ARMS Global Testpunch Oggi alle ore 14:00

Giochiamo in diretta con la beta del picchiaduro Nintendo!

Recensione LEGO Marvel Avengers

Arriva una produzione celebrativa che ripercorre le gesta degli Avengers, con l'humor ed il citazionismo tipici delle produzioni LEGO.

LEGO Marvel Avengers

Videorecensione
LEGO Marvel Avengers
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • 3DS
  • PSVita
  • Wii U
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Lorenzo Morlunghi Lorenzo Morlunghi gioca ormai da oltre 20 anni a quasi tutto e adora parlare di videogiochi e farci video sopra, soprattutto per ridere. Nel tempo libero guarda anche film e legge qualche fumetto, ascoltando per lo più musica elettronica. Lo trovate su Facebook.

Mancano pochi mesi all'arrivo nei cinema di Captain America: Civil War, film che aprirà in pompa magna la tanto attesa Fase 3 dell'Universo Cinematografico Marvel, e i fedeli appassionati della Casa delle Idee non possono nascondere quanto sia straziante l'attesa di ogni nuovo tassello che ci avvicini alla venuta del folle Thanos. Quasi a tirare le fila di quanto visto sinora arriva Lego Marvel Avengers, ultima incarnazione videoludica dei mattoncini danesi, che ormai rileggono da alcuni anni molte delle saghe più famose tra cinema e fumetti. La nostra voglia di salvare il mondo dalle invasioni di Loki e Ultron ha preso dunque il sopravvento, consentendoci di riunire la squadra e dimostrando, ancora una volta, chi siano gli eroi più potenti della terra.

Siete nati per essere dominati

La storia-cardine attorno cui ruota il titolo riguarda, com'era prevedibile, le trame di The Avengers e del suo sequel, Age of Ultron: i film sono stati ricostruiti integralmente e, dobbiamo ammetterlo, in maniera piuttosto completa e fedele. Va chiarito fin da subito l'intento profondamente citazionistico della produzione, che è studiata ad hoc non tanto per "raccontare" qualcosa di nuovo, quanto per far riemergere le stesse emozioni provate al momento della visione dei film originali. La progressione è quindi infarcita di rimandi (più o meno nascosti), in modo da soddisfare più che ampiamente i fan sfegatati. Nonostante il look "plasticoso" di ambienti e personaggi, è impossibile non cogliere istantaneamente in quale sezione del film ci troviamo, grazie ad un lavoro di regia e inquadrature che imita, in alcuni casi alla perfezione, quanto si può vedere nelle pellicole. Questo aspetto emerge con ancor più veemenza nelle scene d'intermezzo, che spesso impressionano in quanto a ritmi e fedeltà, riuscendo a coinvolgere quasi al punto di far dimenticare al giocatore di essere di fronte ad ambienti ricostruiti con mattoncini colorati. Ci riportano alla realtà, di contro, gli spunti comici che sono stati inseriti nella trama per addolcirla e renderla più adatta a un pubblico di giovanissimi. Questi innesti dall'ironia abbastanza spicciola potrebbero spezzare un po' il ritmo ai "puristi" della saga, ma è un prezzo tutto sommato accettabile per una campagna longeva e appassionante, anche se non particolarmente innovativa.
Chiunque abbia provato uno qualsiasi degli altri titoli Lego, del resto, saprà benissimo quale tipo di gameplay caratterizza queste produzioni, che richiedono un po' di impegno non tanto per la complessità delle fasi deplorazione o per i combattimenti, quanto per il recupero di tutti i segreti e degli innumerevoli collectible. Nonostante un roster spaventoso di oltre 100 tra nuovi e vecchi eroi, il combattimento prevede la pressione di un singolo tasto con cui colpire i nemici e, al di là di qualche eccezione, tra i protagonisti difficilmente si notano differenze che non siano puramente estetiche. Novità interessante è la possibilità di combinare gli attacchi dei nostri personaggi, che si esibiranno in coreografie più o meno spettacolari strizzando l'occhio ad alcune mosse già viste nei film (come ad esempio il raggio di Iron Man che riflette sullo scudo di Captain America).

