Provato Tembo The Badass Elephant

Dai creatori di Pokemon arriva un action platform a scorrimento orizzontale che ci metterà alla guida di un elefante-commando pronto a tutto...

provato Tembo The Badass Elephant
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Angelo De Martini Angelo De Martini è un famelico appassionato di videogiochi, dategliene uno di qualsiasi genere e ne farà un boccone in compagnia del suo fidato PC. Se potesse scapperebbe con lui in Giappone, continuando ad amare la scrittura e a videogiocare come un matto. Lo potete trovare su Facebook.

Quando nella schermata introduttiva di un videogioco ci capita di leggere il nome di Game Freak, alla nostra mente sovvengono immediatamente due dei più importanti brand dell'industria videoludica, i Pokemon e Nintendo. Fin dal lontano 1996, infatti, la software house giapponese si è occupata di sviluppare i numerosi capitoli della celebre saga di Pikachu e compagni in esclusiva per le console della casa di Kyoto, salvo sporadiche IP pubblicate su Sega Mega Drive e Playstation. Da qualche anno, tuttavia, ai piccoli gruppi interni di Game Freak è stato dato il permesso di sfogare la propria creatività realizzando dei progetti indipendenti totalmente sconnessi dall'universo dei Pokemon. Quelli più originali e promettenti possono addirittura ricevere l'approvazione dei piani alti, per poi essere pubblicati ufficialmente nel catalogo della software house. Nel 2012 è stata la volta di Harmoknight, un Rhythm Game con alcuni elementi ereditati dai platform, che pur riscuotendo un buon successo di pubblico e critica, mostrava ancora chiaramente il legame a doppio filo con lo stile dei mostri tascabili. Oggi, grazie alla collaborazione di Sega, Game Freak si presenta con un titolo più sfrontato. Tembo The Badass Elephant è un action platform 2D a scorrimento orizzontale, che eredita dai migliori b-movie anni ‘80 l'istinto irrefrenabile di salvare il mondo mandandolo letteralmente in mille pezzi. La pubblicazione è prevista quest'estate su PC, Xbox One e Playstation 4, mentre inspiegabilmente non giungerà su nessuna delle piattaforme Nintendo.

Tembo, metà soldato ma vero elefante

Tembo, che in lingua Swahili significa appunto "elefante", è un soldato distruttivo almeno quanto Rambo, solo leggermente più possente. Il suo meritato congedo sull'isoletta pacifica di Zanneland viene interrotto dalla chiamata del colonnello delle forze armate di Shell City, Krenman. Egli, impreparato a fronteggiare l'invasione improvvisa della città ad opera del malvagio esercito tecnologico Phantom, si vede costretto a richiedere l'intervento del valoroso Tembo, memore anche delle passate battaglie vinte proprio in groppa al commilitone. L'eroe dalla lunga proboscide non ha nemmeno un secondo d'esitazione: indossa immediatamente la bandana da guerriero, si pittura il viso con del burro d'arachidi, saluta in fretta e furia l'amata elefantessa, e finalmente parte alla volta del quartier generale dell'esercito Shell. Così ha inizio la roboante avventura di Tembo The Badass Elephant, che si dipanerà per lunghi stage a scorrimento orizzontale, e da un gameplay che mescola alcuni elementi ereditati dal combat system di Guacamelee ed una capillare distruttibilità ambientale che di certo non guasta. Il primo livello del gioco fungerà naturalmente da tutorial, per saggiare fin da subito tutte le abilità del nostro portentoso quadrupede. Nonostante la sua mole imponente, Tembo sarà in grado di eseguire rapidi scatti, agili salti per poi fluttuare a mezz'aria, rovinosi stomp, calci in scivolata, montanti con la proboscide, e potrà persino accartocciarsi su se stesso per diventare una inarrestabile palla da demolizione. Come se non bastasse potrà spruzzare acqua dalla proboscide per spegnere eventuali ostacoli infiammati che incontrerà lungo il suo cammino, ricaricando la riserva idrica presso i numerosi distributori sparsi per i livelli di gioco. Tutti gli scenari, che durante l'avanzamento tenderanno ad aprirsi verso un design più complesso e votato alla verticalità, saranno intelligentemente strutturati per permettere ai giocatori di concatenare in successione le abilità di Tembo, così da elevare la frenesia distruttiva al livello "badass" dei migliori action movie: si potranno caricare a testa bassa muri, barriere di metallo e scatole, oppure sventrare interi palazzi lanciandosi in picchiata. Occasionalmente avremo modo di modificare la morfologia del livello frantumando delle colonne di cemento o colpendo un'enorme palla da bowling per fare strike su lunghe serie di strutture e nemici. Proprio questi ultimi diventeranno sempre più abili e veloci, variando dal soldato semplice, letteralmente impotente di fronte alle cariche di Tembo, fino alle più temibili forze speciali in grado di lanciare bombe o pilotare tank corazzati.
Al termine di ogni scenario (purtroppo ne abbiamo potuti giocare solamente due) si dovrà affrontare uno stage leggermente più complesso all'interno dei Colossi Phantom: si tratta di enormi basi semoventi che trasporteranno le unità nemiche pronte a sbarcare. Dopo aver ripulito lo stage dovremo affrontare delle vere e proprie boss fightper distruggere il Colosso e cacciare i Phantom da quello scenario. Il primo scontro, ad esempio, ci ha permesso di fronteggiare un grosso carro armato con le sembianze di un drago, in grado di sputare palle di fuoco rimbalzanti. Nonostante i primissimi timori, per farci beffe dell'avversario ci è bastato spingerlo repentinamente nel precipizio alle sue spalle, lasciandoci abbastanza perplessi sulla superficialità tattica di questo brevissimo combattimento. La seconda boss fight, questa volta alle prese con una grande vespa robotica, ci è sembrata certamente più dinamica e complessa, costringendoci ad alternare le nostre fasi d'attacco a quelle dedite a schivare gli attacchi speciali del nemico. L'impressione in ogni caso, è che entrambi gli scontri (e presumibilmente anche quelli successivi) abbiano ancora bisogno di qualche limatura per risultare davvero interessanti.

