Mad Max Oggi alle ore 15:00

In diretta dalle Wasteland!

Recensione Football Manager 2010

Sguardo approfondito alla nuova edizione del re dei manageriali

Versione analizzata: PC
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
  • Pc
  • Psp

Fino a qualche anno fa, il genere dei cosidetti “manageriali” calcistici soffriva di un monopolio del mercato piuttosto evidente.
Sports Interactive, infatti, forte del suo Championship Manager (meglio noto come Scudetto nel nosto paese) offriva un titolo di uno spessore e di una profondità che spazzava via la comunque esigua concorrenza.
Poi Sports Interactive abbandonò casa Eidos per trasferirsi in SEGA, e nacque così Football Manager.
Le cose non cambiarono di una virgola, perché mentre Eidos, ancora padrona del marchio Championship Manager, ne affidava lo sviluppo ai Beautiful Game studios, i ragazzi di Sports Interactive, forti della loro lunga esperienza nel genere, continuavano a sviluppare praticamente lo stesso gioco di un’anno prima, con un titolo diverso.
Fino alle passate edizioni, Football Manager continuò a essere il titolo di riferimento del genere, ma nel frattempo gli altri sviluppatori acquisivano esperienza e, perché no, ne prendevano esempio.
Nello stesso tempo però Sports Interactive non dormiva certo sugli allori, e, fatta eccezione per qualche edizione, ogni anno si riproponeva di offrire migliorie di tutto rispetto nel loro gioco.
Anche quest’anno Football Manager offre novità interessanti, certamente senza stravolgere nulla di buono visto sin’ora, ma con un’occhio ad un mercato diventato ad oggi sicuramente più competitivo, grazie al ritorno in auge di Championship Manager e alla rinnovata verve di Electronics Arts e del suo Fifa Manager.

The return of the King

La prima novità che salta all’occhio una volta avviata una nuova partita, è la rinnovata interfaccia grafica.
I vecchi giocatori di Football Manager rimarranno sicuramente spiazzati davanti a una tale trasformazione, che potrà risultare inizialmente scomoda per qualcuno; dopo qualche ora di gioco, tuttavia, il tutto risulterà molto immediato, rendendo la navigazione tra i vari menù fluida e ben organizzata.
La schermata delle informazioni principali potrà inoltre essere customizzata a nostro piacimento, con la possibilità di inserire nella parte bassa dello schermo una serie di informazioni più o meno importanti, come ad esempio la classifica del nostro campionato, le trattative di mercato, la lista degli infortunati con relativa data di rientro, e così via.
Le notizie dal mondo esterno, non riguardanti la nostra squadra, potranno essere selezionata grazie alla nuova funzione di abbonamento, nella quale potremo decidere su cosa focalizzare la nostra attenzione, sia essa una competizione, una squadra o particolari giocatori, scegliendone i dettagli che più ci aggradano.
Football Manager 2010 rende inoltre più attivo che mai il ruolo dei nostri collaboratori.
La gestione dello staff diventa infatti quanto mai importante, partendo dall’allenatore in seconda, più attivo nei nostri riguardi, passando per preparatori ed osservatori, rendendo la ricerca di collaboratori all’altezza una scelta fondamentale per una buona gestione della squadra.
Un'interessante novità sotto questo aspetto sono le riunioni a cui il nostro staff ci proporrà di partecipare sin dai primi giorni della nostra carriera.
In suddetti meeting ci verranno elencate le mancanze ed i punti di forza della nostra squadra, con suggerimenti atti a migliorare le nostre prestazioni a livello tattico, dinamico o gestionale.
Nel pre-partita, invece, avremo informazioni specifiche sulla squadra che andremo ad affrontare, con riscontri qualitativi che ci suggeriranno se apportare modifiche tattiche o diverse scelte di formazione, fornite ad hoc per gli avversari che andremo a fronteggiare.
Per il resto tutto ciò che c’era di buono nelle passate edizioni di Football Manager è rimasto invariato, dall’ottima interazione con giocatori ed allenatori fino a quella con le testate giornalistiche a mezzo di conferenza stampa.
Bisognerà però fare attenzione a quello che si dice, tutte le nostre esternazioni avranno infatti un impatto diverso sul mondo esterno: provocare l’allenatore avversario in vista del prossimo incontro potrebbe caricare alcuni nostri giocatori, così come infastidirne altri, a seconda del loro carattere; esternare fiducia in conferenza stampa potrebbe avere un impatto positivo sulla nostra squadra, ma prevedere una vittoria contro un avversario palesemente più forte non potrà che minare il morale dei nostri giocatori, che potrebbero perdere la fiducia nei nostri confronti, con risultati negativi sul campo.
Insomma Football Manager 2010 tende ad immergere il giocatore nel mondo del calcio in tutti i suoi risvolti e le sue sfaccettature, non perdendo però di vista il punto fondamentale che differenzia la bontà di un allenatore: la creazione di una tattica vincente.

