Everyeye Late Show Adesso online

Seconda puntata del live show con Francesco Serino!

Recensione Lego Rock Band

RockBand incontra i mattoncini più famosi del mondo

Versione analizzata: Xbox 360
recensione Lego Rock Band
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • DS
  • Xbox 360
  • Wii
  • Ps3

La battaglia fra Guitar Hero e Rockband continua a infuriare, dopo le uscite prenatalizie di Dj Hero, Rockband Beatles e Guitar Hero 5, iniziano ad arrivare sugli scaffali le nuove espansioni e vari spin off, dedicati alle console portatili o a particolari gruppi e generi musicali. Questo Lego Rockband rappresenta un tentativo interessante di avvicinare una tipologia di gioco complessa come quella dei rythm game moderni al pubblico più giovane, grazie al lavoro dei Traveller's Tale (già dietro a tutta la serie di giochi Lego, da Star Wars in poi, uscita negli ultimi anni) che coniuga l'ironia dei mattoncini, con le leggende dell'Hard Rock.

Il gameplay di Lego Rockband non si discosta per nulla da quello dei suoi fratelli maggiori, abbiamo le solite cascate di note e la possibilità di usare tre strumenti musicali (batteria, chitarra e basso) insieme a tre microfoni, uno per il solista e due per i coristi, secondo il metodo inaugurato con Rockband: The Beatles. Come accade in Band Hero, la versione pop di Guitar Hero (recensita qui), anche in questo gioco gli sviluppatori hanno riposto una gran cura nel gioco "sociale", magari anche con persone che non hanno mai preso in mano una Fender di plastica. Oltre all'aggiunta della modalità Ultra Easy, dove basta premere un tasto (o dare una pennata, o colpire un piatto) a tempo per poter finire le canzoni, si può giocare la parte per batteria senza l'uso del pedale, così da permettere anche ai più piccoli (che non arrivano a terra con i piedi) di prendere parte alla band. Inoltre è pressoché impossibile fare game over, anche se uno dei partecipanti alla partita sbaglia tutte le note, perché in luogo delle classiche barre di "energia", avremo un punteggio che, ad ogni errore tenderà a diminuire ma, essendo questo complessivo per tutti i giocatori, basterà che uno solo non faccia troppi errori per trascinare tutto il gruppo fino al brano successivo. Infine, sempre per rendere Rockband ancora più immediato, sono state inserite per alcune canzoni le varianti "radio edit", con le intro tagliate, in modo da permettere a chi lo desidera di passare direttamente alle sequenze più impegnative e gratificanti. Per quanto riguarda la modalità carriera, qui rinominata Storia, seguiremo le avventure di una band, naturalmente tutta in Lego style, dagli esordi nei centri commerciali fino ai megaconcerti con milioni di fan, effetti speciali e scenografie da kolossal. Naturalmente dopo aver completato ogni capitolo del gioco, in base alla qualità delle nostre performance, saremo ripagati con un quantitativo variabile di mattoncini lego, spendibili in un negozio virtuale dove troveremo nuovi avatar (fra cui i pupazzetti di alcune leggende del rock, come Ozzie Osbourne, i Kiss e tanti altri), strumenti e amenità di ogni tipo, per personalizzare ancora di più la nostra band.

