Recensione Cubemen

Tanti piccoli cubi da massacrare

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPad
  • Pc
Enrico Spadavecchia Enrico Spadavecchia è un avido collezionista ed esagitato videogiocatore dai tempi del Commodore 64 e delle sue righe colorate. Ex giocatore accanito di Counter Strike, in giovane età ha compiuto la stupidissima impresa di completare Quake II a livello hard senza scendere mai sotto i 100 punti ferita. Ostinato retrogamer e sostenitore delle produzioni indipendenti, non disdegna le offerte del mercato attuale, soprattutto FPS e avventure grafiche. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Sviluppato dalla piccola software house 3 Sprockets, Cubemen è l'ultimo arrivato nella nutrita schiera di giochi appartenenti al filone tower defense. Il sottogenere strategico, dai vecchi cloni di Rampart ai giorni nostri, mette il giocatore alle prese con continue ondate di nemici -siano essi soldati in cotta di maglia e armati di spade e archi o astronavi, alieni ed altre brutture sci-fi- col solo scopo di creare una difesa impenetrabile attorno alla propria base.
In Cubemen prenderemo parte ad una guerra, priva di qualsiasi background, fra esseri fatti di cubi, in un mondo formato da cubi. Titolo in verità dalle premesse non proprio esaltanti, che non ci hanno impedito, però di apprezzarne l'azzeccato gameplay.

Tower defence? Ancora?

Quando si tratta di generi estremamente inflazionati come il suddetto tower defence è difficile aspettarsi innovazioni degne di nota. Tuttavia il minimalista e spigoloso mondo dei Cubemen ci ha sorpresi con un'infinità di variazioni sul tema e un consistente numero di modalità di gioco.
Le meccaniche di base restano le stesse di tutti gli altri titoli appartenenti al genere: mentre le ondate di nemici avanzeranno instancabili verso la nostra base, si avrà a disposizione un quantitativo limitato di cubi coi quali costruire i diversi tipi di cubemen da posizionare strategicamente. Il gioco offre una discreta varietà di unità specifiche: si va dalla normale pedina armata di pistola, con attacco e raggio di fuoco limitati, passando per il cubeman munito di lanciafiamme, ottimo contro gruppi nutriti di nemici, fino al letale cecchino con un raggio d'azione che il più delle volte coprirà l'intera mappa: un totale di 8 diversi uomini-cubo. Sono presenti anche classi di supporto, in grado di rallentare le unità nemiche o curare i cubemen alleati che il più delle volte risulteranno determinanti per l'esito della partita. Anche le instancabili unità nemiche godono di una discreta varietà, con tanto di boss oversized a capo delle ultime ondate di fine partita.
I livelli di gioco sono formati da elementari cataste di scatole grigiastre, ma non è il caso di lasciarsi

"Mentre le ondate di nemici avanzeranno instancabili verso la nostra base, si avrà a disposizione un quantitativo limitato di cubi coi quali costruire i diversi tipi di cubemen da posizionare strategicamente."