Lavagna tattica

La gestione tattica della propria squadra è da sempre la parte più impegnativa di Football Manager, capace di donare gioie o dolori a seconda dei risultati sul campo.
Quest’anno i ragazzi di Sports Interactive hanno però voluto offrire un tool per lo sviluppo tattico in grado di aiutare i meno esperti ma al tempo stesso capace di creare tattiche dettagliate nei minimi particolare a tutti coloro che amano sperimentare sempre cose nuove.
L’editor di tattiche si presenta come la novità più sostanziosa di Football Manager 2010, immediato sin da subito e in grado di donare una ampia varietà di soluzioni.
Con pochi click potremo decidere l’atteggiamento della nostra squadra, le mansioni di ogni giocatore e i suoi relativi movimenti in campo.
Una volta creata, la tattica sarà disponibile nella pagina apposita, anch’essa dalla veste grafica rinnovata in modo da integrarsi nel miglior modo possibile con la nuova interfaccia.
Da qui in poi sarà possibile modificare le nostre scelte in modo approfondito in qualunque momento, agendo su vari slides o modificando la posizione in campo dei giocatori.
A conti fatti il creatore di tattiche risulta essere un’ottima aggiunta, in grado di guidare i meno esperti, o tutti coloro che non intendono perdere troppo tempo nella creazione dello schieramento in campo, nella scelta della gestione tattica, ma allo stesso tempo, grazie alle rinnovate e a volte completamente nuove opzioni, in grado di fare la felicità di tutti gli allenatori più esigenti, che amano curare i movimenti e i compiti dei loro giocatori in ogni minimo particolare.
Va detto che sarà comunque possibile passare alla vecchia gestione delle tattiche, cosi com’era in Football Manager 2009, in qualsiasi momento: in questo modo Sports Interactive ha cercato di accontentare anche coloro i quali potrebbero trovare la nuova schermata delle tattiche non di loro gradimento, scelta che si rivelerà sicuramente giusta e in grado così di coinvolgere un bacino di utenza ancora maggiore.
Fatte quindi le dovute scelte, dopo una riunione con lo staff e la consueta conferenza stampa pre-partita, sarà ora di scendere in campo, dove saggiare le potenzialità della nuova tattica e dove ci attendono un altro paio di novità sicuramente rilevanti.

Fischio d'inizio

Quello che prima salterà all’occhio al calcio di inizio sarà sicuramente il rinnovato motore di gioco per la visualizzazione delle partite in 3d: tutto ora sembra più fluido e realistico, sicuramente ancora inferiore ad altre produzioni del genere, Championship Manager per esempio, ma le oltre 100 nuove animazione e la resa generale del tutto segnano un buon passo in avanti rispetto alla passata edizione.
Mentre quindi il livello di dettaglio tecnico, pur essendo migliorato, non raggiunge ancora livelli eccelsi, la riproduzione della partita risulta ancora una volta di un livello superiore rispetto alla concorrenza, grazie alla risposta in campo dei giocatori e alla fedeltà con cui seguono le nostre scelte tattiche, anche se non mancano purtroppo situazioni al limite dell’inverosimile, presenti fortunatamente solo in casi sporadici.
Va detto comunque che è rimasta invariata la possibilità di scelta per quanto riguarda la visualizzazione della partita, che offre, oltre alla visualizzazione in 3d, anche la possibilità di seguire l’incontro in modalità solo testo o nel vecchio, e per alcuni caro, 2d.
Ma la scelta marcata di Sports Interactive sembra essere quella di spingere i giocatori all’uso del nuovo motore grafico, offrendo infatti solo nella modalità di visualizzazione 3d una novità più che mai importante: la possibilità di “urlare” in tempo reale ai propri giocatori come comportarsi, in base all’andamento della partita.
Sarà infatti possibile, grazie ad un menu a tendina, scegliere tra una serie di opzioni da suggerire alla squadra, come per esempio giocare più larghi, disturbare di più gli avversari o semplicemente buttare la palla in area appena possibile in caso di sconfitta.
A questo và aggiunta la possibilità, sempre in tempo reale e in maniera il più veloce possibile, di cambiare la tattica in corsa o semplicemente sostituire un giocatore.
Insomma una serie di novità che potranno risultare molto utili a chiunque scelga di utilizzarle, rendendo lo spessore di questo Football Manager 2010 ancora maggiore rispetto al passato, perché tutte le novità utilizzate, unite al solito straordinario database, all’ottimo editor di campionati e al divertimento e alla sfida che solo questo gioco sa regalare, portando quest’anno più che mai, vista la rinnovata e qualitativa concorrenza, il titolo Sports Interactive ancora una volta sul gradino più alto del podio nella sfera dei manageriali di calcio.

L'editor innovativo

Il nuovo editor di campionati è una delle novità più interessanti di quest’anno. Con questo tool sarà infatti possibile creare nuovi campionati partendo da zero, oppure semplicemente creare leghe inferiori ad i campionati già esistenti, come per esempio la creazione della serie D per il campionato italiano.
Una apportate le varie modifiche basterà semplicemente salvarle, e alla creazione di una nuova partita potremo scegliere se utilizzarle o meno.
Insomma un tool di tutto rispetto, che in pochi minuti permette di aggiungere o modificare una grande varietà di dettagli e che sicuramente sarà supportato a dovere dalla vasta community che ruota attorno al gioco, e che ci permetterà a breve di poter scaricare una serie sicuramente numerosa di nuovi campionati, aumentando, se mai ce ne fosse stato bisogno, ancora di più lo spessore e la longevità di Football Manager 2010.

Football Manager 2010 Football Manager 2010 non tradisce neanche quest’anno. Sports Interactive si è data da fare, senza stravolgere nulla ma portando una serie di novità di tutto rispetto ad un titolo che si ripropone per l’ennesima volta come modello di paragone per la concorrenza, grazie alla sua profondità e al divertimento che ne consegue. Il nuovo editor di tattiche rende il prodotto più appetibile anche ai meno esperti del genere, il rinnovato motore 3d rende la visualizzazione delle partite più piacevole e infine il nuovo editor di campionati apre nuovi orizzonti per quanto riguarda la creazione di leghe del tutto nuove e originali, supportato da una community grande e attiva come non mai. Ne consigliamo quindi l’acquisto ad occhi chiuso a tutti gli amanti del genere, Football Manager è tornato, più profondo che mai.

7.9

media su 79 voti

Inserisci il tuo voto

  • 9