Dal punto di vista prettamente musicale si nota come la tracklist, pur vantando alcuni pezzi duri e puri, come Fire di Jimi Hendrix o una canzone di Iggy Pop, sia decisamente più votata al pop e al glam rock degli anni '90, con David Bowie, i Police, Bon Jovi e alcune incursioni nel commerciale più spinto, dalla Pink di So What ai Boys Like Girls. Immancabili ovviamente un paio di classici che più classici non si può, come due brani dei Queen, gli Europe e, addirittura, I want you Back dei Jackson 5. I rockkettari duri e puri, dunque sono avvisati, Lego Rockband spinge molto l'accelleratore sul pop, arrivando addirittura a includere brani dai suoni quasi Emo che, per motivi anagrafici, non possono piacere a chiunque abbia più di diciassette anni.
A questo punto ha senso chiedersi se non avesse avuto più senso proporre questo gioco come DLC, magari dando la possibilità di scaricare le varie canzoni a pacchetti da due o tre, divise per genere o annata, l'acquisto a prezzo pieno è un azzardo non da poco, chi non ha mai giocato a un bemani di certo troverà molta più soddisfazione in Rockband: The Beatles o in Guitar Hero 5, mentre chi ha già a disposizione tutte le periferiche potrebbe non essere interessato a buona parte delle canzoni disponibili. Band Hero, nonostante presenti uno stile molto simile, ha una tracklist decisamente più equilibrata, basata sui grandi successi pop degli anni '90 che evita intelligentemente incursioni troppo moderne. Infine resta sempre l'interrogativo: Lego Rockband, non prevedendo alcun bundle, è pensato per chi ha già il set di strumenti, ma posto di averlo già, significa che i gusti di chi l'ha acquistato vanno più verso il rock, per cui, che senso ha comprare un gioco con come brano di punta un pezzo di Pink? Il nostro consiglio è di consultare bene la tracklist e decidere con molta attenzione se il prezzo vale le canzoni proposte. Ricordando che spendendo molto meno ormai si trovano Rockband 1&2, così come i vecchi Guitar Hero, tutti perfettamente compatibili con le periferiche attuali e dotati di brani di ben altro spessore.

Nella pagina successiva trovate la tracklist completa di Lego Rockband

Tracklist

  • All American Rejects, "Swing, Swing"
  • The Automatic, "Monster"
  • Blink-182, "Aliens Exist"
  • Blur, "Song 2"
  • Bon Jovi, "You Give Love a Bad Name"
  • Boys like Girls, "Thunder"
  • Bryan Adams, "Summer of 69"
  • Carl Douglas, "Kung Fu Fighting"
  • The Coral, "Dreaming of You"
  • Counting Crows, "Accidentally in Love"
  • David Bowie, "Let's Dance"
  • Elton John, "Crocodile Rock"
  • Europe, "The Final Countdown"
  • Everlife, "Real Wild Child"
  • Foo Fighters, "Breakout"
  • Good Charlotte, "Girls & Boys"
  • The Hives, "Tick Tick Boom!"
  • Iggy Pop, "The Passenger"
  • Incubus, "Dig"
  • Jackson 5, "I Want You Back"
  • Jimi Hendrix, "Fire"
  • Kaiser Chiefs, "Ruby"
  • Katrina & The Waves, "Walking on Sunshine"
  • The Kooks, "Naïve"
  • KoRn, "Word Up!"
  • KT Tunstall, "Suddenly I See"
  • Lostprophets, "Rooftops"
  • P!NK, "So What"
  • The Police, "Every Little Thing She Does Is Magic"
  • The Primitives, "Crash"
  • Queen, "We Are The Champions"
  • Queen, "We Will Rock You"
  • Rascal Flatts, "Life is a Highway"
  • Ray Parker Jr., "Ghostbusters"
  • Razorlight, "Stumble and Fall"
  • Spin Doctors, "Two Princes"
  • Spinal Tap, "Short & Sweet"
  • Steve Harly, "Make Me Smile"
  • Sum 41, "In Too Deep"
  • Supergrass, "Grace"
  • Tom Petty, "Free Fallin"
  • T-Rex, "Ride a White Swan"
  • Vampire Weekend, "A-Punk"
  • We the Kings, "Check Yes Juliet"
  • The Zutons, "Valerie"

Lego Rock Band Lego Rockband è un gioco accattivante: la simpatia innata del design lego, unita alle nuove modalità di gioco va certamente premiata. Tuttavia una tracklist senza mordente e troppo riversa sulla contemporaneità mina alle fondamenta l’operazione, rendendo il gioco un acquisto non necessario, almeno a prezzo pieno, soprattutto dopo aver visto cosa offre la concorrenza con Band Hero.

6

Che voto dai a: Lego Rock Band

Media Voto Utenti
Voti totali: 97
6.1
nd