Recensione LEGO Dimensions

LEGO Dimensions arriva finalmente anche in Italia, pronto a sfidare gli altri videogiochi Toys-to-Life come Skylanders.

Versione analizzata: Playstation 4
recensione LEGO Dimensions
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Wii U
  • PS4
  • Xbox One

Se diamo uno sguardo all'evoluzione dei giochi LEGO sviluppati da TT Games, è facile notare come la crescita del brand sia stata estremamente lenta e, dato l'altissimo numero di titoli lanciati sul mercato ogni anno, trovare delle concrete differenze tra le produzioni è davvero complicato. Certo, grazie al numero impressionante di licenze potevamo vivere le avventure degli Avengers, del Signore degli Anelli o di altri eroi visti mille volte su carta e pellicola, ma quasi sempre mancava quello spunto originale nella sceneggiatura che riuscisse a sorprendere il giocatore. Ci si limitava insomma a ripercorrere un copione già scritto, infarcito di battute scontate che accontentavano unicamente un target molto giovane.L'arrivo di LEGO Dimensions sul mercato è stata la scintilla utile a riaccendere la fiamma degli appassionati: non solo perché finalmente il titolo porta una storia inedita, ma anche perché riunisce in un solo gioco una quantità mastodontica di brand e personaggi. Dopo un a lunga attesa, LEGO Dimensions è finalmente giunto anche in Italia, portandosi dietro oltre alle prime cinque ondate di pacchetti extra, anche un prezzo di lancio più basso rispetto al resto del mondo. Sarà valsa la pena attendere?

Mattoncino su mattoncino

Il fu Disney Infinity e Skylanders hanno indubbiamente aperto la strada a quelli che oggi vengono definiti "toy-to-life", quei videogiochi cioè che hanno una componente fisica con la quale i giocatori possono interagire anche nella realtà. Il concetto di LEGO Dimensions è identico a quello delle produzioni Disney e Activision e, grazie a un microchip posto sotto le minifigure e ad un portale connesso tramite USB alla nostra console, sarà possibile far comparire a schermo i giocattoli che possediamo fisicamente. Le due produzioni concorrenti però non avevano il know how di LEGO alle spalle, e il surplus di valore dato dalla collaborazione con la casa danese di mattoncini vale quasi da solo il prezzo del biglietto. Con LEGO Dimensions non avremo unicamente dei pupazzi immobili da posizionare sul portale: a corredo arrivano anche centinaia di mattoncini con cui costruirlo e tutta una serie di veicoli e strumenti da utilizzare all'interno del gioco.
Iniziare a giocare a LEGO Dimensions risulta però un processo lungo e tutt'altro che immediato: innanzitutto la grossa mole di aggiornamenti rilasciati negli scorsi mesi sul mercato mondiale ha fatto sì che le patch abbiano raggiunto oggi un peso di circa 10 GB, un'esagerazione se pensiamo che il pubblico a cui è destinato il titolo è comunque quello dei giovanissimi, e che l'attesa potrebbe risultare addirittura straziante una volta aperta la confezione. A patto di avere una buona, anzi ottima connessione, si può ingannare il tempo iniziando a costruire il portale che troveremo nella scatola. Le istruzioni sono chiare e l'assemblaggio risulta piuttosto semplice, senza finezze particolari o passaggi intricati. Con un po' di fortuna il tempo di aggiornamento corrisponde a quello del montaggio delle tre minifigure incluse e della struttura, tempo che risparmierete poi una volta lanciato il gioco.
Dopo la lunga fase preparatoria LEGO Dimensions finalmente comincia a mostrare le sue carte, con una storia completamente inedita, anche se non particolarmente originale. Una malvagia creatura sta raccogliendo dalle varie dimensioni degli universi LEGO alcuni elementi di fondamentale importanza per governare l'umanità. Da Gotham viene rapito Robin e dalle miniere di Moria, proprio durante il combattimento con il Balrog, il piccolo Frodo fa la stessa fine insieme all'Unico Anello. Tutti gli eroi LEGO che abbiamo imparato ad amare nel corso degli anni si trovano così costretti ad unire le forze per rimettere le cose in ordine, saltando da un portale all'altro e trovandosi ad affrontare enigmi e baruffe. Incredibilmente la fusione dei vari universi funziona alla perfezione e gran parte del merito va sopratutto alla sceneggiatura.

Batman si prende così gioco dello Spaventapasseri del regno di Oz, scambiandolo per Jonathan Crane, mentre Gandalf proprio non riesce a prendere sul serio il suo nuovo amico in tutina e mantello. Ci sono scambi di battute continui, divertenti e decisamente più maturi che in passato, e lo script punta tantissimo sull'ironia più che sulle risate da "slapstick", che comunque non mancano in alcuni frangenti. A svolgere il ruolo del leone è il doppiaggio, di altissimo livello, che pur non riuscendo a raggiungere quello originale come qualità, con le battute estrapolate direttamente dai film di riferimento si difende in maniera egregia, anche grazie a molte delle voci originali e dei doppiatori italiani di riferimento.

