GamesCom 2015
GamesCom 2015 Dal 05/08/2015 al 09/08/2015

Tutte le notizie, gli articoli ed i video comodamente organizzati nella pagina evento

Recensione Get Outta My Galaxy!

Un viaggio interstellare per liberare la galassia da fastidiosissimi alieni

Articolo a cura di
    Disponibile per:
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

I visitatori inattesi sono sempre una scocciatura. Lo sa bene Waka, il mostro protagonista di Get Outta My Galaxy!, un divertente gioco d'avventura senza troppe pretese, ma molto articolato, immediato e artisticamente ispirato. Nel nostro viaggio interstellare dovremo muoverci tra tantissimi microscopici pianetini, per eliminare la minaccia che ci sta tenendo lontani dal nostro passatempo preferito: il non far nulla.

Fuori dai piedi!

Gli sviluppatori di Ookoohko hanno confezionato in una piccola App venduta a soli 79 centesimi un simpaticissimo action game che offrirà ore e ore di gioco. Waka dovrà vedersela con una misteriosa razza aliena che un giorno invade la sua galassia, composta da piccoli pianetini rocciosi di forma sferica. Nei panni di questo mostriciattolo iracondo, dotato di quattro braccia e quattro mani, dovremo letteralmente schiaffeggiare gli intrusi galattici, attraverso un sistema di comandi semplice ma al tempo stesso funzionale e coinvolgente. I movimenti saranno affidati al tilt sensor: inclinando il nostro device nelle varie direzioni faremo muovere waka lungo i livelli, costituiti tutti da pianetucoli sferici in stile Mario Galaxy. L'area calpestabile non sarà mai troppo vasta, e la circolarità degli ambienti eviterà ai giocatori più inesperti di perdersi. Il touch screen sarà invece lo strumento per comandare le possenti mani di Waka. Tamburellando sullo schermo con i pollici faremo partire potenti sganassoni che serviranno a eliminare i Wikus, delle strane creature che ricordano vagamente i Pikmin (fan Nintendo in casa Ookoohko?). Ci saranno diverse tipologie di Wikus, ognuna dotata di peculiari caratteristiche. Quelli blu saranno i più facili da eliminare, ma non dovremo tergiversare troppo: sono capaci di moltiplicarsi velocemente. Quelli verdi possono creare della vegetazione sul pianeta, che non solo ci rallenterà il cammino, ma potrebbe anche ferirci. L'erba rossa infatti è altamente urticante: meglio quindi evitare il contatto, ed eliminarla con un paio di manate. I Wikus gialli sono delle vere e proprie mine vaganti - mai colpirli se sono troppo vicini a noi. Infine, quelli rossi sono capaci di lanciare semi esplosivi, e si classificano come gli alieni più ostici da sconfiggere.
In ogni livello il nostro compito sarà quello di eliminare ogni Wikus presente sul pianeta, per attivare un totem che aprirà un tunnel verso lo stage successivo. I livelli, inizialmente, sono abbastanza semplici ed anche banali, ma proseguendo nelle varie galassie, il level design si evolve, introducendo rompicapi ed elementi che diversificano non poco l'esperienza di gioco. Teletrasporti, interruttori da attivare per aprire cancelli, rocce da far rotolare, e una rosa di power-up, renderanno il viaggio di pianeta in pianeta una spassosa avventura sempre ricca di sorprese.
L'impalcatura ludica potrà sembrare poco elaborata: non ci saranno punteggi, limiti di tempo, o altri espedienti di questo genere. L'unica necessità, in Get Outta of My Galaxy!, sarà quella di non esaurire l'energia vitale di Waka. Compito per altro tutt'altro che semplice, soprattutto nei livelli avanzati dove i Wikus, uniti ad altri elementi nel livello (come piante spara-semi e vulcani che eruttano lapilli infuocati) non ci daranno nemmeno un attimo di tregua.

Manesco

Get Outta of My Galaxy è uno di quei titoli che attrae il giocatore anche per la cura con cui si presenta ai nostri occhi. Nessuna grafica spacca mascella, intendiamoci, ma i fondali formati da stelle e i personaggi davvero carismatici e dal buffo aspetto sono un ottimo biglietto da visita. Anche la colonna sonora è formata da alcuni motivetti molto azzeccati: nessuna traccia caciarona e ripetitiva, ma brani che ci rilasseranno grazie alle note di un sax, mentre siamo intenti a far piazza pulita dei nostri ospiti indesiderati. Anche la campionatura di voci e degli effetti sonori è molto originale, composta da versi e suoni realizzati da attori e rumoristi.

Get Outta My Galaxy! Per il prezzo a cui è proposto, Get Outta My Galaxy è un titolo da non perdere. Un action game divertente, spensierato e realizzato con cura, nonostante non offra dinamiche troppo profonde ed elaborate. Tuttavia un livello di difficoltà incalzante non mancherà di offrire sfide sempre più ostiche da superare. Get Outta My Galaxy è un App con del carisma, e se non ci credete, due ceffoni di Waka ben assestati vi faranno cambiare idea!

ND.

Aggiungi il tuo hype

  • 8.5