Recensione Call of Duty Heroes

Anche la saga Activision si mette sulla difensiva

Versione analizzata: iPhone
recensione Call of Duty Heroes
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming

Per l’ultima incarnazione mobile del suo franchise di maggior successo, Activision ha deciso di proporre qualcosa di inedito per la serie, puntando sulla vena strategica piuttosto che continuare a percorrere la via segnata con il precedente Call of Duty Strike Team, ed esplorando quindi territori nuovi per la saga: riuscirà Call of Duty Heroes ad incuriosire i novizi, facendo al tempo stesso presa sugli appassionati grazie ad alcune chicche e riferimenti di sicuro impatto?

Clash of Duty

Call of Duty Heroes è un esponente del genere tower defense, categoria tra le più inflazionate in ambito mobile ma in grado di vantare tra le proprie fila titoli di grandissimo successo come Clash of Clans, diventato in breve tempo uno dei titoli più giocati di sempre dai fruitori di smartphone e tablet, in virtù di un gameplay coinvolgente e convincente che ben si adatta sia a partite di breve durata che a sessioni di gioco più corpose. L’ultima fatica di Faceroll Games non può quindi fare a meno di confrontarsi con il piccolo capolavoro firmato Supercell, e con le principali caratteristiche che ne hanno decretato l’ottimo successo. Proprio per questo motivo il team di sviluppo non si è certo posto l’obiettivo di modificare fin dalle fondamenta il genere degli strategici con l’intenzione di proporre qualcosa di innovativo, limitandosi a studiare con perizia il profilo di quello che è attualmente il titolo più apprezzato della categoria, per carpirne così i segreti e provare a seguirne la scia.

Poggiandosi dunque su un formula decisamente rodata, Call of Duty Heroes riesce in parte a garantire lo stesso livello di divertimento del suo maggior rivale grazie all’ottimo lavoro svolto dalla software house, che ha saputo bilanciare al meglio le fasi di costruzione e di combattimento. Il giocatore deve gestire in maniera intelligente tutte  le risorse a propria disposizione, addestrando le varie truppe allo scopo di ingaggiare battaglia con altri giocatori in PvP oppure affrontare le missioni di difficoltà crescente proposte dalla campagna principale, che consentono di entrare in possesso di punti esperienza, petrolio e oro, vitali per potenziare le strutture già posizionate e per costruirne di nuove.
Proprio come avviene in Clash of Clans e, più in generale, in ogni tower defense che si rispetti, anche l’ultima fatica di Activision unisce visione strategica e capacità tattiche, fornendo agli utenti un vasto assortimento di elementi da utilizzare per aumentare il prestigio e le dotazioni belliche della propria base e, successivamente, difenderla con ogni mezzo a disposizione.

Call of Duty Heroes non è esente da difetti, alcuni dei quali in comune con lo stesso Clash of Clans, come dimostrano le fasi di combattimento, con le varie unità che si limitano ad attaccare il primo bersaglio che incontrano sulla propria strada, senza la possibilità da parte del giocatore di intervenire sul loro percorso per indirizzarle verso un preciso obiettivo. Oltre a questo va segnalata la presenza dei fin troppi parametri e indicatori presenti su schermo, ognuno dei quali riporta determinate informazioni e statistiche, che rischiano di minare la leggibilità dell'interfaccia. Dal punto di vista tecnico Call of Duty Heroes è un prodotto solido e ben curato, con una grafica interamente poligonale e una grande cura per i dettagli che interessa tanto gli elementi in primo piano, come le diverse strutture presenti su schermo, quanto quelli di contorno. Il comparto sonoro è funzionale, pur senza generare troppi entusiasmi.

Eroi a caro prezzo

In maniera del tutto simile a quanto accade giocando ai principali esponenti del genere, anche Call of Duty Heroes presenta una gestione degli acquisti in-game poco bilanciata, rischiando di far storcere il naso anche agli appassionati del brand. In questo caso la portata delle microtransazioni ha una grande influenza sul gioco, rendendo praticamente impossibile proseguire senza mettere mano al portafoglio. Già dopo poche sessioni, infatti, sarà necessario attendere parecchi minuti a causa dei tanti conti alla rovescia che si attivano ad ogni nuova costruzione o al potenziamento degli edifici già presenti nel proprio quartier generale. I tempi morti possono essere eliminati tramite l’utilizzo del Celerium, proposto nell’apposito negozio in tagli che vanno da 4,49 Euro a ben 89,99 Euro. Lo store permette anche di acquistare anche altri elementi come risorse di oro e petrolio, oltre allo scudo capace di impedire per un numero variabile di giorni ogni attacco alla base da parte degli altri giocatori.


Call of Duty Heroes Call of Duty Heroes è l’ennesimo clone di Clash of Clans e non tenta in nessun modo di nasconderlo. Nonostante sia un gioco molto ben realizzato, che mostra in maniera inequivocabile il grande lavoro di emulazione operato da Faceroll Games, non riesce a proporre qualcosa di realmente innovativo e, soprattutto, limare alcune problematiche e aspetti non particolarmente convincenti presenti anche nella produzione Supercell. La portata degli acquisti in-app, necessari per proseguire nel gioco, non consente purtroppo al titolo di elevarsi sopra la media: Heroes è appetibile solamente agli appassionati del franchise, che non mancheranno di apprezzare la presenza di alcuni eroi conosciuti nel corso degli anni nei vari capitoli regolari.

6.5

Che voto dai a: Call of Duty Heroes

Media Voto Utenti
Voti totali: 2
4
nd

Altri contenuti per Call of Duty Heroes