Recensione Art Academy Atelier

Imparare regala soddisfazioni e apprendere con il nuovo titolo Nintendo è decisamente un piacere: trasforma il GamePad Wii U in una tavolozza.

Versione analizzata: Wii U
recensione Art Academy Atelier
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii U
Andrea Dresseno Andrea Dresseno ha iniziato a giocare alle elementari, prima a scrocco, poi si è reso autonomo. Scrive di videogiochi da quasi vent'anni, ma nel mezzo ci sono state alcune pause di riflessione: durante una di queste ha dato vita all'Archivio Videoludico, per cui ora si dedica anche alla conservazione del medium. Si dice sia nintendaro, ma non esistono prove. Lo trovate su Facebook.

Esterno giorno. Parco assolato, pausa pranzo:
"Tu lo sai cos'è la lumeggiatura?"
"La lume cosa?"
"La lumeggiatura!"
"Si mangia?"
"No che non si mangia, sciocchino. La lumeggiatura è una tecnica pittorica che consiste nello schiarire le parti in luce, per rendere al meglio i riflessi dell'oggetto che stai rappresentando."
"Non stai bene, ti serve un dottore."
"No, l'ho imparato giocando ad Art Academy: Atelier su Wii U."
"Wii U? Cos'è, si mangia?"


Non esiste prova scientifica che Art Academy: Atelier trasformi colui che lo gioca in un novello Leonardo da Vinci. Quel che è certo è che dopo averlo giocato saprete cos'è la lumeggiatura. Imparerete a dosare il carboncino; scoprirete che quelle sigle riportate sulle matite non sono messe lì a caso, ma indicano la durezza della grafite.
Che la gomma pane cancella con delicatezza e che disegnare su una griglia aiuta un sacco a rispettar le proporzioni. Magari son cose banali, per coloro che disegnano di frequente, ma mettetevi nei panni del malcapitato che voleva disegnare una mela e gli è uscita una fragola. Il talento sarà anche innato, ma qualche lezione può far bene anche al più incapace dei disegnatori.

Arte per principianti e non solo

Art Academy non è un nome nuovo. Un episodio era già uscito su Nintendo DS, anni or sono, e non stupisce che la serie si sia ora spostata su Wii U, data l'accoppiata GamePad e pennino. Nintendo aveva già reso disponibile una sorta di versione beta (Art Academy: Sketchpad) per la sua home console, ma con Academy ha ampliato non poco l'esperienza di gioco, creando a tutti gli effetti un software educativo che fornisce le basi - e non solo - del disegno. Academy consente di prendere parte a delle vere e proprie lezioni di disegno e pittura, all'interno dell'atelier di Leonardo - per gli amici Leo - anziano artista barbuto che vi riceverà nel suo cottage di campagna. Insieme al cane Bacon, giusto per restare in tema. Academy non è un gioco nel senso stretto del termine, ma a ben vedere non gli manca nulla: c'è la fase dell'apprendimento delle regole, c'è la sfida nel realizzare opere sempre più complesse, c'è il momento della condivisione e del confronto con gli altri utenti. Le regole basilari di qualsiasi videogioco sono qui, camuffate all'interno di un prodotto esplicitamente educativo. Il titolo si rivolge quindi a chi desidera mettersi alla prova col disegno o magari imparare dalle basi.

Lezioni o disegno libero

Leo sarà il vostro insegnante, una guida discreta e affidabile che non sembra ambire a sostituire il classico manuale. Non è neanche il suo obiettivo, probabilmente. Art Academy: Atelier fonda la sua esperienza sul learning by doing, sul fatto di mettersi alla prova costantemente, passo dopo passo. Leo farà da Cicerone, spiegando in maniera chiara e concisa tutte le tecniche per realizzare le opere migliori, ma è naturale che l'approfondimento teorico spetti poi al giocatore in altra sede. Tuttavia, sarebbe errato sottovalutare la portata di un titolo come questo. Non solo perché, applicandosi con costanza, si possono raggiungere traguardi notevoli, ma anche perché durante le lezioni vengono offerti spunti storici e teorici non indifferenti. Si citano le pitture rupestri, si parla di Raffaello e del Rinascimento, degli artisti che si sono concentrati sulla prospettiva. Il tutto senza annoiare, perché la durata delle lezioni è contenuta e la maggior parte del tempo la si spende sulla tela virtuale.Il gioco offre all'utente la possibilità di cimentarsi nel disegno libero, avvalendosi del supporto di una selezione di immagini e fotografie, oppure di dedicarsi alle lezioni (suddivise tra quelle per principianti e avanzate).

Ogni lezione può essere salvata in qualsiasi momento, per riprenderla poi successivamente. L'integrazione con lo schermo del televisore si rivela particolarmente funzionale: il giocatore disegna sul GamePad, ma può lasciare sullo sfondo del televisore la foto originaria o la versione disegnata da Leo. In questo modo può sempre tener d'occhio il modello da riprodurre. Spostarsi da un menu all'altro è intuitivo e in generale l'interfaccia si rivela decisamente user friendly; un piccolo limite riguarda la possibilità di cancellare (e ripristinare) solo l'azione precedente. Se per caso, nella fretta, si compiono più azioni (sbagliate) in pochi istanti, solamente l'ultima può essere corretta.

Condividere per stupire

Imparare regala soddisfazioni, ma è ancora più piacevole se si ha la possibilità di mostrare l'esito dei propri sforzi agli altri (certo, dipende sempre dalla qualità del risultato). Art Academy: Atelier permette di salvare le proprie opere e di condividerle su Miiverse. Gli altri utenti possono così commentare le creazioni e dare eventualmente consigli più o meno utili. Non di solo Miiverse vive Art Academy. Anche Youtube è stato coinvolto. Si possono infatti registrare clip di breve durata, che "raccontano" la fase realizzative dell'opera, e pubblicarle online per i posteri. Un'opzione molto gradita e originale. Chi teme il pubblico ludibrio può affidarsi infine alla galleria: il piano terra del cottage ospita infatti una sala esposizioni in cui ogni apprendista può appendere le proprie creazioni e ammirarle, lontano da sguardi indiscreti, all'interno di uno spazio 3D liberamente percorribile.

Art Academy Atelier Art Academy: Atelier non è un gioco, non per come viene comunemente inteso il termine gioco. Tuttavia, a voler filosofeggiare, si potrebbero riconoscere le regole base di qualsiasi esperienza ludica: imparare, mettersi alla prova, “sfidare” gli avversari. Il tutto si svolge però all'interno di una dimensione educativa, dal momento che Atelier ha come obiettivo quello di insegnare a disegnare, colorare, dipingere. E pure con una certa competenza: le lezioni sono mirate, chiare, alternano teoria e pratica coinvolgendo l'utente all'interno di un percorso di crescita forse non esaustivo ma affascinante, carico di spunti. Academy consente inoltre di convidere le proprie creazioni, su Miiverse o Youtube (non su Facebook, peccato). Non troverete alcun voto perché non avrebbe senso valutare il prodotto secondo gli stessi criteri utilizzati per uno Yoshi's Woolly World o un Batman Arkham Knight. Ciò non toglie che come software educativo Art Academy: Atelieri funzioni e possa fornire ottimi suggerimenti a chi è interessato a migliorare le proprie doti artistiche, o anche a chi credeva di essere totalmente negato con matite, pennelli, carboncini e quant'altro.

Che voto dai a: Art Academy Atelier

Media Voto Utenti
Voti totali: 4
5.2
nd