Overwatch - Orisa Oggi alle ore 17:00

Giochiamo in diretta con il nuovo eroe di Overwatch!

Recensione LEGO Star Wars: Il Risveglio della Forza

Torna il brand LEGO con Star Wars Il Risveglio Della Forza. Saranno riusciti gli sviluppatori di TT Games a proporre qualcosa di nuovo per la serie?

Versione analizzata: Xbox One
recensione LEGO Star Wars: Il Risveglio della Forza
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • 3DS
  • PSVita
  • Wii U
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One

Diventa sempre più difficile scrivere una recensione sui giochi LEGO. Un po' perché i titoli TT Games hanno iniziato ad uscire con una frequenza quasi allarmante, e un po' perché le novità vanno ormai cercate con la lente di ingrandimento. Ci siamo avvicinati quindi a questo LEGO Star Wars Il Risveglio Della Forza in punta di piedi, quasi impauriti nel doverci sorbire l'ennesima campagna identica alle mille altre iterazioni passate; ma qualcosa, per fortuna, è riuscito a farci cambiare idea. Gli sviluppatori hanno cercato questa volta di fare uno sforzo creativo maggiore, che si è tradotto sin dai primissimi istanti in situazioni inedite per il brand. Per tutta la durata dell'avventura abbiamo trovato piccoli tocchi di genio, livelli originali e meccaniche completamente nuove, nonostante la classica impronta dei titoli LEGO resti a farne da sfondo. Vediamo insieme perché questo LEGO Star Wars potrebbe allora segnare un nuovo inizio per la serie a marchio Warner Bros.

Tutto riparte da qui

A differenza dell'ultimo Marvel Avengers, LEGO Star Wars Il Risveglio Della Forza prende ispirazione esclusivamente dal film omonimo, ripercorrendo in maniera estremamente lineare tutte le scene più importanti della pellicola, riportandole a schermo con il solito umorismo della serie. Aspettatevi quindi di vedere Blaster sostituiti improvvisamente da banane, galline spaziali che infastidiranno i protagonisti e i consueti cammeo capaci come sempre di strappare un sorriso. Il target è ovviamente quello dei giocatori più giovani ma questa volta, anche per gli adulti, le cose si fanno interessanti.

TT Games ha infatti aggiunto alla storyline una buona quantità di missioni secondarie inedite che vanno a svelare alcuni retroscena dei personaggi davvero interessanti. Senza entrare troppo nel dettaglio per non rovinarvi la sorpresa sappiate che potrete vestire i panni di Poe Dameron durante il salvataggio dell'ammiraglio Ackbar o ancora guidare Han Solo e Chewbacca nella caccia ai temutissimi Rathar, scoprendo così delle trame secondarie canon solo accennate nel film. È possibile sbloccare questi livelli raccogliendo i vari mattoncini dorati nascosti, un processo forse troppo lungo e impegnativo per il pubblico più giovane e che spesso richiederà una seconda run della campagna per raccoglierne un numero sufficiente. La prima missione, quella di Poe ad esempio, è ottenibile con una decina di mattoncini ma quelle avanzate possono richiedervene oltre sessanta. Questi mattoncini si ottengono come al solito completando i livelli al 100% o portando a termine con successo le sfide, i mini giochi e le gare sbloccabili negli hub a nostra disposizione. Come da tradizione, oltre che ai livelli normali della campagna, potremo poi atterrare sui vari pianeti e gironzolare liberamente nelle varie location di gioco, acquistando personaggi extra e scoprendo decine di attività collaterali. Il monte di ore di gioco in questo modo è quantificabile intorno alla ventina di ore almeno, di cui le prime otto le passerete durante la campagna, che , tra le altre cose, potrà come sempre essere giocata completamente in co-op. Sono più di duecento i personaggi aggiunti questa volta ma non emergono poteri nuovi o particolarmente originali. C'è chi è in grado di usare forza o spade laser, ci sono i classici rampini o chi può interagire con i terminali elettronici ma nulla che faccia gridare al miracolo per l'originalità. Da questo punto di vista, se siete fan della serie LEGO, o se avete anche solo giocato uno dei titoli recenti, sapete già esattamente cosa aspettarvi da queste abilità, così come dalla difficoltà nella risoluzione degli enigmi che il gioco vi chiederà di superare. Non c'è nulla di particolarmente complesso o frustrante, spesso con indicazioni chiare addirittura su quale personaggio usare per superare un determinato ostacolo, tutto sviluppato chiaramente per un target molto giovane. Si mantengono sulla stessa linea anche i combattimenti, con le penalità per la morte praticamente nulle e la possibilità di far fuori i vostri nemici semplicemente schiacciando come pazzi sul pulsante di attacco. A mischiare un po' le carte in tavola ci pensano le battaglie con i boss di fine livello, divertenti anche se non particolarmente originali.

