Azkend 2: The World Beneath Recensione

Azkend 2: The World Beneath è un puzzle game classico nell'impostazione appartenente alla ricca categoria dei "match 3".

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • PSVita
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Giovanni Calgaro Giovanni Calgaro è avvocato per sbaglio, ma tuttologo per passione, cresciuto a pane e videogiochi sin dalla più tenera età. Allevato da un commodore 64 non ha mai smesso di stupirsi per l'immensità della forma d'arte videoludica, tanto da sentire molto presto il bisogno di sfruttare l'amore per la scrittura per raccontare, far conoscere ai più e condividere questa meravigliosa passione. Potete sempre trovarlo su Facebook e Twitter, sempre che non sia in qualche aula di tribunale.

Mettere ordine è forse un bisogno innato dell'uomo, sin dal momento in cui l'evoluzione gli ha permesso di sfruttare in maniera più efficace i propri neuroni. Secondo alcune teorie, questa sarebbe un'attività nata da una sorta di indefettibile necessità di trasporre su oggetti reali la nostra naturale propensione ad "organizzare" i nostri pensieri. Al di là di queste semplici supposizioni, dovete comunque ammettere che l'ordine e la simmetria danno un senso di appagamento difficile da spiegare. E quale miglior modo di soddisfare il proprio bisogno ossessivo-compulsivo di "mettere in ordine" se non quello di raggruppare oggetti o forme uguali tra loro per guadagnare una ricompensa? Su questo si basa, sostanzialmente, la pantagruelica quantità di titoli videoludici e non, conosciuti come "match 3". I titoli appartenenti a questo particolare genere li conoscete tutti e sicuramente ne avrete provato almeno uno nella vostra vita, anche solo per sbaglio. I match 3 rappresentano infatti il passatempo perfetto per momenti di noia data un'immediatezza capace di garantire ore di divertimento leggero e scacciapensieri. Su dispositivi portatili, grazie all'avvento degli schermi touch, il genere continua a godere di grandissima popolarità, mentre su console casalinghe la lista si assottiglia in modo marcato. A maggio dello scorso anno Azkend 2: The World Beneath, quindi, ha tentato di risalire la corrente approdando su console dopo il discreto successo ottenuto su mobile, cercando così di invertire il trend negativo. Ora, dopo qualche mese di permanenza negli store digitali, Azkend 2 è stato inserito nella lista PS Plus per il mese di Gennaio ed è possibile scaricarlo sia su Vita che sull'ammiraglia di casa Sony. Lo abbiamo provato su entrambe le piattaforme e, pur trovandolo godibile in entrambi i casi, abbiamo preferito (sempre per la presenza del più immediato touch screen e della possibilità di giocarlo "on the go") la versione portatile.

Viaggio - non voluto - verso il centro della Terra

È la metà dell'Ottocento e, durante un viaggio da Liverpool a New York, il brigantino su cui siamo imbarcati viene risucchiato in un gigantesco vortice creatosi durante una tempesta dalla potenza sovrannaturale. Al nostro risveglio, ci ritroviamo in un luogo che nessun uomo ha mai visto prima. L'obiettivo è, ovviamente, chiaro. Risalire dal centro della Terra e tornare alla civiltà. Questa, in sostanza, rappresenta il sottile filo che tiene legati gli oltre sessanta livelli di cui si compone la modalità principale. Nulla di particolarmente esaltante o innovativo, intendiamoci, però l'insieme riesce a donare una parvenza di continuità all'esperienza di gioco che si propone all'insegna del conservatorismo.