Queste "special" tornano utili in misura maggiore in certi livelli particolarmente densi, dai quali è possibile uscire vivi solo sfruttando a dovere le sinergie dei nostri eroi. Completano l'offerta di gameplay gli immancabili enigmi a base di costruzioni, grazie ai quali è possibile interagire con l'ambiente circostante e aprirsi la strada verso nuove aree, con un'interessante variante che riguarda la collaborazione con gli altri membri del party. Non capita infatti di rado che si debbano attivare due pulsanti contemporaneamente o che un personaggio gestisca delle leve mentre l'altro si arrampica sfruttando degli appigli improvvisati: un'aggiunta che rende la progressione sicuramente meno scontata e lineare.
Di tutt'altra pasta invece i livelli free roaming, che ritornano in Lego Marvel Avengers per offrire l'opportunità di collaborare con alcuni sideckick, raccogliere un po' di collezionabili o, perché no, fare una rilassante pausa tra una main quest e l'altra. Queste aree, particolarmente ampie e dense, purtroppo non sempre brillano per originalità e, almeno quelle da attraversare obbligatoriamente, costituiscono uno spunto interessante solo per chi sia davvero intenzionato a terminare il titolo al 100%. Un'impresa questa che potrebbe portare via ben più tempo delle 6-8 ore necessarie a raggiungere i secondi titoli di coda, dopo i quali è comunque possibile affrontare le 3 mini-campagne aggiuntive dedicate a Iron Man 3, Thor: The Dark World e Captain America: The Winter Soldier.

Queste ultime, che potevano ampliare concretamente un gioco di suo non particolarmente longevo, hanno invece una mera funzione di riempitivo, proponendo 3 aree significative da ogni film, intramezzate da una voce narrante che racconta gli eventi dei lungometraggi. Una soluzione che a tutti gli effetti ci è parsa sbrigativa e più funzionale a inserire nominalmente un maggior numero di film affrontabili nel titolo, che non a voler realmente estendere l'offerta e le ore di gioco. Sorprendono invece le aree esplorabili legate a tali capitoli aggiuntivi, in particolare quelle di Malibu e Asgard, che colpiscono per la ricchezza degli ambienti e la fedeltà con cui sono stati ricostruite, rendendole dei veri e propri gioiellini per i fan più accaniti.

Fili avevo e or non più

Vedere in azione Lego Marvel Avengers è un piacere per gli occhi praticamente dall'inizio alla fine, grazie ad una cura tecnica sopra la norma. La versione da noi testata è stata quella Playstation4, e non ha presentato alcun tipo di esitazione anche nei momenti più concitati, pur non rinunciando a una mole di elementi a schermo di tutto rispetto. Colpiscono in particolar modo gli ambienti, ricostruiti con dovizia di particolari e generalmente senza alcun tipo di compromesso. Alcuni primi piani tradiscono una definizione di ombre e texture non proprio eccellente, ma, essendo di fronte a mattoncini monocromatici, il risultato finale è decisamente buono, come del resto quello delle animazioni, sempre pertinenti allo stile dell'eroe rappresentato e a quanto ha avuto modo di mostrare nei film originali. Come già accennato sopra, ottima anche la direzione delle scene d'intermezzo, che risultano godibili e fedeli alle loro controparti cinematografiche anche in presenza di "libertà artistiche" dovute al target di riferimento del titolo.
Un discorso a parte merita invece la componente sonora, che presenta picchi di qualità, ma con un andamento altalenante per tutto il corso dell'avventura, a causa di alcune sviste che smorzano i toni di alcune sequenze. La colonna sonora infatti è quella originale dei due film, ma in alcuni casi le musiche non sono state inserite nella scena corretta, dando luogo a qualche ambiguità riguardo il tono e l'atmosfera della sezione corrente. Per fare un esempio lampante, il tema Avengers Assemble parte nell'esatto istante in cui ha inizio la guerra di New York, quando ancora non è nemmeno arrivato il resto della squadra. Il titolo è stato inoltre tradotto completamente in italiano, ma anche in questo caso il risultato finale è mediocre, poiché solo alcune delle voci hanno mantenuto la controparte originale del film, mentre tutte le altre presentano un doppiaggio alternativo che mal si amalgama con le prime. Ottimo invece il lavoro sulla versione inglese, che offre in forma integrale e originale i dialoghi delle pellicole.

LEGO Marvel Avengers Lego Marvel Avengers è un classico titolo Lego, citazionistico e leggero, ma godibile, longevo e interessante dall'inizio alla fine. Un titolo che, nell'immobilismo ormai caratteristico della saga, centra l'obiettivo grazie alle mosse combinate, all'ampia scelta di personaggi ed al free roaming: tutti elementi in grado di tenere incollati gli appassionati per ore e ore. Con un'attenzione maggiore ad alcuni aspetti tecnici e all'approfondimento degli altri film della Fase 2 saremmo stati di fronte a un piccolo capolavoro, ma, al di là di questo, Lego Marvel Avengers si è comunque rivelato più che valido in ogni aspetto, diventando un must-buy per chiunque sia un fan accanito delle avventure di Tony Stark e soci.

7.5

Che voto dai a: LEGO Marvel Avengers

Media Voto Utenti
Voti totali: 6
8.3
nd