catapultandoci in una stanza ben arredata, che ricorda un'aula scolastica. Alcune cartine geografiche fissate sui muri riportano la data "1992", suggerendoci di aver compiuto uno strano salto nel passato: ci muoviamo spaventati in corridoi inusualmente illuminati, mentre alcune ombre sovrannaturali dalle fattezze animalesche sgusciano sinuose scomparendo istantaneamente nel nulla. Le pareti sono ricoperte da manifesti religiosi che invitano al pentimento e alla salvazione divina, ripetendo con insistenza formule che assumono i contorni di un vero e proprio lavaggio del cervello. Non è un caso che Outlast II sembri quindi aver rimescolato le carte in tavola, non solo modificando profondamente l'ambientazione principale ma anche le tematiche centrali del plot, allontanandosi dall'esplorazione della follia e degli esperimenti scientifici, sostituiti qui da un rinnovato focus sulle ossessioni del fanatismo religioso e sul sovrannaturale. In questo confuso incubo dai contorni indefiniti, una bambina fugge in preda al terrore: sembra che il protagonista la conosca, dal momento che la chiama per nome. Svoltato un ennesimo corridoio, lo spettacolo che ci si para davanti è orribile: la ragazzina, chiamata Jessica, giace impiccata al soffitto. Cercando di liberarne il cadavere, i contorni della realtà diventano nuovamente indefiniti, mentre una mostruosa figura umanoide ci assale, riportandoci nei polverosi edifici del villaggio abbandonato.

Da qui abbiamo potuto provare sulla nostra pelle il terrore della già conosciuta sequenza del campo di grano: nel tentativo di sfuggire ai nostri selvaggi assalitori, ci lanciamo nella vasta piantagione, scostando le alte piante mentre corriamo con il cuore in gola. Con la pressione di un dorsale possiamo guardarci alle spalle, per apprezzare come gli abitanti del luogo siano davvero poco contenti di vederci. All'improvviso, uno spiraglio: un passaggio in una delle recinzioni ci offre una via di fuga che non ci lasciamo scappare, scivolando lungo uno scosceso dirupo. Al termine della nostra discesa l'incubo si palesa in tutta la sua crudeltà: una donna vestita di lerci stracci solleva un'enorme ascia, che lascia ricadere sul nostro stomaco. La lama dell'arma lacera le nostre carni, dilaniando e martoriando il corpo del protagonista, colpendolo in punti del corpo talmente "delicati" che preferiamo non star qui ad indicarvi, ma che forse avrete già intuito. Al termine della mattanza tiriamo un sospiro di sollievo: posiamo le cuffie ed il pad della nostra postazione e ci allontaniamo, cercando di scrollarci di dosso la tensione accumulata, così da mettere meglio a fuoco quanto provato. Outlast II si dimostra quindi un titolo di enorme atmosfera, una peculiarità trasmessa sopratutto dall'inedita e terrorizzante location del deserto del Nevada. Abbandonando i claustrofobici spazi del manicomio, questo seguito trasmette sensazioni ancora più estreme nel porci dinanzi ad una realtà priva di punti di riferimento, dominata dall'oscurità e dalla malattia. Pur avendo rivissuto quanto già visto, la breve porzione di gioco inedita ci ha piacevolmente colpiti, sopratutto sul piano narrativo: il tema della religione e del fanatismo ad essa collegato irrompe prepotentemente grazie ai tantissimi riferimenti presenti nella scuola, e la povera Jessica sembra legata a Blake e Lynn da un legame ancora avvolto nel più fitto mistero. Insomma, l'orrore è appena (ri)cominciato, ed il cammino verso la luce è ancora molto lungo.

Outlast 2 Outlast II si conferma come uno dei titoli più promettenti del prossimo autunno. Il seguito di uno dei giochi horror più inquietanti di sempre non sembra volersi distaccare eccessivamente dalla collaudata formula del predecessore, lavorando piuttosto sullo smussarne i vari spigoli. Un comparto tecnico migliorato, caratterizzato da un'ottima modellazione poligonale e da effetti grafici di pregevole fattura, unito ad una nuova ed inquietante ambientazione, si fondono egregiamente, supportando un plot che si concentra sull'esplorazione di un diverso tipo di orrore, collegato ad inediti angoli oscuri della mente umana. Gli ingredienti per confezionare un'altra opera di ottima qualità ci sono proprio tutti, e nutriamo grandi aspettative per un progetto che ha tutte le carte in regola per imporsi come uno degli horror migliori degli ultimi dieci anni. Attendiamo quindi pazientemente le prime piogge autunnali, periodo dell'anno durante il quale Outlast II dovrebbe essere finalmente pubblicato.

Che voto dai a: Outlast 2

Media Voto Utenti
Voti totali: 24
8.8
nd