Come sapete, all'interno della popolarissima galassia dei titoli match 3 coesistono decine di sfumature diverse. Dagli oggetti da scambiare per formare una linea si passa alle sfere colorate da incastonare in un punto preciso per far crollare la sezione, fino all'abbinamento di oggetti simili così da formare lunhe teorie di oggetti simili ed aumentare esponenzialmente il punteggio togliendoli dalla griglia. Azkend 2: The World Beneath ci consente di fare proprio questo col semplice tocco del dito (o direzionando una freccia col pad): concatenare serie di tre o più elementi uguali tra loro (conchiglie, stelle marine, fiori e altri oggetti, come teschi di tirannosauro) per raggiungere l'obiettivo prima dello scadere del tempo messo a disposizione. Nel corso dei sessanta livelli che compongono la campagna principale, questa meccanica di gioco rimane sostanzialmente immutata, subendo solo alcune variazioni sul tema date dagli obiettivi che, però, a un certo punto tendono a ripetersi senza grande brio. Ad esempio, il titolo ci presenta sfide in cui vi è solo un numero limitato di oggetti da concatenare in una precisa sequenza; altre, invece, in cui bisogna eliminare alcuni fastidiosi insetti prima che raggiungano la cima dell'area di gioco e così via. A darci man forte il titolo prevede, anzitutto, una gauge bar che si riempie a seconda della lunghezza delle concatenazioni portate a segno. Raggiunto il massimo, la barra - chiamata a ragione "Tesla" -, rilascerà il suo prezioso carico elettrostatico sulla griglia aiutandoci a liberare il campo da pedine non gradite. Oltre alla barra appena citata, vi sono altri oggetti bonus sbloccabili nel corso della "campagna" e utilizzabili come potenziamenti. Ve ne sono dodici in tutto e ognuno dei quali aggiunge un'abilità attiva o passiva da equipaggiare nel corso degli stage per adattare al meglio la strategia. Una bussola, ad esempio, consente di abbinare oggetti non appartenenti alla medesima categoria, mentre una macchina fotografica permette di ricaricare più velocemente la gauge bar. A dare un po' di pepe all'incedere dell'avventura ci pensano, infine, alcuni particolari stage posti tra un capitolo e l'altro in cui dobbiamo sostanzialmente aguzzare la vista per individuare i dettagli del wallpaper davanti a noi proposti in un piccolo riquadro. Questa non è un'attività fine a sé stessa dato che, più saranno i dettagli individuati prima dello scadere del tempo, più carica avrà la barra Tesla all'inizio del livello successivo.

Concatenar m'è dolce in questo mar

L'offerta ludica di Azkend 2: The World Beneath si risolve in quanto vi abbiamo appena descritto e in poco altro. La campagna ci ha tenuto impegnati giusto per due, tre ore al massimo; mentre le altre modalità di gioco non riescono ad invogliare il giocatore occasionale a tornare sulla proposta di 10Tons Ltd.. Da un lato, infatti, troviamo la classica modalità infinita, mentre dall'altro con la modalità sfida possiamo puntare a migliorare i nostri record nei vari livelli al fine di sbloccare alcune medaglie dedicate. Dal punto di vista contenutistico, insomma, Azkend 2 preferisce calcare un terreno sicuro, senza distanziarsi troppo da quanto abbiamo visto durante la nostra lunga carriera di videogiocatori. Il titolo si fa giocare, certo, ma non riesce a regalare un'esperienza di gioco diversa dal solito. Persino gli sfondi, comunque ben realizzati, la colonna sonora e l'impalpabile canovaccio narrativo rimandano tutti a una sensazione di "già visto". Concettualmente, invece, appare evidente come il titolo abbia conosciuto la propria genesi su dispositivi provvisti di touch screen e tale retaggio, se togliamo ovviamente la versione dedicata a Vita, si fa ancor più evidente quando si tenta di giocare su PS4. Il team di sviluppo ha anche previsto l'utilizzo della touch bar centrale del pad, ma quest'ultima si è dimostrata ancor meno precisa dello stick analogico. Tutto sommato Azkend 2 si è dimostrato un titolo simpatico e scacciapensieri, incapace però di calamitare l'attenzione del giocatore sul lungo periodo.

Azkend 2: The World Beneath Azkend 2: The World Beneath si è dimostrato un "match 3" a prezzo budget simpatico e scacciapensieri, classico nell'impostazione, che preferisce percorrere sentieri già ampiamente battuti. Il titolo non riesce a regalare un'esperienza di gioco diversa dal solito e, soprattutto, non riesce a calamitare l'attenzione del giocatore sul lungo periodo. Oltre ai sessanta livelli che compongono la modalità principale e a qualche sfida extra, infatti, non c'è molto altro che il titolo possa offrire se non poche ore di divertimento.

6.5

Che voto dai a: Azkend 2: The World Beneath

Media Voto Utenti
Voti totali: 5
6.2
nd