Recensione Guild Wars 2

Un mondo più dinamico che mai, nell'MMO che tutti stavamo aspettando!

Versione analizzata: PC
recensione Guild Wars 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Dopo anni di fremente attesa, Guild Wars 2 approda finalmente sugli scaffali dei negozi di tutto il mondo. Dopo aver esplorato in lungo e in largo Tyria nella precedente incarnazione del gioco ambientato 250 anni prima, le pericolose lande popolate da magiche creature ritornano più vive che mai, pronte ad ammaliare e incantare anche i giocatori più esigenti. Il nuovo gioco di ArenaNet è uscito lo scorso 28 Agosto, ma i giocatori che avevano fatto il preordine hanno avuto la possibilità di popolare i server con ben tre giorni di anticipo sulla tabella di marcia. Il successo è stato tale, che la software house si è trovata costretta ad interrompere momentaneamente la distribuzione del gioco, per venire incontro ai problemi di sovraffollamento dei mondi e di congestione del server di login che, a solo una settimana dal lancio ufficiale, ha ancora qualche problema durante gli orari di punta. Qualche giorno fa sono stati aperti tre server per il territorio europeo e altri tre per l'america, mentre presto verranno collegate nuove macchine per ospitare ulteriore utenza al riavvio delle vendite.

L'ALBA DI UN NUOVO MONDO

Gli sviluppatori di Guild Wars 2 hanno precisato di aver concepito e realizzato il nuovo gioco della serie, imperniando il gameplay su quattro elementi fondamentali, definiti iconicamente come i quattro pilastri: eventi dinamici, storia, PvP e la modalità World vs World. Basta qualche ora in gioco per rendersi immediatamente conto di come questi elementi siano stati presi in seria considerazione al fine di realizzare l'esperienza ludica definitiva per l'online gaming di stampo ruolistico.
Dopo due secoli e mezzo, il mondo di Cantha ed Elona non è più come ce lo ricordiamo, sconvolto dal risveglio degli antichi draghi e dalle feroci battaglie da loro scatenate. Le cicatrici della guerra sono visibili ovunque, ma dove c'è distruzione e morte c'è anche la speranza di andare avanti: ecco perché le razze di Tyria sono oggi più solidali che mai, divise in tre distinte fazioni con lo scopo di preservare la pace ed impedire l'avanzata dei potenti signori draconici.
Rispetto ai beta weekend vediamo aggiunti dei luoghi d'interesse da scovare sulle mappe di gioco, moltissimi eventi dinamici mai visti prima, e naturalmente miglioramenti e improvements legati al bilanciamento delle classi e al sistema di combattimento. I duelli si dimostrano sempre ben calibrati e dosati, così come l'esplorazione della mappa è sempre scandita da missioni e luoghi da visitare, rendendo anche le partite in solitario una continua sorpresa e un divertimento duraturo. A livello quantitativo contiamo più di venti aree esplorabili, svariate città nelle quali si ambientano molte delle missioni della storyline principale, otto dungeon e tantissimi collezionabili e achievement, un'eredità delle console ormai imprescindibile anche in ogni esperienza videoludica che si rispetti. A tal proposito segnaliamo le imprese giornaliere e mensili, da portare a compimento con regolarità per ottenere importanti e sempre utili ricompense, come token e oggetti rari.

Gli Hexen sono su Tyria!



Gli Hexen sono una gilda tutta italiana appassionata di MMORPG che deve il suo grande successo a Final Fantasy XI. Durante quello storico periodo erano noti come Excalibur e semplicemente erano riconosciuti come la gilda più forte in Italia per il titolo Square. Dopo un passaggio quasi rituale su World of Warcraft, ora stanno dedicando tutto il loro tempo e il loro impegno a Guild Wars 2, mietendo vittime sia nella modalità PvE che nel PvP. Everyeye.it appoggia ufficialmente gli Hexen, che vi guideranno a spasso di Tyria fino al livello 80!

Cosa aspettate a unirvi a loro? Per farlo vi basta mandare una mail a reclutamento@hexen.it, chiedendo di poter far parte di loro per giocare a GUILD WARS 2.

