Provato Star Wars Battlefront: X-Wing VR Mission

Alla Gamescom di Colonia abbiamo potuto provare con mano un piccolo assaggio dell'esperienza VR di Star Wars, in arrivo a fine anno su PlayStation VR.

provato Star Wars Battlefront: X-Wing VR Mission
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • PS4
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

La consapevolezza più dolorosa, quando ci togliamo dalla testa il PlayStation VR, con lo stesso gesto con cui gli assi di Star Wars si tolgono il casco, è che X-Wing VR Mission resterà, almeno per il momento, soltanto un assaggio. Un'esperienza condensata e autonoma, una sorta di demo estesa concessa gratuitamente a tutti gli utenti che possiedono una copia di Star Wars Battlefront. Un dono, insomma, per celebrare l'arrivo nelle sale di Rogue One, spin-off ambientato fra il terzo ed il quarto episodio della saga cinematografica che fu di Lucas; ed al contempo per mostrare che cosa sarebbe possibile fare con il caschetto di Sony, un'ambientazione titanica, ed un motore grafico come quello che anima lo sparatutto di DICE.
Con X-Wing VR Mission, per altro, il team di sviluppo svedese c'entra davvero poco: ad aver realizzato questa esperienza per la Realtà Virtuale sono invece quei geniacci di Criterion: i creatori di Burnout (per chi ancora si ricorda questa serie), che non finiscono mai di stupire, quando si tratta di puntare su spettacolarità e adrenalina.
Diciamolo senza indugio: Star Wars Battlefront - X-Wing VR Mission è una delle migliori esperienze vissute fino ad oggi con un caschetto sul volto: immersiva, entusiasmante, capace di valorizzare l'immaginario di Guerre Stellari grazie ad un colpo d'occhio strabiliante, nonostante gli schermi di PlayStation VR non siano proprio il massimo.
"Diventerà mai un gioco fatto e finito?", chiediamo alla fine della sessione di prova. "Magari più avanti; il potenziale c'è". Una risposta che ci lascia molto speranzosi. Per il momento, tuttavia, dobbiamo accontentarci di questo giro di prova.

Piloti Provetti

Basta l'impatto con il menù iniziale di X-Wing VR Mission per capire che siamo di fronte a qualcosa di speciale. Chi ha già avuto modo di provare Battlefront sa bene che uno dei punti di forza del titolo è il comparto tecnico, che si distingue non solo per la qualità delle texture, ma soprattutto per la modellazione poligonale, traboccante di dettagli ed eseguita grazie alla tecnica della fotogrammetria, che ha permesso al team di sviluppo di ricostruire oggetti e veicoli della trilogia originale con minuziosa attenzione. L'AT-AT che ci si para di fronte nella schermata di avvio ribadisce quanta cura sia stata riposta in questo aspetto, e di lì a poco lo farà anche il modello dell'X-Wing, che potremo guardare da diverse angolazioni, proprio come se fossimo in una versione sci-fi della celebre modalità Forzavista. Allunghiamo la testa per avvicinarci alla scocca, ammirando tutte le piccole finezze che caratterizzano il modello del nostro velivolo; ma è quando saliamo a bordo che la demo ci lascia a bocca aperta. L'interno dell'X-Wing è ricostruito in maniera perfetta, ed è possibile guardarsi attorno, girandosi fino ad individuare l'unità R2 infilata nel suo alloggiamento, e poi tornando a guardare in avanti per spulciare tutta la strumentazione di bordo. L'emozione, soprattutto per un fan di Star Wars, è davvero unica. Anche se si tratta di una fase solamente spettatoriale, il grado di "partecipazione" -la sensazione di entrare in contatto con l'universo di Guerre Stellari- supera quello legato a qualsiasi altro videogioco, modellino, reenactment o secret cinema. La sensazione di meraviglia si acuisce quando finalmente si prende il volo. La prima delle due fasi della demo richiede di fare una sorta di trasvolata attorno alle navi di una flotta ribelle, poco prima di gettarsi nella mischia e dare l'assalto alle forze imperiali. In questo frangente si intuisce tutto lo smisurato potenziale del titolo. Il sistema di controllo è sostanzialmente molto simile a quello di Battlefront, e permette di regolare con estrema facilità la velocità del mezzo, direzionandolo poi senza fatica. È però la possibilità di guardarsi intorno a fare la differenza: proprio come succede in EVE Valkyrie, riuscire a seguire con lo sguardo le navi che si muovono attorno a noi cambia in maniera radicale l'esperienza di gioco. La percezione della spazialità, la capacità di cambiare rapidamente i punti di riferimento ed eseguire manovre spericolate per rimanere incollati ad un caccia sfuggente, rende la navigazione molto più entusiasmante, reattiva, schizzata. Lo scontro, fra esplosioni e laser colorati che solcano il nero dello spazio, si fa subito furioso, nervosissimo.

La Realtà Virtuale, insomma, si dimostra davvero perfetta per quei prodotti che ci mettono in cabina di pilotaggio o ci infilano in un cockpit. Qui, oltre al senso di velocità ed alle virate turbolente già sperimentate nell'ottimo shooter targato CCP, c'è anche l'euforia per il contatto con l'immaginario di Star Wars. Posare gli occhi su sciami di Tie-Fighter che si muovono compatti, attorno ad un imponente Star Destroyer, è un'esperienza che ogni fan della saga dovrebbe provare. È proprio l'apparizione dell'enorme incrociatore, la cui massa minacciosa e acuminata pesa sulla nostra convinzione di piloti come un presagio malevolo, che ci accompagna alla fine di questa demo.

Star Wars Battlefront: X-Wing VR Mission La sezione di prova presentata alla Gamescom non è che l'incipit della VR Mission completa, che dovrebbe durare perlomeno una buona mezz'ora, quando si proporrà al suo pubblico nel corso di questo inverno. Electronic Arts la distribuirà - almeno in un primo momento - in esclusiva per PS4 e PlayStation VR, e resta un po' di rammarico per non poterla provare su un PC più performante, con un visore come Rift o Vive. La speranza, in ogni caso, è che gli sforzi produttivi di Criterion vadano ben oltre la realizzazione di questa breve esperienza, che rappresenta - oltre ad una trovata commerciale per promuovere l'uscita di Rogue One - un graditissimo regalo ai possessori di Battlefront, ma che non può giocoforza saziare la nostra voglia di scontri spaziali. Se davvero da questa X-Wing VR Mission uscirà, nei prossimi anni, un gioco completo, che ci faccia magari rivivere le migliori battaglie della serie cinematografica ed abbia il coraggio di puntare sul multiplayer proprio come fa EVE Valkyrie, allora la Realtà Virtuale potrebbe avere davvero un nuovo campione, e la sua perfetta Killer App.

Quanto attendi: Star Wars Battlefront: X-Wing VR Mission

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 9
77%
nd