Provato Sonic Boom: Fuoco & Ghiaccio

Dopo un esordio da dimenticare SEGA riporta su 3DS la serie spin-off legata all’omonimo cartone animato in CGI, a pochi mesi dal 25° anniversario di Sonic.

provato Sonic Boom: Fuoco & Ghiaccio
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • 3DS
Andrea Fontanesi Andrea Fontanesi sceglie (in)consapevolmente di votarsi al videogioco fin dalla più tenera età, quando, negando alla madre il piacere popolare della prima parola dedicata, pronuncia un “Ma” pregno di speranza assieme a un “rio” assai meno poetico. Crescendo si lascia sedurre dal fascino della scrittura per infine realizzare, dopo ben ventisei anni, che le due passioni, quando si compenetrano, sono in grado di donargli enormi soddisfazioni. Strenuo sostenitore dello sperimentalismo audiovisivo, nutre da sempre un sano interesse per il cinema d’animazione, ed è inoltre profondamente legato all’arte del doppiaggio, che pratica tutt’ora a livello amatoriale.

Il nuovo anno è sempre più vicino e SEGA sembra pronta e decisa a celebrare il venticinquesimo compleanno della sua popolare mascotte aculeata con tutto il calore che merita. Dal nostalgico Sonic Mania, già presentato in pompa magna con tanto di Collector's Edition, al più abbottonato Project Sonic 2017, definito dalla software house come vero e proprio punto di ripartenza del franchise, ci sarà davvero da uscirne con la pancia piena. Se tutto ciò non bastasse, il porcospino blu e la sua cricca di animali antropomorfi passeranno poi a salutare i fan sin dalla prossima settimana, quando anche Sonic Boom, filone platform apocrifo legato all'omonima serie tv franco-statunitense, tornerà a veder la luce in esclusiva sui due schermi del 3DS con un episodio tutto nuovo, intitolato Fuoco & Ghiaccio. Una notizia che forse farà storcere il naso ai fedelissimi del personaggio, dato che i due giochi visti in precedenza, Frammenti di Cristallo e - soprattutto - L'Ascesa di Lyric, hanno lasciato scontenti un po' tutti, molto lontani dalla qualità che dovrebbe addirsi a un beniamino di tale importanza storica. Gentilmente invitati da Nintendo Italia a provare il prodotto in anteprima, abbiamo cercato di capire se questa possa effettivamente essere una buona occasione di rivalsa per la serie o se, com'è umano temere, il caro vecchio Sonic sia destinato all'ennesima umiliazione.

Elementi amici

Prima di ogni altra considerazione è comunque giusto sottolineare come, con i videogiochi della serie Sonic Boom, SEGA non ambisca in effetti a catturare un'utenza differente da quella dei soli appassionatissimi del cartoon di cui accennavamo in apertura. Un pubblico giocoforza estremamente giovane, che potrebbe non aversene a male per qualche semplicismo di troppo nelle meccaniche di gameplay, a patto che ciò sia compensato da una formula d'intrattenimento quantomeno godibile e da una dose massiccia di nessi e citazioni relativi all'opera originale. Questo, naturalmente, non giustifica in alcun modo i disastri ludico-tecnici degli scorsi episodi per WiiU e 3DS, ma può essere utile a capire la filosofia che sta dietro a Fuoco & Ghiaccio, che alla nostra prima prova ha sicuramente dimostrato maggiore dignità dei suoi spregevoli predecessori. Su quanto questo capitolo possa donare ai conoscitori delle avventure animate di Sonic in puri termini di fanservice non possiamo oggettivamente dirvi granché, vuoi per mancanza di cultura a riguardo, vuoi per l'esiguità del presente hands-on, basato sul test di un singolo stage lungo una tortuosa pista ghiacciata. Ci è comunque stato assicurato che il titolo, da questo punto di vista, avrà sicuramente diversi assi nella manica, forte di una storia attinente a quella degli episodi televisivi e di sequenze cinematiche graficamente molto vicine alla CGI dello show. Salta soprattutto all'orecchio la presenza di un doppiaggio in italiano che attinge direttamente al parco voci del cartone, di cui, per adesso, abbiamo potuto saggiare soltanto qualche battuta recitata in maniera convincente dall'interprete del porcospino blu protagonista. Al di là della caccia ai riferimenti che soltanto i fan più accaniti potranno apprezzare appieno, il gioco si struttura poi come un tradizionalissimo platformer a scorrimento orizzontale diviso in livelli autoconclusivi. Tutti i personaggi che andremo a impersonare, diversi per tipo e numero a seconda dello stage affrontato, godono qui di due speciali poteri elementali, neanche a dirlo gli stessi che danno il nome all'episodio. Col potere del fuoco si sciolgono quei blocchi di ghiaccio contraddistinti da un'icona a forma di fiamma, laddove, viceversa, col talento opposto si solidificano certe superfici acquose al fine di sfrecciarci sopra senza incorrere nei pericoli posti sul fondo. Lo switch tra i due poteri avviene tanto per mezzo dei dorsali della console quanto tramite touchscreen, con la prima soluzione che ci è parsa molto più adeguata a mantenere l'avanzamento quanto più fluido e naturale possibile.