Server Teamspeak
Mondo di gioco: Whiteside Ridge

ARMI IN PUGNO

Non si può assolutamente negare che la personalizzazione del nostro beniamino ha davvero smalto, e seppur non paragonabile a quella di altri RPG sulla piazza, permette al giocatore di sbizzarrirsi con fisionomia e segni particolari. Che i personaggi abbiano gran fascino lo si evince anche dagli splendidi dialoghi che raccontano la storia di Tyria e dei suoi abitanti, mettendo in mostra delle animazioni facciali mai viste prima in un MMO, il tutto unito ad un doppiaggio che aggiunge carisma all'intera esperienza ludica. Non è mai stato adottato un modello narrativo simile prima d'ora: un'interessante scelta registica che siamo sicuri piacerà a molti giocatori com'è piaciuta a noi. Le classi disponibili in GW2 ricalcano le tipiche professioni dei giochi MMO, il tutto facendo riferimento a quanto già visto nei primi capitoli della serie. Abbiamo le immancabili classi combattenti, come il guerriero e il difensore; poi ci sono gli incantatori come il necromante, l'illusionista e l'elementalista; infine ci sono le classi adventurer, o "medium armor class", ovvero l'esploratore, l'ingegnere e il ladro. Ogni classe predilige un certo tipo d'approccio al combattimento, tuttavia GW2 regala ai giocatori la possibilità di sbizzarrirsi grazie ad un'ampia rastrelliera di armi, oggetti protettivi, orpelli ed equipaggiamento vario. Le classe del guerriero è esempio migliore in tal senso, potendo esso imbracciare una potente spada a due mani o un fucile a pallettoni. Ma se si preferisce un approccio in mischia più difensivo, allora si può sempre optare per una mazza chiodata con uno scudo, per proteggerci dagli incessanti colpi dei nemici. Anche il ladro ha possibilità di scegliere i suoi strumenti da una discreta armeria, come le doppie pistole per l'attacco a distanza o dei pugnali per dei veloci attacchi furtivi alle spalle del nemico. Il combattimento è il classico targeting system che si appoggia al pad numerico della tastiera, con una skill bar buildabile composta da dieci caselle.

"L'ambientazione è molto variegata e ricchissima di contenuti."

Non ci allontaniamo di molto da quello che abbiamo visto nel vecchio GW, anche se in questo frangente ci troviamo davanti ad un sistema leggermente più complesso e decisamente più tattico, che siamo sicuri darà grandi soddisfazioni nelle partite PvP di un certo livello. Non riusciamo ad allontanarci dalla solita holy trinity, un canone del genere dal quale difficilmente si riesce a prender distanza, ma la cosa non pesa assolutamente in un gioco che è costruito su di una base PvP che non lascia molta altra scelta.
L'ambientazione è molto variegata e ricchissima di contenuti, capace di tenere incollato allo schermo il videogiocatore meno incline alla contemplazione, dal deserto di Ascalon fino alla giungla di Maguuma. Troviamo un setting ricco di laghi e paludi, una trovata davvero azzeccata che ci porta ad esplorare le profondità acquatiche, in un'ambientazione davvero mozzafiato, tra combattimenti con tritoni, squali e barracuda. In questo frangente assistiamo a degli scenari davvero ben costruiti, uniti ad un battle system spigliato e in grado di rivelare le numerose potenzialità nascoste di GW2. Un altro importante aspetto di ogni MMO che si rispetti sono le lavorative, che vengono inserite in maniera del tutto analoga a quanto conosciamo attraverso gli altri giochi della categoria. In questo caso possiamo tranquillamente ragionare come si è sempre fatto in questo contesto: ogni oggetto craftabile ha la sua importanza, dall'equipaggiamento fino ai consumabili. E' importante avere però un entourage - una gilda o un semplice gruppo di giocatori - per scambiarsi reciprocamente gli oggetti realizzati, ed ottenere quindi benefici di più ampio respiro. Questo avviene non solo per gli oggetti finiti, ma anche per ottenere con maggior facilità le materie prime da lavorare.

