Cities Skylines: Natural Disaster Recensione

Terza espansione per il city builder Colossal Order, questa volta dedicata ai più temibili disastri naturali.

Versione analizzata: PC
recensione Cities Skylines: Natural Disaster
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • Xbox One
Francesco Serino Francesco Serino ha videogiocato tanto e a tutto, posseduto due diversi Tamagotchi e abbandonato un Furby in autostrada. Mentre cresceva i pixel rimpicciolivano, mentre leggeva ha iniziato a scrivere. E ora eccolo qua, dopo un salto nello spaziotempo atterra su Everyeye, ma già da tempo è su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Questa espansione è un disastro! Anzi, sono ben sette disastri! Per il terzo DLC dedicato al bellissimo Cities: Skylines, Colossal Order punta tutto sulle catastrofi più in voga sul Pianeta Terra, ed è subito la fine del mondo.
Il piano di espansioni per Cities: Skylines continua insomma ad essere incentrato tutto su madre natura. Se con After Dark è stato introdotto il ciclo giorno/notte e con Snowfall i fenomeni atmosferici, Natural Disasters è qui per introdurre i tanto attesi (almeno da una parte degli appassionati) disastri naturali, ovvero uno dei capisaldi del gameplay del classico Sim City, e pesante (ma non grave) lacuna del gioco base. Chi utilizza il gioco Colossal Order per creare dettagliatissimi modellini forse sarà meno interessato alle novità di questo nuovo DLC, ma chi invece cerca un approccio più realistico, e gode nel mettere alla prova le proprie creazioni, questo Natural Disasters è una grandissima occasione per moltiplicare il divertimento offerto da questo prezioso city builder. Con un sistema di terraforming potente come quello incluso nel gioco, che da quando è diventato ufficiale ha portato con sé anche nuovi strati di gameplay (ora il giocatore ha una riserva di terra che aumenta mentre si scava e si riduce quando c'è da riempire un vuoto nel terreno), erano in molti a non vedere l'ora di scoprire in che modo le mappe di Cities: Skylines avrebbero potuto reagire alle prese con un terrificante terremoto, o ancora peggio, alla caduta di un enorme meteorite. La risposta si è fatta attendere, è vero, ma ne è valsa decisamente la pena. Questo nuovo DLC include la bellezza di sette diversi disastri, sette diversi disastri che possono abbattersi sulle vostre città con un intensità variabile (da uno a dieci) e che in certi casi, i più drammatici, sono in grado di stravolgere completamente il corso di una partita.

A CIASCUNO IL SUO DISASTRO

Partiamo dal terremoto, il grande stramaledetto classico, che in Cities Skylines, proprio come nella realtà, può tirar giù qualche edificio o fare piazza pulita di un intero quadrante, lasciando macerie e palazzi pericolanti. I terremoti più forti lasceranno anche degli importanti strappi sul terreno, proprio come se ci fosse una grossa faglia immaginaria in movimento, creando ancor più forti disagi. Dopo i terremoti ecco le più amichevoli tempeste di fulmini, che possono semplicemente rendere una notte più spettacolare, oppure creare incendi di vastissime proporzioni, specialmente se il fulmine cadrà nei pressi di una foresta. Ma le fiamme possono anche prendere vita senza un aiuto esterno, e da adesso in poi (non serve acquistare il DLC per attivare questa funzione...) spostarsi di edificio in edificio, albero dopo albero (proprio come un famoso mod, ma in modo decisamente più naturale). Il quarto disastro è il suggestivo e bastardissimo tsunami, che può colpirti anche quando pensi di essere al sicuro, che può colpirti anche quando pensi che il mare sia una minaccia e una risorsa lontana. Lo tsunami infatti può riempire velocemente i corsi d'acqua che sfociano nel mare ma che attraversano la città, o nel peggior dei casi, presentarsi alle porte delle vostre coste con un muro d'acqua che fa tremare le gambe. A seguire troviamo il tornado, un altro grande classico, che spettacolare inizia a danzare sulla mappa seminando distruzione lungo tutto il suo passaggio. Ed ecco poi la voragine, un buco che si forma nel terreno improvvisamente inghiottendo tutto al suo interno, ma fortunatamente il suo raggio d'azione è piuttosto limitato. Ed infine c'è il meteorite, che può essere grande come una macchina o come un intero quartiere, nostro primo disastro casuale che, cadendo proprio sul letto del corso d'acqua più importante della zona, ha creato a sua volta un'onda anomala che si è portata via almeno cinque isolati. Ecco cosa ci è piaciuto di più di questa espansione: ogni evento straordinario è diverso, perché come reagirà la città dipenderà dall'intensità del disastro, dal punto in cui colpirà e quali possibili eventi collaterali provocherà.

EFFETTO A CATENA

Visto che alla Colossal Order piace fare le cose per bene, Natural Disasters ci mette a disposizione anche una lunga serie di strumenti che ci daranno modo di prevedere una catastrofe con un certo anticipo e per affrontarla al meglio. Una volta installato questo DLC sarà quindi possibile costruire stazioni meteorologiche per prevedere tempeste e tornado, edifici per intuire eventuali movimenti tellurici futuri, boe allarme e radio d'emergenza per avvertire la popolazione in caso di uno tsunami o di un altro pericolo imminente. È possibile anche costruire dei bunker, dove è possibile trovare rifugio in caso di emergenza e che potranno essere anche utilizzati come alloggio momentaneo dagli sfollati, che così non abbandoneranno la città. Ma un evento eccezionale come un disastro naturale può comportare anche un crollo della vostra economia, con conseguenze molto più difficili da contrastare.

Come vedete c'è da divertirsi un mondo, anche solo a lanciare maledizioni contro città scaricare da Steam Workshop a caso, ma Natural Disasters ha anche un'altra fantastica idea per convincerci a giocare dodici ore di fila: gli scenari! In questa modalità vi verrà fornita una città in procinto di essere colpita da un disastro naturale, e che dovrete riuscire a gestire. Di scenari ne troverete già cinque, pronti per essere giocati, ma gli scenari hanno anche un loro semplicissimo editor e possono essere creati e scambiati tra i giocatori. Divertenti come un city builder e a volte impegnativi come un puzzle game, gli scenari si sono rivelati ben presto un'aggiunta davvero piacevole.

Cities Skylines Un'aggiunta delle più preziose, in grado di sorprendere tecnicamente e nelle continue ripercussioni che ogni evento ha sul solido gameplay di Cities: Skylines. E naturalmente tutto questo alza un po' di più l'asticella della difficoltà, l'elemento più debole del gioco Colossal Order fin dal principio. Ma le aggiunte, se state lontani dal gioco da un po', non finiscono qui. Negli ultimi mesi gli sviluppatori hanno aggiunto canali, argini, e un'altra manciata di novità che rendono questo ottimo gioco un gioco senza dubbio migliore.

8

Che voto dai a: Cities Skylines

Media Voto Utenti
Voti totali: 23
7.3
nd