Recensione Call of Duty: Black Ops - Annihilation Map Pack

Sviscerato l'Annihilation Map Pack

Versione analizzata: Xbox 360
recensione Call of Duty: Black Ops - Annihilation Map Pack
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Wii
  • Ps3
  • iPhone
  • Pc
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Puntuale come al solito è in arrivo un nuovo pacchetto di mappe per Call of Duty. Si tratta, naturalmente, di Annihilation, la nuova "espansione" -se così la possiamo chiamare- per Black Ops, uno degli FPS più venduti di sempre. Il pacchetto, disponibile dal 28 Giugno a 1200 Microsoft Points (circa 15 Euro), conterrà quattro nuove mappe per il multiplayer competitivo (Drive In, Hangar 18, Hazard e Silo) ed un nuovo, gustosissimo scenario per la modalità Zombie, denominato Shangri-La.
L'offerta ludica globale del titolo Treyarch diventa quindi la migliore in assoluto sul mercato (forse la migliore di sempre in ambito console), con all'attivo ben 26 diverse mappe.

Mappe

Drive-In è la prima delle quattro mappe a presentarsi in ordine cronologico e porta lo scontro all'interno di un drive-in americano degli anni '60, devastato dal conflitto. La location, di media grandezza, presenta diversi spunti per lo scontro a fuoco, spalmato, in questo caso, in ogni sezione della mappa.

Al punto di respawn dei Black Ops (probabilmente il migliore dal quale partire) troneggia il gigantesco pannello di proiezione, sulla cima del quale, grazie ad una serie di impalcature, è possibile appostarsi comodamente per cecchinare. La visuale è completamente libera sul 70% della mappa ma la debole copertura non garantisce massima sicurezza dal tiro nemico. Gli Spetsnaz si troveranno invece a fronteggiare una scelta: da una parte l'assalto frontale attraverso l'enorme biglietteria, dall'altra l'intrusione attraverso due più stretti passaggi laterali per un timido tentativo d'accerchiamento. Detriti, carcasse metalliche e resti della battaglia garantiranno sufficiente copertura anche a terra. 

La seconda location in ordine d'apparizione è Hangar 18, un gigantesco hangar militare situato all'interno della segretissima Area 51 per nascondere nientemeno che un avanzatissimo Blackbird. La mappa, ancora una volta di dimensioni medie, risulta in questo caso sostanzialmente simmetrica e speculare.

Al di fuori degli ingressi posti ad est e ad ovest dell'hangar troviamo piccole installazioni abbandonate e torrette di rilevamento radar che ostruiscono il percorso e creano lo scenario ideale per qualche imboscata ben assestata. Lo scontro, tuttavia, pare concentrarsi sempre nella zona interna ed immediatamente esterna dell'hangar, dal quale sporge l'immenso Blackbird, che funge -tra le altre- da passerella tra un'ala e l'altra della base. Un level design piuttosto articolato, nonché la presenza di diversi spot d'appostamento, rendono anche questa location ideale per qualsiasi tipologia di giocatore. 

L'Annihilation Map Pack ci stupisce dunque con Hazard, un'enorme mappa localizzata nei pressi di Cuba, all'interno di un golf resort situato su una scogliera. Il panorama mozzafiato rischia in questo caso di distrarre il giocatore dalle innumerevoli insidie che presenta il playground. A spezzarla in due troviamo, anzitutto, il percorso di una buca, arricchito da elementi quali bunker e ponticelli ma dalla visuale completamente libera da tee a green, il che permette ai più abili tiratori un comodo e riparato appostamento.

Ai margini della larga sezione di mezzeria troviamo da una parte le strutture del resort vero e proprio, comprensive di piscina, bar, negozi e ristorante; dall'altra un isolato passaggio per golfisti e spettatori, attorniato da mura ed un torrione in stile medievale. Entrambi i lati presentano dunque percorsi angusti all'interno dei quali scatenare tutta la potenza di fuoco delle armi a breve gittata. Anche in questo caso, dunque, la varietà è garantita. 

La componente competitiva del map pack chiude i battenti con Silo, un campo di battaglia su più livelli ambientato all'interno di una base missilistica sovietica segreta. Si tratta anche in questo caso di una struttura a grandi linee speculare, che prevede un alto numero di edifici esplorabili ed elementi atti ad occupare il territorio e la linea visiva a livello terreno. Si crea, in tal modo, una struttura labirintica che rende ancor più intrigante ogni partita.

Il level design è inoltre arricchito da una serie di dislivelli, da una parte e dall'altra, che culminano in una gigantesca torre di lancio posta in uno degli angoli della mappa. Da qui, pur senza alcuna copertura, è possibile osservare con buona comodità un'enorme porzione di mappa. Per l'ennesima volta la varietà pare essere la chiave di lettura di quest'ottimo map pack.


A margine dell'esperienza competitiva non poteva mancare la solita aggiunta per la modalità Zombie. Si tratta questa volta di Shangri-La, un tempio leggendario sperduto in una giungla esotica.

Il meccanismo è sempre lo stesso ma alcune nuove e temibili trappole renderanno unica anche questa esperienza.

Call of Duty: Black Ops Nonostante l’Annihilation Map Pack recuperi, in alcune delle location, elementi architettonici di mappe già presenti nella versione retail del gioco, il pacchetto risulta senza ombra di dubbio il migliore, il più completo. Le mappe presentate mostrano grande varietà e un’ottimo level design, contribuendo ad allungare per l’intero periodo estivo la longevità quasi leggendaria di Black Ops.

Che voto dai a: Call of Duty: Black Ops

Media Voto Utenti
Voti totali: 781
7.9
nd