UN GAMEPLAY DINAMICO

Gli eventi dinamici sono la grande idea di Arenanet per GW2. In un universo videoludico, quello dei mondi persistenti online, dove i giocatori sono vincolati dal questlog e dall'interazione con i numerosi PNG per l'assegnazione delle missioni, GW2 trova un sistema rapido ed immediato per far divertire giocatori di ogni tipo, macinando punti esperienza in party o in compagnia di perfetti sconosciuti. La cosa può sembrare bizzarra, specialmente a chi ha bene in mente come funzionano tradizionalmente le cose nei normali MMO, tuttavia non potrebbe essere più semplice da capire: si sosta in un punto d'interesse, una città o un piccolo avamposto e quando viene soddisfatto il requisito di giocatori presenti nell'area, automaticamente parte un evento che coinvolge indistintamente tutti gli utenti della zona. I giocatori cooperano all'unisono per sconfiggere i nemici o per raccogliere gli oggetti sparsi per la mappa o qualunque cosa ci sia da fare, e il sistema calcola in automatico le ricompense, i loot e i punti esperienza complessivi per il compimento della missione. Questo nuovo metodo ha molti pregi, ma un punto di forza in particolare: più giocatori sono presenti sul server, tanto più semplice sarà imbattersi in eventi e di conseguenza più facile accumulare punti esperienza e aumentare di livello. Eccezion fatta per le quest della storyline, gli eventi dinamici sono lo strumento in gioco che più ci ricompensa. Ci son due tipi di eventi, quelli normali, che si risolvono immediatamente con il successo dei giocatori, e i meta-event, che si collegano tra loro a formare una lunga catena di quest, il cui risultato è dettato dalle azioni dei giocatori sul campo di battaglia.

Il Behemoth d'Ombra, uno degli eventi dinamici più divertenti a cui abbiamo partecipato durante questi giorni.

Ci sono dynamic event di ogni genere e portata, pensati per adattarsi ad un qualunque numero di giocatori. Gli eventi più semplici e veloci sono quelli di scorta: questo tipo di missioni comportano l'accompagnare una carrozza o una carovana da un punto all'altro della mappa, eliminando i nemici che si incontrano sul percorso e salvando una difficile situazione dall'imminente disastro. Altrimenti ci sono le missioni di salvataggio, dove bisogna trarre in salvo un gruppo di civili imprigionati dai cattivoni di turno. Poi abbiamo le immancabili missioni di raccolta, con un conto alla rovescia che ci indica quanto tempo abbiamo prima che la malattia uccida i contadini infettati dalla pericolosa pestilenza. Piuttosto comuni sono anche le invasioni degli accampamenti da parte dei banditi o dei centauri, con i giocatori dell'area che sono chiamati a formare una resistenza e scacciare gli invasori. Com'è ovvio che sia, saltuariamente compaiono anche dei potenti boss che richiedono l'intervento in massa dei giocatori della regione. Questo genere di eventi hanno poco da invidiare ai consuetudinari raid che possiamo trovare in tanti altri MMO. Per esempio durante l'esplorazione di una palude, un gigantesco behemoth d'ombra ha fatto la sua comparsa minacciando la quiete del vicino accampamento. Il boss si è rivelato una sfida non troppo difficile ma comunque tenace, portata a compimento da una trentina di giocatori di livello 15.
Players vs Players

Il PvP è parte fondamentale del nuovo prodotto realizzato da ArenaNet. Concepito per essere un'adrenalinica esperienza ad alto tasso di competizione, con sfide all'ultimo sangue tra personaggi perfettamente bilanciati, costruiti per avere la massima resa possibile e sbaragliare i nemici sul campo di battaglia.
Ma oltre al normale gioco PvP che tutti ben conosciamo, troviamo anche la nuova modalità World vs World, già mostrata al pubblico durante i weekend di beta dei mesi scorsi. Queste mappe rimangono aperte al pubblico per settimane e vedono coinvolti centinaia di giocatori sul lungo periodo. Due fazioni o alleanze, si fronteggiano in numerose battaglie, per ottenere prestigio e gloria, tra feroci battaglie campali e assedi con tanto di catapulte e trabucchi.

Nei prossimi appuntamenti entreremo nel dettaglio di queste modalità, con qualche consiglio per farvi integrare al meglio in un gioco online tanto competitivo quanto esaltante!