ingannare dalla semplicità del level design: la posizione di muri e ponteggi influisce pesantemente sul campo visivo di tutte le unità, sia alleate che nemiche. Posizionando un cubeman su una casella più alta vedremo amplificarsi il suo raggio di fuoco, mentre un soldato armato di mortaio, se posizionato con scarso criterio, rischierà di sprecare tutti i suoi attacchi contro un muro.
L'intelligenza artificiale a disposizione delle unità alleate aiuterà il giocatore a sfruttare al meglio le proprie forze, permettendo ai cubemen di sparare in tutte le direzioni consentite, anche diagonalmente, e svincolandoli dalla rigidità data dalla struttura a caselle delle mappe.
Per vincere una partita non basta semplicemente scegliere con cura dove posizionare le unità, è necessario infatti, soprattutto nelle mappe con più spawn points nemici, una discreta dose di tempismo per effettuare piccoli spostamenti. Gli spawn point nemici, infatti, si attiveranno in modo alternato, rendendo necessario il riposizionamento, di volta in volta, dei piccoli cubemen, sempre tenendo conto della conformazione della mappa.
Le oltre 30 mappe rappresentano un ottimo intrattenimento, grazie anche alla solidità del gameplay e alla loro varietà. Come se non bastasse, gli sviluppatori australiani di 3 Sprockets hanno pensato bene di includere un'interessante modalità skirmish, nella quale ci si ritroverà ad affrontare l'IA o un avversario umano in uno scontro uno contro uno, con lo stesso numero di risorse di partenza. Nella modalità di gioco skirmish invece ogni partecipante avrà a disposizione uno spawn point, dal quale partiranno ondate (controllate dall'IA) di unità in direzione dello spawn point avversario, mentre le unità acquistate dovranno essere posizionate in modo da conquistare di volta in volta caselle sempre più vicine alla base avversaria. Nonostante le frequenti situazioni di stallo, questa modalità 1 vs 1 risulta piacevole e ben strutturata, così come la più complessa modalità mayhem, nella quale potranno sfidarsi fino a 6 giocatori, con le stesse regole di base dello skirmish, ma con un numero molto più limitato di caselle disponibili per gli spostamenti. Inoltre, le normali mappe possono essere rigiocate selezionando diverse sfiziose varianti fra cui la modalità Endless non dissimile dal survival mode di altri titoli analoghi, e Just Rockets, nella quale si avranno a disposizione esclusivamente cubemen armati di lanciamissili, con tutti i pro e i contro che questo comporta.
La longevità del titolo, oltre che dalla presenza di una leaderboard dedicata e dai ben 44 achievements sbloccabili, è assicurata da un numero altissimo di mappe disponibili: fra modalità classica, skirmish e mayhem, Cubemen conta oltre 60 mappe diverse, numero destinato a crescere esponenzialmente qualora gli sviluppatori dovessero mantere la promessa -in bella mostra nella homepage del gioco- relativa alla release di un editor.
Segnaliamo inoltre la presenza di un menu appositamente creato per personalizzare i propri cubemen, dal quale sarà possibile scegliere il colore o la presenza di alcuni dettagli nell'elementare texturizzazione.

Ti faccio un cubo così

Essendo un titolo originariamente pensato per girare sui limitati sistemi tablet, Cubemen non può offrire, purtroppo, niente di esaltante sul profilo grafico, nell'adattamento per personal computer. Tuttavia, con lo stile estremamente minimalista e la palette cromatica d'altri tempi, il nuovo tower defense rientra negli standard offerti dalle analoghe produzioni indipendenti di recente distribuzione. L'interfaccia svolge egregiamente il suo lavoro, con dei comandi semplici ed intuitivi, nonostante la presenza di alcune piccole imperfezioni nel sistema di selezione delle unità e delle rare difficoltà nello spostamento della visuale di gioco. A tal proposito è stata implementata una modalità di visualizzazione dall'alto -indispensabile in alcune mappe particolarmente sviluppate in altezza- che permetterà un'ottima visuale d'insieme e una migliore pianificazione delle azioni, a scapito della profondità grafica.
Cubemen è un titolo sviluppato per fare perno esclusivamente sul gameplay, come dimostrano anche le carenze nel comparto sonoro: il gioco, infatti, conta un bassissimo numero di campionature audio e una sola traccia musicale, che non tarderà a tediare il giocatore prima dell'inevitabile disattivazione.

Cubemen Sebbene si tratti di una piccola produzione indipendente, destinata originariamente ai soli tablet Apple, Cubemen riesce, con la solidità del gameplay e l’ottima longevità, a farsi notare anche fra i titoli attualmente disponibili per PC. Vista anche la modica cifra alla quale viene proposto il titolo (3,99€) ci sentiamo di consigliarlo a tutti gli appassionati del genere.

7

Che voto dai a: Cubemen

Media Voto Utenti
Voti totali: 11
6.5
nd