Ode agli anni '80

Sebbene il target sia giovane è indubbio che questo particolare prodotto strizzi l'occhio ad un pubblico molto più eterogeneo e, in particolare, agli amanti della cultura pop degli anni '80. Personaggi del calibro dei Ghostbusters, Doctor Who, di David Hasseloff, di Doc e Marty di Ritorno al Futuro sono tutti presenti, rimodellati ovviamente come minifigure LEGO. Ne abbiamo citati solo alcuni, e guardando il catalogo delle espansioni disponibili ci si accorge come la varietà offerta sia elevatissima. Oltre ai protagonisti dei film troviamo anche gli amati Simpson o i LEGO Chima, anch'essi venduti a parte, e persino licenez prese di peso da altri videogiochi, come i titoli Midway del passato o Portal 2.

Per portarsi a casa uno di questi personaggi dovrete però essere disposti ad aprire il portafoglio e sborsare fior di quattrini. Le espansioni che è possibile acquistare si differenziano in Fun Pack (un solo personaggio e un veicolo), Team Pack (due personaggi e un veicolo) e Level Pack (oltre a personaggio e veicolo troverete anche un livello extra da sbloccare). I prezzi, come dicevamo, sono piuttosto alti e vanno dai 14 euro per il pacchetto più contenuto ai 30 per il Level Pack: non proprio abbordabili se pensiamo a quanti di questi pacchetti sono al momento disponibili nei negozi. La domanda però che ci siamo posti è quanto i pack aggiuntivi siano in realtà indispensabili per godersi il gioco, e la risposta è stata meno scontata del previsto. L'intera avventura può essere infatti completata al 100% utilizzando solo Gandalf, Batman e Wyldstyle, tutti e tre presenti nella confezione base: una strategia diciamo "virtuosa", sicuramente più rispettosa dell'utente finale rispetto a quella di Skylanders, che spesso e volentieri spinge i giocatori ad acquistare statuette extra per facilitare la progressione.
Se avete già giocato a un titolo LEGO in precedenza, sapete già esattamente cosa aspettarvi dal gameplay. Dovrete saltare da un personaggio all'altro per superare le varie situazioni che vi vengono di volta in volta proposte, fra scazzottate e semplici enigmi da risolvere interagendo con gli elementi dello scenario. Bisogna usare i vari personaggi per rompere i mattoncini dorati o per compiere altre azioni non comuni, ma nel caso in cui non vogliate spendere euro per procurarveli dai vari pack aggiuntivi potrete semplicemente noleggiarli direttamente in gioco e sfruttarli per una manciata di secondi. Il gioco è leggermente più difficile, sia come puzzle che come combattimenti, della media dei giochi LEGO a cui siamo abituati, ma nulla che si possa classificare come frustrante o impossibile da portare a termine. Ad aggiungersi alle consuete meccaniche ci si mette poi la base del portale, che ora potrà essere usata come teletrasporto, per far raggiungere ai nostri eroi posizioni diverse attraverso dei varchi spazio-temporali: una trovata interessante per mantenere viva l'interazione con i giocattoli veri e propri e rimarcare uno dei punti di forza della produzione.

Un bel colpo d'occhio

Ci siamo innamorati di questo LEGO Dimensions non appena abbiamo iniziato a giocare. Le animazioni di ogni singolo personaggio sono curate nei minimi dettagli, così come le loro abilità speciali. E' interessante vedere come questo enorme cestone dei giochi riesca a contenere al suo interno non solo una storia coesa e "credibile", ma anche universi così differenti amalgamati alla perfezione tra di loro. Non dimentichiamoci infatti che oltre ai livelli singoli, ogni ambientazione avrà la propria sezione open world dedicata, con tanto di mattoncini da raccogliere e quest secondarie da completare.

La nuova produzione Warner è insomma il gioco definitivo sui LEGO, un titolo che gli amanti dei mattoncini e gli appassionati delle loro controparti virtuali non dovrebbero lasciarsi scappare per nessun motivo al mondo. Viene però da chiedersi a questo punto che bisogno ci sarà in futuro di sviluppare altri titoli dedicati, piuttosto che continuare ad espandere l'universo di LEGO Dimension: una questione che dovremo sicuramente affrontare con l'arrivo del prossimo titolo stand alone LEGO. Per ora però preferiamo non pensarci e dedicarci esclusivamente a sconfiggere Lord Vortech e tutti i cattivi degli universi coinvolti. Un'avventura così non ricapiterà molto presto.

LEGO Dimensions LEGO Dimensions è senza dubbio il toy to life più interessante sul mercato. Finalmente abbiamo un portale che è parte integrante del gioco e non serve solo a risolvere enigmi, o a virtualizzare fino a sette minifigure contemporaneamente: ci si può persino giocare fisicamente, montandolo e modificandolo a piacimento. LEGO e Traveller’s Tales hanno insomma fatto un centro perfetto e, nonostante una telecamera a volte un po’ ballerina, non ci sono poi molti altri grossi problemi da segnalare. Certo, per avere tutta la collezione e tutti i personaggi dovrete sborsare uno stipendio intero, ma è una scelta completamente facoltativa e mitigata dalla possibilità di noleggiare specifici eroi per qualche secondo di gioco: giusto il tempo di completare un enigma e proseguire nella storia. Se amate i LEGO games, questo è il titolo che domani dovrete avere accanto alla vostra console.

8.5

Che voto dai a: LEGO Dimensions

Media Voto Utenti
Voti totali: 11
8.1
nd