E3 2014

Provato Super Smash Bros

Abbiamo provato il nuovo picchiaduro Nintendo che arriverà il prossimo natale su Wii U. E un po' dopo su 3DS.

provato Super Smash Bros
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • 3DS
  • Wii U
Sergio Pennacchini Sergio Pennacchini Giornalista freelance, scrive di videogame da troppo tempo per ricordarsi esattamente quando ha iniziato. Vive a Londra ma non è un cervello in fuga perché mancano le basi, cioè il cervello. Lo trovate su Facebook e Twitter.

Parliamoci chiaro: chi scrive è un sincero appassionato Nintendo. Sono cresciuto coi suoi personaggi, da Mario a Luigi, da Link a Samus. Se oggi sono una brava persona, se non vado in giro a derubare le vecchiette, il merito è anche di Nintendo. Però questo non significa che tutte le creazioni di Miyamoto e co. mi stanno simpatiche. Prendiamo Kirby, ad esempio. Una pallina rosa. Non è accettabile una pallina rosa. L'unica pallina dei videogame è Pac-Man. Ed è gialla. O prendiamo l'allenatore di Wii Fit. Che mi guardava con quello sguardo misto di derisione e disprezzo mentre non riuscivo a stare fermo in equilibrio per calibrare la magica bilancia della Nintendo (che abbandonai subito dopo questo triste fallimento, che è un po' come abbandonare Fallout 3 perché non si riesce a finire il test attitudinale all'inizio). Che siate maledetti, Kirby e allenatore di Wii Fit. Un giorno mi vendicherò!

E venne il giorno

Ecco, quel giorno è arrivato. Perché oggi, nel colorato e densamente popolato stand della Nintendo all'E3, ho avuto la possibilità di provare Super Smash Bros. Wii U, che, adesso è davvero ufficiale, arriverà sulla console col pad più grande di un libro di Bruno Vespa il prossimo natale. Entro la fine dell'anno, giurin giuretto, dice Nintendo. E ho picchiato fortissimo Kirby, l'ho preso a calci in faccia scaraventandolo contro Fox, poi è arrivata Samus che mi ha tirato addosso una sfera di energia e mi ha fatto malissimo. Stavo per vincere e invece no, un ragazzino americano evidentemente più sveglio del sottoscritto alla fine ha avuto la meglio. Ma non importa, perché sentivo sul mio volto il contorcersi dei muscoli facciali e l'apparire di un sorriso sempre più convinto, un sorriso che non provavo da diverso tempo. Ah, sì, dai tempi di Super Smash Bros per Gamecube. Questa nuova versione riparte da lì, dai furiosi scontri in quattro di un picchiaduro che prende la parola eccessivo, la mischia con esagerato, e infine fa esplodere tutto come in un film di Michael Bay. Ecco, questo è il gioco che il Michael Bay bambino adorerebbe. Per quel poco che abbiamo potuto provare, è talmente simile alla versione Gamecube come stile, come atmosfera, che persino il pad sembrava uguale. Anzi, era proprio quello: sarà possibile infatti usare il pad del Gamecube grazie a uno speciale adattatore.

Tu chiamale se vuoi, impressioni

Super Smash Bros è un titolo che richiede tempo per poter essere giudicato, quindi quelle che state per leggere prendetele come primissime considerazioni. Il gioco è veloce, più veloce di Brawl, ma i personaggi sono più pesanti, più incollati al terreno. C'è una maggiore fisicità, il che conferisce ancora più efficacia alle tante mosse speciali che abbiamo potuto vedere. I personaggi disponibili erano venti, noi abbiamo provato Samus e Donkey Kong. La prima è agile, veloce ma è estremamente duttile: può colpire da lontano ma ha anche letali combo ravvicinate. Donkey invece è più goffo, ma salta più in alto, è più resistente e soprattutto fa tantissimo male da vicino. In generale la sensazione è che Samus sia un personaggio più facile da gestire, più adatto ai principianti, mentre Donkey penso possa essere un'arma micidiale in mani esperte.

Non sono però le differenze fra questi due personaggi, che contano, ma anzi le differenze in generale. Super Smash Bros è un titolo smisurato: il roster comprende tante conoscenze del mondo Nintendo come Mario, Fox, Diddy Kong, Luigi, Lucario, Pikachu, Kirby (maledetto!), Link, Zelda, Yoshi, Olimar, Bowser, Ike e tanti altri. Ci sono anche diversi personaggi terze parti come Sonic (sì, finalmente Sonic e Mario potranno massacrarsi di botte) e Mega Man. Ah, si potrà giocare anche con i Mii: potremmo scegliere tre diversi stili di lotta, e avere in pratica a disposizione tre personaggi extra.

A livello concettuale, poi, l'idea resta quella di sempre: ci si picchia non per intaccare la barra della vita, ma per aumentare gradualmente la probabilità che il prossimo colpo inferto al nemico sia quello risolutivo, in grado di scagliarlo fuori dall'arena e consumare uno dei suoi “continue”. Ma insomma, oltre al “cuore” classico della saga, qui ci sono anche modalità extra e opzioni speciali per il multiplayer (online e locale) e l'avventura in singolo, che pare ricca davvero. E poi ci sono le arene: l'abbiamo già detto che ognuna, oltre ad essere ispiratissima, è così piena di elementi distintivi e interattivi da modificare in maniera radicale l'approccio agli scontri? A dire il vero gli stage che abbiamo potuto vedere qui all'E3 erano abbastanza classici (un'arena stile Colosseo e una serie di piattaforme volanti), ma ricchi di armi e power up da raccogliere, in puro stile Super Smash Bros.
Il gioco -infine- sarà compatibile con gli Amiibo. Potremo comprare le statuette dei nostri personaggi preferiti e sbloccarli all'interno del gioco, per un roster che quindi si annuncia non solo immenso, ma anche espandibile. La grafica di Super Smash Bros su Wii U è stupenda, l'azione è sempre rapidissima, non ci sono rallentamenti anche se sullo schermo succede di tutto.

Super Smash Bros Tre partite in tutto non sono abbastanza per farsi un'idea precisa, ma sono certamente sufficienti per capire che la direzione presa da Nintendo col nuovo Super Smash Bros è quella giusta. Il gioco è frenetico, esilarante, bellissimo da vedere (lo diciamo ancora una volta: questa Wii U tecnicamente ci sta sorprendendo sempre di più) e soprattutto da giocare. In quattro amici, poi, è la ricetta definitiva per passare serate infinite a insultarsi e riempirsi di botte. L'aggiunta degli Amiibo è la ciliegina sulla torta, ma il roster di personaggi standard sembra già davvero completo. Resta da capire quali sono le modalità, i mini giochi, gli stage disponibili; capire insomma come Super Smash reggerà sulla lunga distanza. Se volete usare il controller del Gamecube, dovrete acquistare un adattatore extra, ma allo stand era possibile vedere una nuova linea di controller stile Gamecube colorati in onore di certi personaggi (rosso per Mario, verde e bianco per Yoshi, ecc.), che arriveranno insieme al gioco. Con Zelda in arrivo nel 2015, a Super Smash Bros spetta il compito di titolo principale per il prossimo natale. Sarà abbastanza per convincervi ad acquistare un Wii U, voi che non l'avete ancora fatto? Per ora non so rispondervi, ma se come me avete sempre sognato di prendere a picconate Kirby, allora forse la risposta la conoscete già.

Che voto dai a: Super Smash Bros

Media Voto Utenti
Voti totali: 35
8.5
nd