Injustice 2 - Sub Zero Adesso online

Vi mostriamo in diretta il nuovo personaggio di Injustice 2!

Recensione La Scatola delle Fiabe

Il DSi Ware con l'illusione della tridimensionalità, si scontra con un sistema di controllo poco preciso

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • DS
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

La Scatola delle Fiabe è un rompicapo che può rientrare nel genere dei "trova-oggetti", una serie di titoli che richiedono colpo d'occhio per poter trovare alcuni oggetti abilmente camuffati all'interno di fondali di gioco. Il gioco però punta ad essere un titolo decisamente originale, grazie all'utilizzo della fotocamera interna presente in ogni Nintendo DSi, che renderà possibile cambiare la prospettiva dei livelli, per trovare lettere e sagome abilmente nascoste.

Colpo d'occhio

Grazie all'utilizzo della fotocamera interna del DSi, La Scatola delle Fiabe, ad inizio di ogni partita, registrerà la posizione della nostra testa rispetto al fondale alle nostre spalle, scattandoci una foto. Il software terrà in memoria questa posizione inziale, ed in ogni livello basterà inclinare il DSi per modificare l'inquadratura dello scenario tridimensionale. Il gioco si dipana in diversi stage. Il protagonista, un coniglio cantastorie, dovrà avanzare di livello in livello all'interno di una mappa di gioco. Per sbloccare nuovi stage, al giocatore verrà chiesto di collezionare le parole e di utilizzarle durante alcune brevi conversazioni con personaggi presenti nella mappa. In ogni livello ci verrà chiesto di scovare alcune lettere nascoste per formare una parola, e alcune sagome di personaggi e oggetti appartenenti alle fiabe classiche della letteratura. In uno stile simile ad un libro illustrato, le ambientazioni si gioco saranno composte da oggetti ed elementi vicini e lontani, che si muoveranno in prospettiva a seconda di come terremo in mano la console. Le silhouette di tutti questi elementi, se inquadrate dalla giusta prospettiva, formeranno gli oggetti e le lettere da trovare. Ad esempio, un groviglio di piante, con la giusta angolazione, rivelerà un spazio che avrà la forma della lettera "A", mentre un gruppo di nuvole, viste con la giusta prospettiva, prenderà le sembianze di una dama di corte. Attraverso l'uso della croce direzionale, muoveremo un mirino sullo schermo, e una volta posizionato sulla sagoma ricreata, dovremo premere il pulsante apposito per catturare l'oggetto scovato. Il livello sarà completato quando avremo ricomposto la parola richiesta, ma il gioco ci darà la possibilità di continuare a giocare lo stesso livello, per scoprire tutte le sagome delle fiabe presenti. Ad aiutare i giocatori con poco colpo d'occhio ci sarà un sistema di aiuti molto simile a quello visto all'interno dei titoli della serie del Professor Layton. Una certa quantità di monetine è presente all'interno di ogni stage. Una volta raccolte, queste monete potranno essere poi spese in un apposito menù che ci fornirà alcuni indizi per scoprire in quale luogo, con la giusta prospettiva, potremo trovare la sagoma richiesta.

Imprecisione e frustrazione

La scatola delle Fiabe sulla carta è un puzzle game di quelli che coinvolgono all'inverosimile il giocatore appassionato del genere. Il sistema di controllo è di sicuro l'aspetto più interessante della produzione pubblicata da Nintendo, ma purtroppo risulta essere anche il suo punto debole, dal momento che mina tutta la giocabilità del titolo. Nella pratica di ogni partita, il giocatore dovrà vedersela con la scarsissima precisione della fotocamera Nintendo DSi nel riconoscere l'esatta posizione del nostro volto. Il titolo sfrutta la differenza di contrasto di alcuni colori per determinare la posizione della nostra testa: ne consegue che una diversa illuminazione, oppure l'accostamento di colori troppo simili tra la nostra pelle e gli oggetti sul fondale, faranno impazzire letteralmente il sistema di comandi, il che renderà ingiocabile il DSiWare. Il giocatore dovrà fare una lunga ricerca prima di riuscire a trovare le condizioni di luce e di posizione adatte affinché sia possibile controllare la telecamera. Questo rende La Scatola delle Fiabe, per altro, un titolo giocabile esclusivamente all'interno delle quattro mura domestiche.
Tecnicamente il gioco risulta essere molto aggraziato nella scelta di utilizzare uno stile simile ai libri pop-up illustrati per bambini, con elementi animati all'interno di ogni livello. Anche le musiche risultano varie e piacevoli all'ascolto, totalmente in sintonia con lo spirito fiabesco di questo DSiWare.

La Scatola delle Fiabe La Scatola dei Fiabe poteva diventare uno dei titoli di punta della libreria DSiWare per Nintendo DSi. L'idea di utilizzare la fotocamera come sistema di controllo all'interno del gioco è molto originale, ed avrebbe potuto offrire un'esperienza di gioco intuitiva e appagante, affiancandosi ad una struttura ludica che richiede al giocatore di aguzzare vista ed ingegno nell'adempiere al suo compito. Purtroppo, il tutto viene rovinato dallo stesso sistema comandi, troppo impreciso e frustrante, non adatto a sessioni di gioco esterne, e che richiederà tanta pazienza nel ricercare le condizioni adatte affinché si riesca a gestire il riconoscimento del volto da parte della telecamera del Nintendo DSi.

6.5

Che voto dai a: La Scatola delle Fiabe

Media Voto Utenti
Voti totali: 23
5.7
nd