Snipperclips: Diamoci un taglio! Provato

Snipperclips: Diamoci un taglio! è un puzzle game cooperativo dallo stile unico, in uscita a marzo su Nintendo Switch.

provato Snipperclips: Diamoci un taglio!
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Switch
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Snipperclips è stata senza ombra di dubbio la più grande sorpresa dell'evento di presentazione di Nintendo Switch. Mentre delle doti di Zelda, Splatoon 2 e Mario Kart 8 Deluxe eravamo tutto sommato sicuri, questa nuova IP uscita dal nulla ha saputo conquistarci nonostante non abbia un rinomato "pedigree". Senza nulla togliere a 1-2-Switch ed al promettente Arms, fra i titoli inediti svelati assieme alla data di lancio della console è stato proprio questo puzzle game cooperativo a lasciarci più incuriositi. Che poi quella di Snippers è anche una bella storia da raccontare: nato con il nome di Frendshape e presentato come un prototipo alla GDC del 2015, il titolo è stato subito adocchiato dalla casa di Kyoto, che non ha perso tempo a reclutare il team di sviluppo per trasformarlo in un'esclusiva in arrivo su Switch. Del resto, il gioco è perfetto per ribadire l'attenzione che l'hardware avrà per il multiplayer locale, essendo pensato principalmente per essere giocato con un amico (anche se la scheda prodotto conferma l'esistenza di una misteriosa - e chissà quanto ispirata - modalità single player).

In pratica i "protagonisti" di Snipperclips sono due sagome colorate la cui forma ricorda vagamente quella di un Joy-Con: si tratta di due rettangoli con due spigoli "smussati", che partono tutti retti e angolosi e finiscono con una panciuta rotondità. Come fossero disegnate su di un foglio virtuale che ricopre tutto lo schermo (lo stile grafico è un rifiorire di quaderni a quadrettoni, righelli, matite sketch), le due sagome vengono controllate indipendentemente da due giocatori, che le muovono stringendo in mano uno dei due controller di Switch. Possono corrersi incontro, sovrapporsi, saltare uno sulla testa dell'altro. E poi ruotare, abbassarsi: con l'obiettivo di riprodurre alcune figure indicate da una linea tratteggiata al centro dello stage. Per formare un cuore, ad esempio, possono inclinare la loro silhouette di 45 gradi, e poi intrecciarsi facendo in modo che i "rigonfiamenti" compongano i due archi dell'universale simbolo d'amore.
Questo succede ovviamente nei primi livelli di gioco, che hanno una funzione introduttiva e sono piuttosto facili da superare. Ben presto le forme da replicare si faranno più complesse, e qui entrerà in gioco quella componente di gameplay che giustifica il sottotitolo "Cut It Out, Together!". Le due sagome possono infatti tagliarsi a vicenda, trasformandosi quindi in triangoli, quadrati, strisce sottili. Ovviamente è richiesta un'ottima coordinazione, e i due giocatori devono parlarsi, muoversi all'unisono, saltare e abbassarsi per fare in modo di tagliare quella sporgenza di troppo che proprio non combacia con il "disegno" da replicare.

Ben presto Snipperclips getta altra carne al fuoco, chiedendo di risolvere alcuni puzzle meno concettuali e più fisici: premere una serie di pulsanti nascosti in stretti pertugi, trasportare un lapis verso un temperamatite, oppure ancora bucare dei palloncini disseminati per il livello. I due giocatori devono così ingegnarsi a trovare le forme e i movimenti giusti per centrare l'obiettivo: succede che uno debba "spuntare" l'altro per trasformarlo in un ago sottile, oppure che qualcuno debba trasportare una palla da un lato all'altro del "foglio" dopo essersi fatto scavare un'opportuna concavità sul groppone.
Gli stage che abbiamo provato hanno messo alla prova non solo le nostre meningi, ma anche i riflessi e l'accordo con il nostro improvvisato compagno. I puzzle ci sono sembrati intelligenti, ben studiati e sufficientemente vari, in linea con la vena creativa che attraversa tutta la produzione.
Ovviamente bisognerà valutare la tenuta della formula di gioco e la qualità degli enigmi, nella speranza che Snipperclips si mantenga brillante fino alla fine. Il titolo ha comunque delle ottime potenzialità, e siamo convinti che non ci saranno troppi problemi a conservare la vivacità delle situazioni dimostrata da questa demo. Basterebbe del resto cambiare le forme controllate dei giocatori per aprire la strada ad un modo tutto nuovo di affrontare le diverse situazioni. Siamo curiosi di scoprire quali saranno le trovate del team di sviluppo: per farlo, non ci resterà che aspettare l'arrivo di Snipperclips, previsto per il mese di marzo, al prezzo decisamente intrigante di circa 20 euro.

Quanto attendi: Snipperclips

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 26
67%
nd