Recensione Boom Beach

L'erede di Clash of Clans mostra le unghie

Versione analizzata: iPhone
recensione Boom Beach
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
Davide Leoni Davide Leoni I videogiochi entrano nella sua vita alla fine degli anni ’80, ai tempi del primo incontro con Super Mario Bros, e ancora oggi ne fanno stabilmente parte, dopo più di 20 anni. Pregi e difetti: riesce a terminare Super Mario Bros 3 in meno di otto minuti ma non ha mai finito Final Fight con un credito... ci sta ancora provando. Lo potete seguire su Facebook e su Google Plus

Dopo il successo di Clash of Clans (uno di quei “giochini” che portano ben 600.000 dollari al giorno nelle casse dei suoi creatori) lo sviluppatore finlandese Supercell torna alla carica con un nuovo titolo: Boom Beach, gioco di strategia che segue le linee guida del suo predecessore, offrendo un gameplay più profondo e maggiormente ricco di sfida.

Stessa spiaggia, stesso mare

In Boom Beach dovremo difendere un’isola tropicale dall’attacco delle forze nemiche, e per riuscire nell’obiettivo avremo a disposizione numerose armi e oggetti speciali. La prima cosa da fare una volta sbarcati è quella di costruire un rifugio e di disseminare ostacoli lungo il percorso: potremo ad esempio piazzare mortai, cecchini e cannoni come deterrente per i nemici. A differenza di Clash of Clans, in questo caso sarà possibile costruire una sola struttura per volta, scelta che finisce inevitabilmente per rallentare lo sviluppo del gioco. Ovviamente è possibile accelerare il processo di costruzione spendendo i preziosi diamanti vinti in battaglia, o acquistabili anche con soldi reali (un sacchetto con 500 gemme preziose costa 2.69, euro fino ad arrivare a pacchetti più grossi con prezzi che possono superare i nove euro). La valuta virtuale può essere utilizzata anche per comprare armi, medikit e potenziamenti per i soldati e per le strutture, ma dobbiamo comunque rilevare la presenza di un sistema di ricompense ben bilanciato: vincendo i vari scontri otterremo una discreta quantità d’oro, tanto che quasi certamente non sentirete il bisogno di comprarne altro con soldi reali.

Anche i combattimenti si rivelano molto più strategici rispetto a quelli di Clash of Clans: in questo caso il giocatore avrà un maggior controllo sui vari aspetti della battaglia, e l’impressione sarà quella di essere veramente artefici del proprio destino, e non di trovarsi in balia di un sistema casuale che rende il risultato delle sfide un vero terno al lotto. E' ad esempio importantissimo (anzi, fondamentale) selezionare i giusti membri per la propria squadra, scegliendo tra artificieri, addetti all’artiglieria pesante, soldati semplici e medici, necessari questi ultimi per curare i compagni feriti. Di vitale importanza anche la scelta delle armi: il gioco propone un arsenale particolarmente ricco di pistole, fucili, cannoni, mitragliatrici, bombe a mano, dinamite, granate e lanciarazzi. Le scelte in termini di soldati e armamentario vi aiuteranno a portare a casa la vittoria, ma non sarà sufficiente una selezione oculata: spesso sarà necessario reagire agli attacchi usando la logica, accerchiando i soldati nemici o creando speciali trappole da nascondere nel terreno.

La componente strategica riveste insomma un ruolo di primissimo piano: non pensate di poter avventurarvi in una battaglia senza prima aver pianificato tutto nel migliore dei modi, perché questo equivale quasi sempre a morte certa. Insomma, il gameplay alla base del gioco si rivela accattivante ma non semplicissimo da gestire, almeno nelle prime fasi: ci si potrebbe aspettare un titolo dalle meccaniche semplici ed essenziali, invece Boom Beach stupisce per una certa profondità che lo rende più simile ai classici del genere per PC (come Total War o Company of Heroes, giusto per citare due titoli) piuttosto che ai mille cloni di Clash of Clans che nel giro di pochi mesi hanno invaso gli store digitali. Da segnalare le (poche, purtroppo) intriganti sessioni di combattimento nel bel mezzo dell’oceano, a bordo di motoscafi e imbarcazioni di fortuna: peccato che queste fasi appaiano nel complesso poco più che abbozzate e non particolarmente curate, con un sistema di collisioni delle navi francamente da rivedere urgentemente con una patch.
Dal punto di vista della longevità, ottime notizie: sconfiggere le forze del male e raccogliere tutti i tesori vi porterà via molto tempo, oltretutto potete farvi aiutare da un amico, in perfetto stile social, chiedendo supporto in battaglia o per costruire gli edifici sul vostro atollo. Gli sviluppatori di Supercell hanno già annunciato che il gioco sarà supportato massicciamente con nuovi contenuti a cadenza regolare; anche se per il momento non ci sono altri dettagli sulla natura di questi ultimi, aspettiamoci comunque nuove missioni e isole da visitare.
Per quanto riguarda, infine, l’aspetto tecnico, segnaliamo una grafica di buon livello: le ambientazioni sono colorate, vivaci e ricchissime di dettagli, notevole in particolare l’effetto delle onde del mare in continuo movimento. Il design dei personaggi si rivela invece piuttosto classico e stereotipato, privo di particolari tocchi stilistici, in ogni caso il lavoro svolto è sicuramente di buona fattura. Pregevole l’interfaccia, minimale e stilizzata, organizzata in pratici menu a scomparsa. Meno brillante invece il comparto audio, con musiche monotone ed effetti sonori fin troppo piatti.

Boom Beach Boom Beach si rivela un passatempo piacevole e divertente, se preso a piccole dosi. Sicuramente meno immediato di tanti altri giochi del genere, ma capace di regalare enormi soddisfazioni. Non si tratta di un enorme passo avanti per la categoria e neanche di un titolo rivoluzionario, ma se state cercando uno strategico profondo e con un buon livello di sfida, l’avete appena trovato.

7.5

Che voto dai a: Boom Beach

Media Voto Utenti
Voti totali: 1
8
nd

Altri contenuti per Boom Beach