Ciascun character beneficia poi di un'abilità personale, dal classico dash supersonico di Sonic al martellone della dolce Amy; abilità che è anch'essa indispensabile per superare certe sezioni di scenario altrimenti intransitabili. Le meccaniche fin qui descritte si appaiano a un incedere che, differentemente dagli altri Sonic Boom, gli sviluppatori di Sanzaru Games hanno tentato di riavvicinare quanto più possibile agli antichi fasti dei classici Sonic the Hedgehog. Ecco allora che gli scenari possono sempre essere affrontati in tutta velocità seguendo una via principale fatta dei consueti attacchi a ricerca, di anelli da raccogliere, d'inversioni sottosopra e di quant'altro strizzi l'occhio ai ritmi forsennati della serie regolare. Nel contempo, Fuoco & Ghiaccio non rinuncia neppure a una certa tendenza all'esplorazione, per cui i numerosi segreti danno al giocatore il pretesto per fermare un attimo la propria corsa e dedicarsi a una raccolta più attenta dei collezionabili, oppure alle cosiddette Sale Sfida, brevi competizioni a cronometro che, se completate con successo, portano ad ulteriori benefici. Il tentativo sembra insomma quello di dare un colpo al cerchio e uno alla botte, accontentando, oltre a un pubblico più casual, anche chi lamentava la perdita di quella tipica frenesia che ci si aspetterebbe da un'esperienza del genere. Frenesia che, console alla mano, appare ancora lontana da quella a cui il riccio ipercinetico ci ha abituati in gioventù, benché, nel caso in cui si scegliesse di omettere completamente la ricerca degli extra, il gioco paia comunque dimostrarsi sufficientemente scorrevole e dinamico. Basterà questo a non spegnere il divertimento dopo poche sessioni dal primo avvio? Aspettatevi una nostra analisi completa quanto prima.

Sonic Boom Fire & Ice La buona notizia è che SEGA sembra aver fatto tesoro delle tantissime cose che non andavano nei precedenti Sonic Boom, per cui Fuoco & Ghiaccio si presenta oggi su Nintendo 3DS in una forma tecnicamente più pulita e ludicamente più movimentata, in barba ai pregiudizi che davano il titolo per spacciato ancor prima che vedesse la luce. Ciò detto, il platform in questione non sembra avere altre ambizioni all’infuori delle suddette, all’apparenza privo di particolari guizzi in termini contenutistici e latore di due anime, una action e l’altra più orientata all’adventure, che paiono funzionare in maniera discreta quando scisse ma che, mescolate assieme, rischiano di spezzare un po’ troppo i ritmi di progressione. A giorni, la nostra ultima parola sull’argomento.