Provato Sleeping Dogs Definitive Edition

Una Hong Kong come non l'avete mai vista prima, nell'edizione definitiva del free roaming targato Square Enix.

provato Sleeping Dogs Definitive Edition
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Uno dei free roaming più curiosi e interessanti degli ultimi anni è senza alcun dubbio Sleeping Dogs, titolo che ci mette nei panni di un poliziotto sotto copertura alle prese con la pericolosa Triade cinese in una caotica Hong Kong del nuovo millennio. Se ben ricordate, l'orientaleggiante free roaming fu reduce di uno sviluppo piuttosto travagliato. Il progetto partì sotto etichetta Activision con il titolo True Crime: Hong Kong: l'intento era quello di portare avanti una saga che vantava ancora un discreto seguito tra gli amanti del genere open world. Il progetto venne però abbandonato dopo 2 anni di sviluppo e, in seguito a non poche magagne con la produzione e il rischio di cancellazione completa, una rinnovata Square Enix ne intuì le potenzialità, acquisì la software house e investì nello sviluppo pubblicando infine il prodotto con titolo Sleeping Dogs. Nonostante il passaggio di label, il titolo ad ambientazione cittadina ha saputo costruirsi un'identità forte grazie ad un gameplay divertente e dinamico, un sistema di combattimento corpo a corpo intrigante e ben strutturato, e infine un'ambientazione senza dubbio unica nel suo genere (un po' come Yakuza per Playstation). Il gioco ottenne immediatamente l'approvazione di critica e pubblico, riscuotendo un discreto successo anche in termini di vendite.
A un mese esatto dalla release, Everyeye ha finalmente l'occasione di mettere le mani sulla Definitive Edition per le nuove console Playstation 4 e Xbox One, un'edizione che non è solo completa dei 24 DLC originali, ma che vanta un comparto grafico rivisto e corretto.

NON SVEGLIARE IL CAN CHE DORME. O SÌ?

A circa due anni dall’uscita e nonostante l’agguerrita concorrenza del mercato, Sleeping Dogs è oggi un free roaming ad ambientazione urbana che ancora funziona: divertente, dinamico e certamente ben strutturato. Chi scrive ha collezionato un discreto quantitativo di ore di gioco con la versione PC, e girare nuovamente per le strade di Hong Kong regala una piacevole sensazione di “ritorno a casa”. Il titolo di United Front Games non si limita a raccontare una crime story dal sapore cinematografico fatta di piombo e arti marziali: Sleeping Dogs ci regala una città intera tutta da scoprire e assaporare. La metropoli orientale tratteggiata dal team canadese è cupa, fumosa e irta di pericoli. La minaccia della Triade è sempre dietro l'angolo, e nelle piccole viuzze delle città, gang rivali si scontrano per il controllo del territorio. Anche la polizia lotta costantemente contro la mafia, combattendo le cellule criminali sia da fuori che da dentro. Ma la Hong Kong dipinta da Square Enix è anche una delle città più ricche, prospere e affascinanti dell'intero oriente. Le colorate insegne che illuminano la città di notte, i grattacieli che svettano alti nel quartiere del centro, i fuochi d'artificio che scoppiano nel cielo nei giorni di festa, tutti elementi che raccontano di una città viva e pulsante.
La sessione di hands-on conferma un gameplay che non ha subito alcuna variazione rispetto al titolo originale uscito nel 2012 su PC, Playstation 3 e Xbox 360. Il Dualshock 4 ha risposto benissimo ad ogni tipo di input, nelle sessioni di combattimento corpo a corpo, nelle sparatorie e infine alla guida dei veicoli offerti dal gioco (su due e su quattro ruote). La fisica resta pressoché immutata, e sebbene poco realistica in alcuni particolari frangenti - come durante le veloci corse in automobili e relative collisioni - l'azione si presenta sempre sufficientemente credibile e comunque bella da vedere e giocare. Il test ci ha permesso di dedicarci a qualche missione secondaria, metterci al volante di un potente bolide per una corsa tra gli stretti vicoli di Hong Kong e infine saggiare qualcosa dei DLC acclusi, tra cui l’halloweeniano “Nightmare in North-Point”.

UN LAVORO DI FINO

La Definitive Edition di Sleeping Dogs ci trasporta in una città più bella e realistica che mai, grazie ad una sostanziosa revisione del comparto tecnico e complice la potenza hardware delle nuove macchine di Sony e Microsoft. Le texture sono state migliorate e ottimizzate, così come più belli sono gli effetti volumetrici e ambientali (sistema d’illuminazione compreso). La versione Playstation 4 da noi provata mette in evidente mostra un buon uso degli shader, sebbene la vecchia versione PC sia ancora superiore in tal senso.
Lo smartphone di Shen è stato completamente ridisegnato, offrendo ora grafiche più moderne, complesse e gradevoli da vedere: non è chiaro se sia stata aggiunta qualche inedita funzionalità, una cosa che scopriremo solo una volta messe le mani sulla release finale. Rispetto al gioco saggiato nel 2012 sulle console della scorsa generazione, gli ambienti risultano più ricchi e pieni, con un elevato numero di PNG, oggetti e veicoli. Su entrambe le nuove piattaforme è confermata la risoluzione nativa a 1080p con un ottimo dettaglio grafico e un frame rate di 30fps piuttosto stabile (abbiamo registrato qualche calo solo sfrecciando nel traffico con veicoli molto veloci, e in particolari frangenti).

Sleeping Dogs Definitive Edition La session di 45 minuti da noi giocata ci mostra una Definitive Edition in ottima forma, notevole dal punto di vista grafico e ricca anche sotto il profilo contenutistico. La grafica appare ben ottimizzata, con scenari ricchi di dettaglio, texture piene, ottimi effetti volumetrici e infine un filtro anti-aliasing capace di pulire bene l'immagine. Quel che impressiona maggiormente sono i volti dei personaggi, parzialmente ridisegnati e valorizzati con texture e shader. Anche alcuni degli elementi dello scenario sono stati ridisegnati, come le auto e i grossi cartelloni pubblicitari sui palazzi e a bordo strada. Il framerate è stabilmente ancorato a 30fps, con brevi e sporadiche perdite di fluidità solo negli attimi più concitati. Il software è corredato di ben 24 DLC originali, capaci di estendere ulteriormente la longevità di un prodotto già di per sé piuttosto lungo e completo. Se non avete ancora giocato il free roaming di Square Enix, questa potrebbe essere l'occasione migliore per farlo.