LA PERFEZIONE DI UN DIPINTO

I dialoghi di Guild Wars 2 sfoggiano una regia decisamente fuori dal comune, ma di grande impatto e carisma.


Il comparto tecnico si dimostra solido e robusto, confermando quanto visto durante i beta weekend, ma migliorato da numerosi aggiornamenti e da driver ottimizzati rilasciati appositamente dai produttori di hardware. L'engine si dimostra capace di grandi cose, con un pannello opzioni che mette a nudo un sistema moderatamente scalabile, con caselle di spunta e menù a tendina per impostare ogni tipo di parametro grafico. I requisiti minimi dichiarati da ArenaNet non sono particolarmente alti, anche se il nostro consiglio è quello di montare una GPU di recente generazione, come una GTX 470 o analoga, equipaggiata con almeno 1 Gb di RAM per godere ti texture e dettagli in alta definizione. Noi abbiamo effettuato la prova con una GTX 570 di Nvidia, che si è dimostrata in grado di reggere tranquillamente il performante motore grafico con quasi tutti i settaggi al massimo. Naturalmente abbiamo subìto degli inevitabili rallentamente durante le battaglie più imponenti, quando gli elementi a schermo erano troppi anche per un sistema high-end.

"GW2 è un prodotto videoludico di rara bellezza estetica e stilistica."

Ma il discorso che vogliamo costruire attorno al nuovo GW non è puramente tecnico quanto di art design, visto che il gioco di ArenaNet è arricchito da uno stile prettamente pittorico, che pervade l'intera produzione a partire dai fondali dei dialoghi di storyline, fino a delle texture che richiamano cromaticamente e stilisticamente la freschezza di un dipinto su tela. Anche l'interfaccia e le finestre della UI si amalgamano perfettamente a questo stile grafico, impreziosendo ulteriormente il gioco come farebbe la cornice perfetta attorno ad un bel quadro. GW2 è un prodotto videoludico di rara bellezza estetica e stilistica. Le animazioni dei modelli in combattimento non fanno urlare al miracolo, ponendosi più o meno a livello di Tera o di altri titoli ugualmente recenti, ma sono comunque impreziosite da un ottimo character design e da un elevato livello di dettaglio.
Gli unici difetti riscontrati fino ad ora sono rari fenomeni di clipping, localizzati in particolar modo nei luoghi chiusi e nelle location più complesse, anche se il problema potrebbe essere causato da un difetto della telecamera più che da un problema di gestione della memoria. Per quanto riguarda il gameplay, si osservano dei bug relativi alla localizzazione dei PG nelle varie istanze, con conseguente impossibilità di raggiungere un amico o un membro del party in alcuni frangenti. Anche per le gilde c'è qualche piccolo problema, che sfocia nella difficoltà di reclutare un giocatore qualora quest'ultimo si questo si trovasse in una determinata istanza. Sebbene i problemi siano momentaneamente aggirabili tramite alcuni piccoli trucchetti, attendiamo una patch ufficiale che possa fixare ufficialmente questi piccoli bug. Ad ogni modo parliamo di piccolezze: ArenaNet sta dimostrando una costanza e un impegno mai visti, con upgrade giornalieri che aggiornano la build anche per i più piccoli fastidi ed instabilità.

Guild Wars 2 Guild Wars 2 si mostra nella sua forma finale senza deludere le aspettative. I primi 30 livelli da noi giocati sono l'introduzione perfetta per l'MMO fresco e divertente che tutti stavano aspettando, ben calibrato nel gameplay e con una comparto tecnico davvero formidabile. Il sistema di eventi dinamici si conferma come una delle trovate più interessanti in ambito MMO da anni a questa parte, una feature che ci ha permesso di macinare livelli su livelli senza che nemmeno ce ne accorgessimo, conoscendo nuovi giocatori e condividendo con loro quelle esperienze che solo su PC si possono trovare. La scalata per il livello 80 è però ancora lunga e le regioni da esplorare molte. Noi ovviamente siamo in prima linea. Restate sintonizzati per saperne di più in merito al mid leveling, dungeon e PvP.

Che voto dai a: Guild Wars 2

Media Voto Utenti
Voti totali: 70
8.4
nd