Recensione Lucha Fury

La lotta libera messicana si scatena sul Live Arcade!

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
Marcello Marcello "Pavo" Paolillo è videogiocatore da sempre, e da anni critico del settore; ha scritto e scrive attualmente su diverse testate online dedicate ai videogames e al cinema, passando anche per i fumetti. Pavo non è il suo nome anagrafico; ma è sicuramente il suo nome vero. Lo trovate su Facebook e Twitter.

Introduzione

Avete presente i Luchadores? Sono quegli strambi lottatori che indossano una colorita maschera sul volto per camuffare la loro vera identità. Come dite? Non sapete di cosa stiamo parlando? Vi rinfreschiamo subito la memoria: la ‘Lucha Libre’ è una forma di lotta libera, nata in Messico nei lontani anni ’30. Molto versatile e basata quasi completamente sulle evoluzioni aeree, la ‘Lucha’ è sensibilmente diversa dal ben noto Wrestling (sebbene ne condivida gran parte del regolamento): prese aeree, evoluzioni straordinarie e mosse che vanno contro la forza di gravità, con in più una notevole dose di bizzarria che non guasta mai. Ma non solo: nella Lucha Libre sono inoltre molto diffusi i match che vedono ben tre wrestler affrontarne altri tre, in scontri chiamati trios. Vi immaginate cosa potrebbe venirne fuori se si decidesse di portare questo genere di folkloristiche competizioni in un videogame? Ebbene, detto fatto.

Lucha-Wars

La risposta a questa domanda ce la da il team di sviluppo Punchers Impact (autori del recente Crasher uscito diverso tempo fa in esclusiva PC), che con Lucha Fury ha deciso di portare su console HD tutta la frenesia dei combattimenti tra Luchadores. Il pretesto che fa da sfondo alle nostre rissose scorribande è quanto di più fuori di testa si poteva concepire: la scorta di Energy Drink dei Luchadores del paese sembra essersi esaurita. Ma non è tutto: sembra che dietro al nefasto avvenimento vi sia nientemeno che una cospirazione mondiale ed ovviamente, starà al nostro wrestler Lucha preferito trovare i responsabili. Una trama (se così si può definire) più bizzarra che mai.
Il gioco ci darà da subito la possibilità di combattere in tre aree diverse (dotate di una modalità notturna ciascuna): Asia, New York e (poco sorprendentemente) Messico. La prima cosa che salterà all’occhio è il divertente stile caricaturale con cui sono rappresentati i nostri lottatori mascherati (avete presente le serie animate di Cartoon Network?): colori sgargianti, animazioni inverosimili ed espressioni buffe a non finire. Anche i simpatici motivetti musicali che ci accompagneranno nelle nostre scorribande lasciano intuire la poca serietà dell’intera produzione, chiaramente incentrata sulla spensieratezza più totale (dimenticate quindi la serietà di beat ‘em up analoghi).

Lucha Fight

La meccanica di combattimento di Lucha Fury è molto semplicistica ma decisamente funzionale al contesto: tre pulsanti a disposizione, uno per saltare, uno per tirare pugni ed uno ovviamente per i calci. Nuove mosse potranno essere effettuate unendo i vari colpi, dando così il via a brevi ma risolutive combo. Ma non solo: essendo i nostri Luchadores dei veri professionisti (?), avremo a disposizione anche alcune mosse speciali leggermente più complesse da effettuare. Difatti, per scatenare tutta la nostra furia messicana, dovremo adoperare anche i grilletti del pad e l’aiuto di un vostro compagno. Ciliegina sulla torta, potremo prendere anche alcuni oggetti dello scenario per poi scagliarli sui nostri malcapitati avversari (come ad esempio, alcuni barili altamente esplosivi).
Ma attenzione: non si tratta solo di menare le mani. Talvolta, difatti, alcune brevi sezioni platform interverranno a spezzare la monotonia dell’azione, compresi alcuni scontri contro i coriacei boss di fine livello (tra cui ne segnaliamo uno che strizza palesemente l’occhio al celebre Donkey Kong). Tra i bonus, nuovi personaggi sbloccabili, nuovi costumi per i nostri wrestlers e poco altro ancora.
Ma, come accennato poche righe più in alto, Lucha Fury sprigiona tutto il proprio potenziale ludico quando decideremo di farci accompagnare da un gruppetto di altri giocatori, visto che il titolo Punchers Impact ci darà modo di affrontare la nostra avventura fino ad un massimo di quattro giocatori in cooperativa, sia online che in rete locale. Ed è proprio in virtù di questa modalità, che resistere alla tentazione di schiaffeggiare nugoli di Luchadores alle prime armi sarà pressoché impossibile.

Lucha Fury In definitiva, Lucha Fury è un titolo decisamente divertente, che sprigiona tutto il suo potenziale se ci si ritrova in compagnia dei propri amici: una grafica frizzante dallo spiccato accento fumettistico, un sistema di controllo decisamente intuitivo ed una modesta serie di opzioni di gioco (sia online che offline), rendono il titolo Punchers Impact un buon passatempo, chiaramente incentrato sul comparto multigiocatore, disponibile da ora sul catalogo Xbox Live Arcade (800 Microsoft Points) e PlayStation Network. Ma prima, diamoci dentro con una buona dose di tacos, burritos e tortillas. Pensate sia una cattiva idea?

7

Che voto dai a: Lucha Fury

Media Voto Utenti
Voti totali: 26
5.8
nd