Crash Bandicoot Trilogy Adesso online

Giochiamo in diretta la prima trilogia di Crash Bandicoot!

Recensione Mega Man Legacy Collection

Una collection con i primi sei episodi di Megaman (usciti tra il 1987 e il 1995) in pixel perfect, per scoprire e riscoprire un mito capace ancora oggi di insegnare game design all'intera industria.

Versione analizzata: Playstation 4
recensione Mega Man Legacy Collection
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • 3DS
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Francesco Serino Francesco Serino ha videogiocato tanto e a tutto, posseduto due diversi Tamagotchi e abbandonato un Furby in autostrada. Mentre cresceva i pixel rimpicciolivano, mentre leggeva ha iniziato a scrivere. E ora eccolo qua, dopo un salto nello spaziotempo atterra su Everyeye, ma già da tempo è su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

È vero che va di moda dirlo per ogni gioco un po' più difficile della norma (che al momento è molto bassa, a dirla tutta), ma Megaman ricorda davvero e da molto vicino la produzione recente di From Software e Hidetaka Miyazaki, solo che in forma bidimensionale. Megaman (o Rockman, il suo nome giapponese) è uno storico action a scorrimento orizzontale dotato di un gameplay preciso come un orologio e per questo capace di difficoltà assurde. La serie Capcom nasce nel 1987 su NES, console su cui continua a "fare danni" per cinque lunghi anni, fino al 1995, anno di uscita di Megaman 6. In questa nuova Legacy Collection, la terza dedicata al mitico personaggio ma l'unica ad arrivare anche in Europa (la prima per PsOne venne commercializzata soltanto in Giappone, la seconda disponibile su Ps2, GameCube e Xbox solo sul suolo statunitense), potremo rigiocare proprio questi primi sei capitoli. Non ne esiste una versione pacchettizzata, questa Legacy Collection esiste solo in forma digitale, venduta all'accattivante prezzo di 14,99 Euro (lo stesso su tutti gli e-store).

Eclissi tecnologica

Prima cosa da dire: rivedere il logo Capcom brillare dopo un caricamento mi ha messo un po' di tristezza (non ho provato beta di Street Fighter quindi, dovete capirmi, sono a digiuno). Seconda cosa da dire: nemmeno questa volta però Capcom c'entra qualcosa, nel senso che i diritti sono naturalmente suoi, ma lo sbattimento è tutto dei bravissimi Digital Eclipse, che hanno colto l'occasione di questa Legacy Collection per sviluppare un nuovo engine denominato Eclipse Engine, specializzato nella gestione degli sprite in 8-bit e pensato espressamente per ricostruire da zero le vecchie glorie, in modo da farle brillare con la stessa intensità delle uscite originali. È per questo che i sei Megaman raccolti in questo compendio interattivo non sono emulati, come di solito accade, ma ricostruiti da zero con una fedeltà assoluta, tanto da essere destinate a sostituire le copie master dell'epoca. In pratica, significa che un gioco sviluppato per funzionare esclusivamente su un NES, una volta ricostruito su Eclipse Engine girerà nativamente su qualsiasi macchina in grado di far funzionare questo nuovo ambiente di sviluppo. Un modo nobile per preservare la memoria storica, e un modo per rivivere ricordi e sfide senza nessun compromesso. Il frutto di questo lavoro, nella Megaman Legacy Collection almeno, garantisce comandi a zero lag e persino gli stessi difetti delle opere originali. I sei Megaman qui riproposti si portano dietro non solo tutto il loro fascino, ma anche gli stessi rallentamenti, gli stessi (pochi) problemi delle rispettive versioni per NES. In più, è possibile godere di una pulizia video e di una qualità audio impensabile fino a qualche anno fa. Qualche cambiamento però è stato fatto: per rendere i giochi più digeribili, sia per chi nel frattempo è diventato un vecchiaccio che per eventuali nuove leve, è stata inserita la possibilità di salvare (ma con alcuni limiti... Megaman non è e non sarà mai una passeggiata!). Presente anche un'altra novità mutuata dalle due precedenti raccolte: il pulsante di fuoco rapido, utile per rendere certi passaggi non tanto più facili, ma meno faticosi per dita e pad. È poi possibile scegliere tra tre diversi settaggi video, che simulano tre diversi tipi di monitor, in modo che questo replay sia il più simile possibile a quello della vostra infanzia (ma ci vuole coraggio a rinunciare alla rinnovata compattezza grafica della versione originale).

Legacy ma non troppo

Ciò che proprio non mi convince e riesce anche a indispettirmi un po', è la solita accozzaglia di extra buttata tra le opzioni come fosse un contentino obbligato, più che sentito. Nella Megaman Legacy Collection troverete bozzetti, artwork e altro materiale grafico assortito per ciascuno dei sei giochi, a cui è dedicata anche una soddisfacente raccolta di brani tutti da ascoltare (ma tra cui mancano le belle versioni moderne inserite nelle collection precedenti).

Con le OST quasi ci siamo, ma con tutto il resto no. Manca la sensazione di festa, quella cura in più che dobbiamo iniziare a pretendere da operazioni simili. Senza confrontare la qualità media degli extra contenuti in un cofanetto tipico di un film, con quella degli extra che di solito vengono inseriti in una riedizione commemorativa di un videogioco, manca proprio il guizzo creativo, l'amore verso l'opera: possibile che non esistano foto, aneddoti, audio di quel periodo? Possibile che i rapporti con Inafune si siano logorati a tal punto che è impossibile chiedergli un contributo video? Lo ha fatto persino Sega con alcuni suoi ultimi porting, perché non dovrebbe farlo anche Capcom?

Mega Man Legacy Collection Una volta, alle medie, mentre imitavo Megaman con un ombrello infilato nella manica della giacca, questo si allungò all'improvviso beccando in pieno viso una mia compagna di classe, che si ritrovò improvvisamente con un occhio nero e col sedere a terra. Paura, ma finalmente anche la certezza nella forza bruta dell'eroe Capcom. Questo aneddoto per dirvi che è stato un grande piacere ritrovarmi questi primi sei Megaman davanti, pronti all'uso, ma che è davvero tosta riprenderci la mano, quindi attenti. Attenti a capire bene di cosa si tratta se già non lo conoscete, attenti a fare un check della pazienza se è da troppi anni che non ci riprovate. Se poi vi sentite pronti, beh, non c'è modo più comodo e preciso di rigiocare questi classici che questa Legacy Collection. L'idea alla base del nuovo Eclipse Engine mi eccita anche un po', accendendo la speranza per altre operazioni restauro. Resta il fatto che come Legacy Collection, come extra, a parte le OST la raccolta è decisamente moscia, forse troppo. Però c'è una nuova modalità sfida, in cui saremo chiamati a finire ogni capitolo di Megaman nel minor tempo possibile, ma assicuratevi di avere in casa una tonnellata di valeriana.

7.7

Che voto dai a: Mega Man Legacy Collection

Media Voto Utenti
Voti totali: 5
6
nd