Recensione Anarcute

Anarcute arriva su Xbox One e PC con un carico di coccolosità incredibile. Aiutate gli animaletti ideati dal team Anarcute a liberare il mondo!

Versione analizzata: Xbox One
recensione Anarcute
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • Xbox One

Anarcute ci ha catturato da subito per il suo concept particolare, quella grafica cartoon impossibile da non amare e per uno stile di gioco che ci ha ricordato da vicino Wonderful 101 di Platinum Games. Inquadrare il titolo non è difficile quindi: vi troverete a capo di una rivolta mondiale e dovrete guidare delle buffissime creaturine contro un despota che ha militarizzato alcune delle principali città del pianeta. Controllando un esercito di anarchici dovrete muovervi sinuosi per i livelli, distruggendo tutto ciò che vi capita a tiro e sbaragliando gli avversari con un mix di azione e strategia piuttosto riuscito. Se questa introduzione vi ha fatto scattare la scintilla continuate a leggere perché Anarcute nasconde tante altre qualità e qualche veniale difetto.

Ci son due coccodrilli...

Prendete When Vikings Attack, unitelo con il già citato Wonderful 101, aggiungete al tutto una spolveratina di Katamari e il gioco è fatto. Anarcute è esattamente questo: un sapiente mix di meccaniche rodate unite a un level design interessante e vendute a un prezzo concorrenziale. Il vostro esercito di rivoltosi sarà composto questa volta però da decine di buffi animaletti antropomorfi, dai classici leoni, giraffe e squali fino ad arrivare a improbabili bruchi e narvali, tutti re-immaginati con un design adorabile ed enormi occhioni brillanti. Impossibile non innamorarsi a prima vista dei coccolosi protagonisti, che si rivelano essere però estremamente violenti e letali se gestiti in maniera oculata. Ogni livello di gioco vi farà partire con un piccolo manipolo di scalmanati, solitamente una decina scarsa di animali, e vi richiederà di debellare l'esercito avversario a guardia delle città distruggendo tutte le basi nemiche o conquistando determinati punti di controllo ben difesi. Per fare questo, ovviamente, la mera forza bruta non basterà e al giocatore verrà richiesto di usare il cervello per aggirare le guardie più pericolose o trovare il modo di liberare altri rivoltosi imprigionati per ingrossare le proprie fila. A questo punto potrete tranquillamente scatenare tutta la vostra furia sul nemico raccogliendo dalla strada qualsiasi oggetto vi capiti a tiro e scagliandolo violentemente contro gli avversari. Bici, vasi, alberi fino ad arrivare a camion e vetture potranno essere utilizzati come proiettili, e nel malaugurato caso in cui finiste le munizioni potrete sempre ricorrere al sano corpo a corpo. Il gioco non presenta una curva di difficoltà particolarmente punitiva e vedere il game over è una eventualità piuttosto rara sin dalla primissima run. La nostra avventura si è conclusa in circa sei ore di gioco filato, durante le quali abbiamo salvato tutte e cinque le città presenti. Tokyo, Miami, Rekyjavik e Parigi sono quelle principali più un livello segreto extra che si sbloccherà solo dopo aver completato i precedenti e dove avverrà lo scontro finale. Ogni singola città è infatti composta da una decina di livelli, incluso un classicissimo scontro con il boss di turno, e la rigiocabilità è garantita sulla carta dalla volontà di battere i vostri precedenti record, di uccidere tutti i nemici o salvare tutti gli animaletti ma nella realtà dei fatti una seconda run la vediamo possibile solo per i veri perfezionisti dato che gli stimoli per completare ancora una volta tutti i livelli verranno velocemente a mancare. La formula adottata dai cinque sviluppatori coinvolti nello sviluppo di Anarcute non propone grosse variazioni sul tema e ad eccezione di qualche livello da superare in modalità stealth, la progressione rimane piuttosto lineare e ripetitiva, soprattutto se deciderete di fare sessioni di gioco particolarmente lunghe.

...e un orangotango

Anarteam ha cercato di aggiungere varietà predisponendo diverse varianti dei nemici. Avremo i classici celerini armati di scudo e manganello o cecchini dotati di mirino laser, ma avanzando nel gioco le cose si faranno più serie quando elicotteri, droni o guerrieri in armatura con palle a catena cercheranno di spazzare via la vostra rivolta. Per cercare di bilanciare gli armamenti sempre più potenti che dovrete affrontare, il gioco propone un interessante sistema di perk da acquistare.

Al completamento di ogni livello verrete ricompensati con alcune monete d'oro grazie alle quali comprare svariati power up dagli effetti interessanti: alcuni vi permetteranno di effettuare una doppia schivata rotolando, altri invece vi faranno lanciare proiettili esplosivi, altri saranno dotati di proiettili "speciale" che convertiranno alla causa i soldati avversari convincendoli ad unirsi alla vostra armata. Ognuno di questi power up inoltre sarà legato semplicemente al numero di animali nelle vostre schiere, così più sarete bravi a schivare colpi avversari e trappole più potrete accedere velocemente a questi bonus, arrivando addirittura ad abbattere interi palazzi. Si tratta di elementi che vanno ad aggiungere maggior profondità al gameplay ma che non riescono a modificare in maniera sostanziale l'esperienza di gioco complessiva. Per quanto concerne il comparto tecnico Anarcute è un titolo che riesce a difendersi più che egregiamente, facendo leva soprattutto su una caratterizzazione eccelsa di personaggi e ambientazioni. La mole poligonale a schermo non è ovviamente esagerata, le texture sfruttano a dovere uno stile fortemente cartoon senza cercare dettagli che avrebbero appesantito inutilmente il titolo di Anarteam. Sul fronte del frame rate non si segnalano cali significativi, ad eccezione purtroppo di qualche intoppo proprio durante il combattimento finale. Anche la telecamera libera e la visuale dall'alto si comportano egregiamente, il tutto contornato da un accompagnamento musicale sublime e da tantissimi segreti nascosti che gli sviluppatori hanno sparso in ogni angolo del mondo. A voi l'arduo compito di scovarli tutti.

Anarcute Se pensiamo che Anarcute è stato sviluppato da sole cinque persone non possiamo far altro che toglierci il capello e complimentarci per il titolo prodotto. Anarcute ha tuttavia dei limiti derivanti dalla poca varietà di siutazioni e cose da fare e da una crescita del proprio esercito che tende a non rivoluzionare il gameplay come sarebbe lecito aspettarsi. Manca una diversificazione tra i vari animali che vada oltre a quella estetica e mancano soluzioni di design che portino maggior varietà all'intera struttura di gioco. Un titolo onesto insomma per il prezzo budget a cui viene proposto ma con ampi margini di miglioramento sotto diversi aspetti.

7.0

Quanto attendi: Anarcute

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 0
ND.
nd