Nuove meccaniche, vi aspettavamo

Ci sono però alcune meccaniche che arrivano come un fulmine a ciel sereno a rischiarare una produzione che altrimenti non sarebbe riuscita ad elevarsi al di sopra dei canonici cliché a cui siamo abituati. La prima innovazione, e quella più importante, è l'inserimento di alcune sezioni in cui LEGO il Risveglio della Forza si trasforma in uno sparatutto in terza persona, con tanto di mira manuale e coperture dietro le quali ripararsi. Queste sezioni spezzano la noia e sono realizzate con estrema cura, tanto da risultare una delle parti più divertenti del gioco.

Ancora una volta, con un piccolo sforzo in più, si sarebbe potuto fare decisamente meglio, magari togliendo quel fastidioso autoaim non appena si esce dai ripari che facilita, in maniera a volte eccessiva, tutti gli scontri. È un'idea però che abbiamo apprezzato, al pari delle numerosissime battaglie spaziali a bordo di Ala X o Millenium Falcon, in sezioni particolarmente veloci che faranno rivivere i combattimenti più adrenalinici visti nel film. Aspettatevi di Assaltare con il vostro squadrone la base Starkiller o di dover difendere dall'attacco del primo ordine il pianeta Takodana tra mosse acrobatiche ed esplosioni, non sempre bellissime a dire il vero. Dal punto di vista tecnico, infatti, LEGO Star Wars Il Risveglio Della Forza mostra qualche lacuna, soprattutto sugli effetti grafici. I personaggi e le texture invece sono particolarmente apprezzabili, così come le animazioni e il sonoro, davvero eccellenti. Per avere una resa il più fedele possibile al film, inoltre, i dialoghi sono stati presi direttamente dalla pellicola e quindi questa volta avremo addirittura le voci originali dei protagonisti a fare da contorno all'avventura. Chiudiamo questa recensione segnalandovi che anche la raccolta dei bottoncini, indispensabili per racimolare in fretta crediti necessari per acquistare potenziamenti e nuovi personaggi, è stata enormemente facilitata rispetto al passato, con un mini gioco sul Millenium Falcon che vi permetterà di fare milioni di crediti in una manciata di minuti, uno stimolo più che sufficiente a farvi spendere qualche altra ora sul titolo, cercando di raggiungere il completamente massimo senza alcuna frustrazione.

LEGO Star Wars: Il Risveglio della Forza LEGO Star Wars Il Risveglio Della Forza è uno dei migliori giochi LEGO apparso negli ultimi anni. Il titolo porta in dote alcuni livelli extra estremamente interessanti per gli amanti della storia e mette in mostra alcune trovate divertenti in grado di variare la formula di gioco, seppur in maniera marginale. Ottimo il sonoro e la durata complessiva della campagna, graziata da una rigiocabilità elevata, legata al numero consistente di segreti ed alla presenza di oltre duecento personaggi da sbloccare. Molto probabilmente Warner avrebbe potuto evitare, almeno qui, il season pass, che risulta davvero superfluo. Se siete a digiuno da un po' dal brand LEGO questo è il titolo migliore con cui ricominciare.

7.5

Che voto dai a: LEGO Star Wars: Il Risveglio della Forza

Media Voto Utenti
Voti totali: 7
8.3
nd