Lo scopo di ogni stage sarà comunque quello di eliminare il maggior numero di unità nemiche (la cui somma servirà a sbloccare i livelli più avanzati di ogni ambientazione) e salvare 10 cittadini (che resteranno sulla groppa di Tembo una volta liberati) di Shell City, opportunamente nascosti dietro muri fittizi o in zone da raggiungere deviando dal percorso ordinario. Inoltre, come accade per la stragrande maggioranza dei platform a scorrimento orizzontale, anche in Tembo The Badass Elephant si dovranno raccogliere delle monete (in questo caso si tratta di arachidi, ma fa lo stesso), che non solo avranno lo scopo di tracciare il percorso più diretto per giungere velocemente al traguardo, ma riempiranno il barattolo di burro di arachidi di Tembo fornendoci una vita aggiuntiva.
Ogni volta che completeremo una missione il nostro tempo verrà inserito all'interno di una leaderboard, dove potremo confrontarlo con quello degli altri giocatori e dei nostri amici di Steam. Tirando le somme, nonostante la complessità tenda ad aumentare avanzando nel gioco, ci è sembrato che Tembo The Badass Elephant si attesti su un livello di difficoltà nella media, senza calcare troppo la mano sul trial & error o sezioni platform particolarmente convulse.

BADA-BADA, BOOM!

Come accennato nel paragrafo precedente, durante la nostra prova abbiamo potuto completare solamente due delle ambientazioni proposte da Tembo The Badass Elephant, Shell City e Greenville Peaks. Entrambi gli scenari, oltre ad essere ben differenziati negli asset e nella conformazione, saranno realizzati con una gradevole grafica in toon-shading, capace di restituire un look molto simile a quanto visto in Borderlands o The Darkness 2. Shell City ci offrirà una serie di caricature di luoghi tipici del background metropolitano: le strade saranno costellate di palazzi residenziali, uffici, ristoranti, bowling, industrie, sfasciacarrozze, e si potrà persino scendere nelle fogne cittadine; tutti luoghi ben inseriti in un variopinto agglomerato di cemento e metallo. Una volta raggiunte le colline di Greenville Peaks il paesaggio si farà più rurale e verdeggiante: con lunghi sterrati, prati in fiore e strapiombi rocciosi pronti ad inghiottire il nostro Tembo. È qui che le sequenze platform si faranno più interessanti: pur continuando a conservare parte della distruttibilità già saggiata in città, tenderanno maggiormente verso un'interazione ambientale diversa: dovremo ad esempio innaffiare vari boccioli con l'acqua della proboscide, per poi sfruttare il fiore appena schiuso come trampolino per raggiungere sporgenze elevate o percorsi nascosti.
Ad impreziosire vivacità artistica di Tembo The Badass Elephant ci penseranno le innumerevoli onomatopee fumettistiche che si disegneranno attorno al nostro Tembo per sottolineare la sua "dolce" presenza sul campo, e lo stesso vale per alcune delle esplosive collisioni che il quadrupede avrà con gli elementi dello scenario. Ogni cosa sarà semplicemente al posto giusto: colori, animazioni, esplosioni, particellari e oggetti che si frantumeranno in mille pezzettini. L'unica nota stonata, causata probabilmente da un'ottimizzazione ancora da rifinire, riguarda alcuni drop improvvisi degli FPS durante salti e collisioni, ma che siamo sicuri verranno corretti entro la pubblicazione.

Tembo The Badass Elephant Il nuovo progetto di Game Freak, Tembo The Badass Elephant, è un side-scroller platform con dinamiche interessanti (alcune riprese da Guacamelee e da Donkey Kong Country) ed una grafica in cel-shading sicuramente allettante. Le capacità devastanti di Tembo, tuttavia, da una parte esalteranno l'esplosiva struttura action del titolo, invogliando il giocatore a lanciarsi in agili concatenazioni a mezz'aria per abbattere fino all'ultimo blocco di cemento, dall'altra contribuiranno ad abbassare la difficoltà di gioco a livelli non proprio esemplari. Lo stesso si può dire per le sporadiche boss fight che affronteremo, ancora troppo blande sul fronte dell'approccio tattico e incapaci di limare completamente la sensazione di strapotere che si avverte durante il resto dell'avanzamento. Al netto della nostra prova comunque, possiamo affermare che Tembo The Badass Elephant è certamente sulla buona strada per affermarsi come platform ben ritmato e affascinante. A questo punto non ci resta che aspettare ulteriori notizie da parte di Game Freak, ricordandovi che l'uscita di Tembo The Badass Elephant è prevista per l'estate di quest'anno in formato esclusivamente digitale su PC, Xbox One e Playstation 4.