Recensione Minecraft Edizione per Xbox 360

Il gioco-fenomeno culturale raggiunge anche le console

Versione analizzata: Xbox 360
recensione Minecraft Edizione per Xbox 360
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • iPhone
  • iPad
  • PSVita
  • Wii U
  • Pc
  • Xbox One
Lorenzo Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Dal PC alle console

Il genere dei sandbox, inaugurato in buona parte dalla saga di Grand Theft Auto, proprio quando stava per deteriorarsi a causa di un’irreversibile inflazione, ha conosciuto un nuovo periodo di sviluppo e fortuna con la comparsa di Minecraft. Gioco, per non dire video-giocattolo, fino a poco tempo fa ad esclusivo appannaggio degli utenti PC, ha conosciuto prima una deludente conversione per smartphone, per poi raggiungere i lidi console con questa edizione pensata in esclusiva per Xbox 360.
Inutile dire che gli interrogativi alla vigilia erano numerosi. Alla paura di ritrovarsi con una scatola molto vuota e fin troppo simile alla pessima Pocket Edition, va sommato un certo scetticismo circa la convivenza di un prodotto simile in ambito console. La filosofia che sottende Minecraft si può sposare con pulsanti e analogici al posto di tastiera e mouse? Siamo di fronte a una conversione degna, capace di riproporre quel fenomeno culturale ormai dilagante su PC?

E’ tutta questione di cubo

Pur sacrificando un po’ d’effetto scenico e di suspense, ci teniamo a tranquillizzarvi sin da subito: Minecraft Edizione per Xbox 360 funziona quasi alla perfezione.
Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, il gioco in questione, esattamente come nella versione PC, fonde una debole componente RPG, che funge per lo più da contorno e da giustificazione per attivare l’enorme meccanismo di cui si alimenta l’anima della produzione, con le più ampie libertà di un free roaming.
Tradotto in termini più pratici, a partire da un avatar e uno scenario generato casualmente dovrete preoccuparvi di poche e semplici cose: costruire un rifugio e eventualmente delle armi per difendervi dai mostri che sopraggiungono con le ore notturne e modificare a vostro piacimento lo scenario composto da un numero esorbitante di cubi. Niente principesse da salvare, né regni dove estirpare malefiche o aliene presenze: sopravvivere e costruire senza ulteriori né reali scopi.
Il cardine dell’esperienza è il così detto crafting: a partire dal reperimento di alcuni materiali, sarete in grado di costruirne altri, seguendo una scala di complessità di realizzazione progressiva. Il concetto non è poi molto lontano dagli RTS simili a Age Of Empire: per costruire una casa vi serviranno delle travi di legno e del vetro per le finestre; per le armature una certa quantità di ferro; per i gioielli oro e diamanti e così via. Se tuttavia negli strategici in tempo reale affidereste queste operazioni a un gruppo di abili unità specializzate, in Minecraft Edizione per Xbox 360 dovrete fare tutto in prima persona.

"Pur sacrificando un po’ d’effetto scenico e di suspense, ci teniamo a tranquillizzarvi sin da subito: Minecraft Edizione per Xbox 360 funziona quasi alla perfezione. "

In base alle vostre necessità, di volta in volta recuperate un numero preciso di cubi di uno o più materiali, usando magari specifici strumenti che semplificheranno l’operazione, in modo da creare utensili e costruzioni e modificare a vostro piacimento ogni anfratto dello scenario.
Con pazienza, creatività e progettualità sarete in grado di plasmare tutto ciò che vorrete come lo vorrete. Intere montagne potranno essere scavate, corsi d’acqua prosciugati, foreste abbattute e così via. Naturalmente andrà tenuta perennemente in considerazione le ovvie limitazioni dell’avatar: per operare in altezza dovrete preoccuparvi di creare l’apposita scala, vi sarà quasi impossibile lavorare sott’acqua e ogni azione richiederà tempo per essere portata a termine.
In tutto questo non bisogna neanche dimenticare la debolissima componente RPG: con il calare delle tenebre, grazie all’alternanza giorno/notte che si completa in circa mezz’ora, compariranno un po’ ovunque dei mostri vogliosi di farvi fuori. Inizialmente sarà dunque vitale preoccuparsi di costruire una casa ben illuminata che tenga lontane queste oscure presente malintenzionate. In seguito, quando sarete in grado di forgiare corazze e spade potrete raccogliere il vostro coraggio e affrontarli vis a vis.

Il risultato è insomma un gioco dal gusto estremamente atipico, che incontrerà facilmente il favore di numerosi videogiocatori, ma che altrettanto facilmente annoierà o deluderà enormemente una buona fetta di utenti. Purtroppo Minecraft non conosce compromessi e lo riconferma in questa versione per console: solo chi è pronto a spendere ore nella creazione di oggetti e nella progettazione del proprio mondo ideale riuscirà a godersi l’esperienza. Tutti gli altri si ritroveranno una gigantesca scatola piena di pezzi, ma che senza istruzioni per l’uso, non saranno in grado, né vorranno montare per creare anche il più rudimentale dei meccanismi.
Come detto in apertura, questa conversione si presenta in ottima forma e ha ben poco da invidiare a quella per PC. Se l’interfaccia e lo stile grafico paiono praticamente identici, anche il sistema di controllo si rivela all’altezza, sebbene tastiera e mouse diano l’impressione di cavarsela meglio grazie al maggior grado di precisione che sono in grado di offrire. Tuttavia, pur scavando erroneamente un cubo piuttosto che un altro, si è sempre in tempo per rimediare all’errore commesso, il che minimizza i già lievi problemi del joystick. Inoltre, anche su Xbox 360 si potranno invitare gli amici per darci una mano con la creazione e modifica del mondo, sia tramite Xbox Live che in locale per mezzo del sempre gradito split-screen. Sebbene sia ancora difficile dirlo, inoltre, non dovrebbero mancare neanche i costanti aggiornamenti che già potenziano con cadenza regolare la versione PC. Nuovi contenuti e, chissà, anche il supporto a Kinect dovrebbero rendersi disponibili in futuro.

Grafica e sonoro non hanno subito alcuna modifica rispetto all’originale. Caratterizzato dal predominio dell’8-bit art e da una palette di colori non troppo ampia, l’aspetto estetico di Minecraft Edizione per Xbox 360 farà la felicità dei nostalgici e stranierà chi è ormai assuefatto dall’alta definizione. Ottimo anche il sonoro: ai rudimentali effetti si aggiungono alcuni brevi e toccanti brani eseguiti quasi esclusivamente al pianoforte.
Prima di concludere ci preme sottolineare come il prezzo di questa edizione è assolutamente in linea con quella a pagamento per PC: poco meno di venti euro. Inutile dire che chi potrà opterà per l’originale, potendo anche contare su una versione gratuita di prova, ma ciò non toglie che il rapporto qualità/quantità/prezzo è vincente anche su Xbox 360.

Minecraft Minecraft Edizione per Xbox 360 ha ben poco da invidiare alla versione per PC. Assuefacente e ideale per tanti videogiocatori in cerca di qualcosa che gli permetta di liberare la propria creatività, resta comunque un prodotto atipico ed estremamente particolare. Per quanto il voto a fondo pagina sia altisonante, dunque, il nostro consiglio è quello di valutare attentamente l’acquisto: non solo resta comunque preferibile l’edizione per PC, di cui è persino disponibile una versione di prova gratuita, ma la mancanza di un vero e proprio scopo potrebbe far annoiare numerosi videogiocatori.

8.5

Che voto dai a: Minecraft

Media Voto Utenti
Voti totali: 143
7.3
nd