Recensione Hank Hazard

Un criceto per ogni esigenza

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad

Angry Birds, seppur oggettivamente non quel capolavoro a cui troppo spesso è stato innalzato, ha avuto il ruolo di apripista per quel sottogenere dei puzzle game che potremmo definire "lanciatore". I cloni su App Store si sono sprecati e spesso si è sfiorato il plagio con copie quasi identiche dei famosi uccellini arrabbiati, ma Hank Hazard non vuole condividere niente con questi programmatori dotati di poca fantasia. Sviluppato da Red Rocket Games e pubblicato da Chillingo, fa il suo esordio su iOS a soli 0,79€ un titolo che vi vedrà controllare un tenero criceto alle prese con stunt vari. L'idea non è il top dell'originalità e il livello di sfida non vi farà gridare al miracolo, ma chi siamo noi per pretendere sempre il meglio!? In realtà, videogiocatori.

GUARDO IL MONDO DA UN OBLÒ

Come il nome dell'App lasciava presagire, Hank è il protagonista degli spericolati stunt e indovinate? Ha bisogno di voi. Lo schema di gioco è abbastanza variegato e pesca a mani basse da meccanismi che già si sono visti in altre App, cercando un aggregazione che non sembri troppo forzata. Lo scopo è quello di di far raggiungere al vostro criceto (intrappolato in una sfera) la fine dello schema, possibilmente passando per 3 punti chiave e, per i virtuosi, portare a termine anche una missione speciale che varia da livello a livello. Una volta dovrete raggiungere una certa altezza, un'altra una certa velocità e un'altra ancora magari dovrete arrivare a destinazione in un tempo prestabilito.


I livelli sono veramente tantissimi, quasi 100, e anche molto vari, ma c'è un grande difetto che li accomuna quasi tutti: l'estrema facilità. Non c'è quasi mai un vero rompicapo da risolvere, perché le variabili in gioco sono veramente pochissime e le combinazioni quindi non si sprecano. In certi frangenti le scelte sono addirittura obbligate, impedendovi quindi di sbagliare e gli unici problemi si potrebbero trovare solo se ci si mette in testa di voler realizzare il perfect score in ogni schema.

STUNT!

Il comparto visivo regala invece soddisfazione su tutti i fronti grazie ad uno stile pulitissimo e ispirato. Per certi versi ci ricorda Cut the Rope, anche se non ne raggiunge gli apici, però sarà sicuramente graditissimo a tutti, in particolar modo al pubblico giovanissimo. L'unica critica che si può muovere è che non c'è particolare ispirazione nella realizzazione e gli oggetti di gioco sono sempre gli stessi con poche aggiunte guadagnate nel progredire dei livelli. Ciò non sconvolgerà la vostra esperienza, ma sarebbe stato gradito qualche rischio e qualche innovazione, magari inserita qua e là in uno schema già ben consolidato. Il reparto sonoro si attesta nella media, anche qua senza azzardi particolari.


Il sistema di controllo è molto semplice e completamente affidato al tocco libero e alle interazioni con gli oggetti, dandovi la possibilità di navigare liberamente tramite swipe in tutto il livello per avere una visuale completa del da farsi. Data la semplicità delle interazioni, non ci sono mai stati problemi dovuti a tocchi non percepiti o imprecisioni del genere.

EASY HAZARD

Tirando le somme, Hank Hazard è un buon titolo che per soli 79 centesimi può regalarvi ore ed ore di divertimento a patto che il vostro cervello non abbia bisogno di sfide che lo facciano davvero lavorare a pieno ritmo. Il pacchetto completo è più che riuscito, ma la corsa all'innovazione non matura certo con esperimenti del genere. Vero che ogni gioco non possa rappresentare un nuovo genere a sé, però i riferimenti a titoli già presenti sullo store sono anche troppo palesi, sin dall'impostazione della scelta dei livelli.


Sebbene quindi gradiamo la rifinitura di un tipo di puzzle game divertente, da una parte ci abbandoniamo allo sconforto dell'onda lunga che ogni gioco di successo lascia, creando un eco di cloni che, dando una spruzzatina qua e là, confezionano la loro creatura. Va da sé che finché le cifre d'acquisto rimangono queste, le lamentele in questa direzione potrebbero anche risultare eccessive, ma come detto in calce, chi siamo noi per pretendere sempre il meglio? Videogiocatori.

Hank Hazard Hank Hazard costa poco e offre tanto in termini di quantità e anche di qualità. Ciò in cui pecca è la mancanza di originalità e la bassissima difficoltà che solo molto avanti con i progressi rappresenterà una sfida sufficientemente degna. Se non avete grandi pretese e volete passare qualche ora di divertimento, prendetelo senza nessun dubbio.

7

Che voto dai a: Hank Hazard

Media Voto Utenti
Voti totali: 9
6.1
nd