Recensione Battlefield Hardline - Getaway

È uscita la terza espansione di Battlefield Hardline, spin-off poliziesco targato Visceral Games. Cogliamo l'occasione per analizzarne i contenuti e dare un'occhiata anche ai due precedenti DLC.

Versione analizzata: Xbox One
recensione Battlefield Hardline - Getaway
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One

Non è stato un 2015 facile per Battlefield Hardline: l'esperienza single player acerba ed un multiplayer non rifinito come quello dei capitoli regolari hanno influito nell'allontanare molti fan da questo insolito episodio poliziesco della saga targata Electronic Arts. Senza contare poi l'uscita di prodotti come Halo 5: Guardians e COD Black Ops III che, rivelatisi più solidi dal punto di vista tecnico e di gameplay, si sono accaparrati una grossa fetta di utenza affezionata al genere FPS. I ragazzi di Visceral provano però a salvarsi con un colpo di reni: il 26 gennaio è uscito infatti Fuga, terza espansione di Hardline che introduce 4 nuove mappe, una nuova modalità (Cattura la borsa) e diverse nuove armi e veicoli. Basteranno questi contenuti per risollevare le sorti del titolo? Vediamo di capirlo e cogliamo l'occasione per dare un rapido sguardo anche ai due precedenti DLC.

Criminal Activity & Robbery

Ognuna delle precedenti espansioni di Battlefield Hardline ha introdotto una nuova modalità, oltre ovviamente a mappe ed armi che contribuiscono ad ampliare la varietà del titolo. Attività criminale, uscita nel Giungo 2015, allargava il ventaglio delle modalità con Cacciatore di Taglie, frenetico game mode in cui i giocatori dovevano fronteggiarsi per conquistare le taglie sulla testa degli avversari. A dire la verità non è stata un'introduzione particolarmente brillante, visto che alla fine dei conti si tratta di una rivisitazione della modalità Uccisione confermata resa celebre dalla saga di Call Of Duty. Qui i giocatori uccisi lasceranno cadere una moneta che una volta raccolta andrà ad aumentare il punteggio della squadra. Come per "Kill Confirmed" avremo la possibilità di raccogliere le monete lasciate cadere dai nostri defunti compagni, impedendo così al team avversario di accumulare punti. Purtroppo, al di là delle "problematiche" di carattere creativo (Cacciatore di Taglie è un calco abbastanza becero della modalità "brevettata" dal rivale), la grandezza delle mappe di Hardline e l'alto numero di giocatori rendono il game mode meno divertente del solito. L'aggiunta effettuata con Rapina (Settembre 2015), invece, si è rivelata più interessante, "estratta" da Battlefield 3. L'opzione in questione è Rapina Squadra: modalità multilivello all'interno della quale criminali e polizia dovranno sfidarsi in velocità e abilità. I criminali hanno il compito di introdursi in due depositi differenti, recuperare la refurtiva e fuggire; toccherà alla polizia cercare di fermarli. In pratica si tratta di una rivisitazione di Squad Rush, celeberrima modalità di Battlefield 3 suddivisa in tre fasi distinte: per ogni fase i criminali hanno un numero limitato di "rientri", ed il compito della polizia è quello di arginarne l'avanzata. Nonostante sconfessi l'assunto alla base di Hardline (quello di proporre un'esperienza un po' più condensata e rapida rispetto a quella dei capitoli regolari), Rapina Squadre funziona bene; i match si evolvono nel corso della partita garantendo un discreto dinamismo. A conti fatti Rapina Squadre è la modalità con più personalità fra quelle aggiunte dai DLC.

Getaway

Come per i DLC precedenti, anche Fuga segue le linee guida dettate dalle due precedenti espansioni, ed oltre alle 4 nuove mappe introduce la modalità Cattura la borsa. Ci troviamo davanti ad un classico Cattura la bandiera, senza variazioni di sorta (se non che la Bandiera è sostituita - appunto - da una borsa). Certo, la possibilità di giocare partite in 32 giocatori differenzia questo game mode dalle più "intime" esperienze di Halo 5: Guardians, ma può essere un'arma a doppio taglio: capita infatti, durante alcune sessioni di gioco, di trovarsi all'interno del caos più totale, senza riuscire davvero ad approntare efficaci tattiche di squadra. Immaginate due team al completo che convergono nello stesso punto della mappa alla ricerca dell'obiettivo, colpi che arrivano da ogni direzione e impossibilità nell'organizzarsi in maniera efficiente, in particolare in mappe di medie o piccole dimensioni. La situazione si ribalta invece nel momento in cui entriamo in possesso della borsa nemica e ci dirigiamo verso la nostra base: inseguimenti al cardiopalma a bordo della nostra auto sono all'ordine del giorno, e in questo caso il numero elevato di giocatori rappresenta un punto a favore della produzione, riuscendo a produrre situazioni corali e movimentate, e rendendo la fase di "scorta" molto chiassosa ma perlomeno vivace, imprevedibile e divertente. Nonostante tutto, resta un po' di delusione per una modalità non certo originale: la speranza era quella di poter giocare qualcosa di nuovo, al posto dell'ennesimo, classicissimo game mode. La pecca maggiore del supporto post-lancio di Hardline, insomma, è l'incapacità di offrire contenuti davvero accattivanti e originali. L'espansione si difende un po' meglio sul fronte delle nuove mappe, che vediamo nel dettaglio:

Autostrada del pacifico è un'enorme mappa diurna situata nelle costiere della California centrale. A bordo nella nostra auto potremmo percorrere questa lunga autostrada, costeggiata da ambienti differenti: un ristorante malfamato, una sottostazione abbandonata ed altre zone sospette. Il level design è azzeccato: il bosco che costituisce gran parte della mappa ha una resa soddisfacente, sia dal punto di vista visivo che per quanto riguarda le implicazioni a livello di gameplay. La conoscenza del territorio e riflessi pronti sono fondamentali per aver la meglio sull'avversario. Vi capiterà spesso di non vedere i vostri nemici fino all'ultimo momento, complice la vegetazione, e di dover ricorrere alla vostra prontezza per avere la meglio. I fucili d'assalto classici sono l'arma migliore all'interno di questa mappa. A condire il tutto ci pensa la possibilità di utilizzare l'auto Coupè di lusso, macchina davvero performante, nonché novità di questo DLC, che vi permetterà di sfrecciare per la strada che circonda il bosco ad una velocità superiore rispetto alla media.

Ferrovia è ambientata in una vecchia città mineraria, nelle pianure del Colorado; questa mappa è sicuramente meno dispersiva della precedente, e può offrire interessanti scontri a fuoco grazie all'ambientazione urbana. Curiosa anche la possibilità di utilizzare i treni in corsa per sfuggire dal fuoco nemico, o per muoversi in maniera più rapida all'interno della mappa. A livello di design è quella che offre più possibilità al giocatore. Insieme a Diversione è sicuramente la mappa meglio caratterizzata all'interno di questa espansione.

Doppio gioco è la mappa più grande di questa espansione; situata al confine tra USA e Messico è perfetta per i fan di modalità come Conquista e Cortocircuito. L'azione si concentra nella zone urbana: sia in territorio Americano che Messicano avremo a disposizione una grossa quantità di edifici disabitati, alcuni davvero trasandati (e un po' poveri a livello di design) che costituiscono il punto nevralgico della mappa. Non sarà facile riuscire a districarsi in questa città-fantasma che costeggiano la strada principale, una volta presa confidenza con le planimetrie, però, potremmo propendere sia per un approccio più diretto e a corta distanza, sia per il cecchinaggio spinto dai piani elevati delle strutture, freddando gli avversari a distanza. Il territorio che ci circonda è perlopiù desertico e, purtroppo, questo rende l'atmosfera un po' anonima e spoglia.

Diversione è situata nella penombra del centro per il controllo delle inondazioni di Houston, e rappresenta la vera novità di questo DLC. Il design della mappa differisce in maniera evidente da quello a cui siamo abituati in Battlefield Hardline: ambientata completamente sotto terra, permette ai giocatori di muoversi all'interno di tunnel e percorsi tentacolari, rigorosamente a piedi. A livello visivo la resa è convincente, la produzione si è presa il rischio di realizzare qualcosa di innovativo all'interno del titolo, e il risultato è una mappa ben costruita, e che offre approcci molto diversi rispetto a quelli classici. Sarà fondamentale conoscere al meglio gli angusti tunnel, e in particolar modo essere abili negli scontri a breve distanza. Diversion è a nostro parare il punto di forza di questa espansione: convincente sotto tutti gli aspetti (level design, atmosfera, gameplay) rappresenta l'unico vero spunto di Getaway.

Battlefield Hardline Getaway è un'espansione poco ambiziosa. Se l'obiettivo era quello di risollevare le sorti di un titolo che soffre di una costante e lenta emorragia di utenti, ci sarebbe stato bisogno di più risolutezza. La nuova modalità Cattura la borsa, del resto, è solo una rivisitazione “in grande” di Capture the Flag, e insomma l'elevato numero di utenti in gioco costituisce il suo unico guizzo, sfociando però in situazioni alle volte molto confusionarie. Dopo la discreta prova di “Rapina Squadra”, insomma, ci si aspettava di più in termini di audacia e originalità. Il DLC raggiunge la sufficienza grazie anche e soprattutto alle mappe, due delle quali davvero interessanti: Diversione, in particolare, grazie al suo level desing azzeccato ed alla volontà di allontanarsi dalle strutture classiche del titolo, ci regala un'esperienza di gioco piacevole (come il suo nome lascia intendere). Getaway resta in ogni caso consigliato solo agli irriducibili fan della versione poliziesca di Battlefield.

6

Che voto dai a: Battlefield Hardline

Media Voto Utenti
Voti totali: 30
6.3
nd