Yakuza Zero Oggi alle ore 17:00

Giappone, 1988: inizia l'epopea di Yakuza!

Recensione Art Style: Penta Tentacles

Creature primordiali sono protagoniste di questo nuovo WiiWare della serie Art Style

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Dopo la prima sfornata di titoli Art Style per WiiWare - puzzle game molto caratteristici e originali - nel 2008 Nintendo è tornata a proporne di nuovi. Durante il media summit londinese ad inizio anno, la compagnia ne ha annunciati ben due: se il primo è un rifacimento per home console di titolo appartenete alla Bit Generation - serie che ha dato il là all'idea concettuale, sviluppata inizialmente per Gameboy Advance - il secondo è un titolo originale, nato dalla fervida mente di Skip. Approda su WiiWare Penta Tentacles, puzzle game che ci vede controllare un essere acquatico primordiale, impegnato a sopravvivere cercando di accrescere le dimensioni delle proprie appendici colorate.

Un po' Snake, Un po' Flow

In Art Style: Penta Tentacles impersoneremo una creatura acquatica primordiale composta da un corpo centrale e da alcuni tentacoli di diverso colore. Controllando il nostro protozoo con il D-pad del telcomando Wii in posizione orizzontale, o con le leve analogiche del classic controller, potremo muoverci sullo schermo, mentre con il tasto 1 e 2 (o A o B) potremo farlo ruotare, per muovere i tentacoli nel brodo primordiale in cui siamo immersi, alla ricerca di altre creature da assorbire per accrescere le appendici. Gli altri esseri sullo schermo saranno caratterizzati da un nucleo colorato; il nostro scopo sarà quello di assorbire il nucleo colpendolo con l'appendice dello stesso colore, per farla crescere di un'unità. Nel caso urtassimo le creature con un tentacolo di colore differente, questo si romperà nella zona d'urto, e perderemo una tacca nella barra d'energia rappresentata da alcune sfere all'interno del nostro protozoo. Sarà presente anche un power-up, rappresentato da un organismo speciale che di tanto in tanto comparirà sullo schermo. Catturandolo, avremo a disposizione il potere "Ciclone", attivabile eseguendo una serie di rotazioni continue, che ci renderà invincibili per un breve periodo di tempo, permettendoci di catturare diversi nuclei colorati in tutta tranquillità. Penta Tentacles offre un gameplay semplice, che mescola alcuni elementi tipici di altri classici arcade, come Snake e flOw, per creare un modello di gioco originale. Le dinamiche saranno caratterizzate dal movimento fluido dei tentacoli, che si comporteranno esattamente come catene composte da vari anelli, mentre un altro elemento è aggiunto dalle diverse tipologie di esseri catturabili: le varie creature saranno caratterizzate da molti pattern di movimento, ed alcune di loro subiranno, dopo al comparsa sullo schermo, un'evoluzione che le porterà ad essere più sfuggenti. Al giocatore verrà quindi richiesto il più accurato controllo dei propri movimenti per riuscire a sopravvivere e completare gli obiettivi presenti nelle differenti modalità di gioco.

Modalità di gioco

Art Style: Penta Tentacle offre all'inizio una sola modalità. La modalità classica sarà divisa in 3 fasi (più una sbloccabile) caratterizzate dal fatto che il nostro organismo avrà due, tre, quattro o cinque tentacoli colorati. Ogni fase è suddivisa in 5 livelli, in cui il nostro scopo sarà quello di far raggiungere ad ogni appendice una certa lunghezza, mostrata ad inizio livello. Durante questo game mode, ogni tentacolo che raggiungerà la dimensione prefissata diventerà indistruttibile: se verrà colpito non si ridurrà di grandezza, ma questo non significa che non apporterà un danno al protozoo. Il titolo gioca quindi sul fatto che più ci avvicineremo all'obiettivo, più la difficoltà aumenterà, grazie all'ingombro spaziale dato dai tentacoli che hanno raggiunto la giusta dimensione. Completato il livello, il gioco memorizzerà il tempo di completamento come record da poter battere in un secondo momento, e terrà traccia dell'utilizzo del potere "Ciclone" o dei danni durante la partita. Nel caso in cui saremo stati così abili da non essere colpiti e da non aver utilizzato l'invincibilità, completeremo lo stage in maniera perfetta. In questo modo verremo stimolati a migliorare le nostre performance in ogni livello di gioco.
Con il progredire nella modalità classica, sbloccheremo altre opzioni: Infinito e Serpe.
In queste due modalità, le dinamiche variano leggermente. In Infinito non avremo un obiettivo da raggiungere, ma dovremo far accrescere la nostra creature il più possibile, prima di esaurire tutta l'energia. Gli esseri da inglobare si presenteranno ad ondate, ed ogni assorbimento aumenterà il punteggio finale. Per ridurre la grandezza dei tentacoli sempre più grandi, ci verranno in aiuto alcuni organismi assorbibili che accorperanno le unità presenti nelle appendici colorate. Anche nella modalità infinito saranno presenti diverse fasi in cui avremo da due a cinque tentacoli da gestire. In serpe, invece, il nostro organismo sarà dotato di una coda: con la testa dovremo distruggere le creature del colore che non ci appartengono, mentre con la coda dovremo assorbire quelle cromaticamente affini.

Ritmo tribale

Gli sviluppatori del team Skip, anche in questo titolo Art Style hanno voluto dare una grande importanza alla cura stilistica sia per quel che riguarda l'aspetto estetico, che per il comparto sonoro. Graficamente il titolo utilizza il registro minimalista visto nelle altre produzioni Art Style per Wii. Le creature sono realizzate con tratti semplici e geometrici, mentre i fondali di gioco, che rappresentano il sub-strato in cui navighiamo, fanno uso di un colore di fondo e del nero per ricreare elementi come alghe ed altre strutture marine, che risulteranno dinamiche e ben animate durante il gioco.
Acusticamente, come di tradizione nella serie Art Style, il gameplay sarà parte attiva nella creazione della colonna sonora del gioco. I brani di sottofondo, che richiamano tutti i suoni ancestrali della nostra cultura, con l'utilizzo di tamburi e vocalizzi tribali, si combineranno perfettamente con gli effetti sonori riprodotti quando acquisiremo nuovi "pezzi" per i tentacoli, e si andranno ad impreziosire di nuovi suoni nel caso in cui non si effettuino errori. La colonna sonora nel complesso risulta piacevole e coinvolgente, e grazie alle sue caratteristiche, mai ripetitiva.

Art Style: Penta Tentacles Art Style: Penta Tentacles conferma l'abilità di Skip di creare puzzle game originali, pur accomunando elementi caratteristici di altri titoli arcade molto popolari. Collocandosi in una fascia di prezzo bassa per l'offerta WiiWare - bastano solo 6€ - il gioco offre un gameplay semplice, coinvolgente e variegato, grazie alla presenza di 3 modalità di gioco, che rendono il titolo fruibile a lungo.

8.5

Che voto dai a: Art Style: Penta Tentacles

Media Voto Utenti
Voti totali: 34
7.1
nd