Recensione Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Revolution

Il ninja di Kishimoto torna su console e PC in buonissima compagnia!

Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Revolution

Videorecensione
Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Revolution
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
Alessandro Trufolo Alessandro Trufolo ha visto la sua prima schermata di Game Over in età precoce: per il trauma, è cresciuto inserendo cartucce e dischi vari in qualsiasi console o computer gli capitasse a tiro. Quando ha deciso che di videogiochi voleva anche scriverne e parlarne, il dramma si è completato. Aiutatelo a superarlo su Facebook, Twitter e Google+.

Come gli appassionati di Naruto ben sapranno, pare che le avventure del giovane ninja del Villaggio della foglia stiano quasi per avviarsi verso la loro conclusione ufficiale; la Quarta Guerra Mondiale Ninja ed i suoi strascichi hanno appassionato i lettori del manga con battaglie epocali e colpi di scena inauditi ma, come è naturale che sia, la parola 'Fine' sembra avvicinarsi a passi spediti dopo ogni nuovo capitolo. Ciò che, al contrario, può far dormire sonni tranquilli ai fan del capolavoro di Masashi Kishimoto è la certezza che, anche dopo il suo epilogo, l'enorme successo ottenuto non potrà essere facilmente ignorato, ne dall'autore, ne tanto meno da coloro che detengono i diritti di distribuzione della sua opera: è quindi piuttosto facile prevedere che ulteriori spin-off, libri, film d'animazione e oggetti di merchandise vari troveranno posto in futuro nella collezione di tutti i fan più fedeli.
Tra questi prodotti, siamo sicuri non mancheranno anche nuove trasposizioni videoludiche che, già in questi anni, si sono avvicendate sugli scaffali dei negozi ad una velocità pari solamente (tanto per rimanere in tema) a quella del Quarto Hokage; l'ultimo in ordine cronologico è da oggi disponibile per PS3, Xbox 360 e PC e si appresta a proseguire la fortunata serie Ultimate Ninja Storm preferendo, al classico suffisso numerico, un più altisonante Revolution.

Rivoluzione tradizionalista

Iniziamo col dire che, una rivoluzione vera e propria, questo Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Revolution, non lo è: gli spunti e le novità, tanto in termini di gameplay quanto nelle modalità di gioco, sicuramente non mancano ma i fan di vecchia data non faticheranno a riconoscere un DNA comune ai titoli del passato. Tra gli aspetti più criticati delle passate edizioni vi era sicuramente un sistema di combattimento poco profondo e incapace di offrire quella varietà che potesse renderlo affascinante anche sul lungo periodo; CyberConnect2 tenta di porre rimedio alla questione, inserendo in questo capitolo la possibilità di scegliere tra tre differenti stili di combattimento per il nostro personaggio e quello di supporto: Risveglio, Azione e Tecnica Suprema. Mentre il primo fornirà vari stadi di 'risveglio' e potenziamento dei jutsu eseguibili singolarmente o insieme al nostro compagno, Azione chiamerà in campo il momentaneo alleato per eseguire tecniche offensive e difensive utilizzabili esclusivamente in questa modalità; il più coreografico e spettacolare del lotto rimane comunque lo stile Tecnica Suprema, grazie al quale unire i jutsu segreti di entrambi i personaggi nei devastanti Combination Ultimate Jutsu e Ultimate Team Jutsu. Qualsiasi sia lo stile selezionato, la differenza su quale tecnica potremo utilizzare la farà come sempre il livello di carica del proprio indicatore Storm e, in questo capitolo, particolare importanza avrà il tempismo con il quale risponderemo ad attacchi e tecniche avversarie: con l'introduzione di tecniche Rompi-Guardia e Contrattacchi, infatti, la precisione dei nostri input potrà fare la differenza tra un devastante colpo portato a segno ed uno subito; sostituendo uno degli oggetti disponibili (il cui utilizzo è mappato sulla classica croce direzionale) con un apposito comando, il giocatore potrà infatti rompere la guardia del nemico rendendolo privo di sensi per un breve periodo di tempo, mentre, sfruttando l'attimo giusto in modo fulmineo, sarà possibile annullare le tecniche guard-breaking dell'avversario per ribaltarle a proprio favore.

Alla luce dei ben 118 personaggi disponibili (tra giocabili, di supporto e trasformazioni varie) e del fatto che tutti i possibili team daranno vita a nuove tecniche combinate in base ad un grado di affinità ben intuibile agli appassionati dell'universo di Naruto, è facile intuire come le probabilità di vedere jutsu devastanti e sempre nuovi sia assolutamente elevata. Il problema che Ultimate Ninja Storm Revolution eredita dai suoi predecessori, però, è riscontrabile nel fatto che tecniche speciali e combo abbiano un impatto più scenografico e spettacolare che ludico: le combo di base e le Tecniche Supreme sono infatti eseguibili con le stesse, semplici, combinazioni di tasti per ognuno dei personaggi, qualsiasi sia lo stile di supporto scelto. Se questo fatto non scoraggerà di certo i fan della serie, è innegabile come una certa ripetitività nel gameplay si farà presto o tardi sentire, allontanando tutti quei giocatori abituati a beat'em'up ben più tecnici e profondi. Chi riuscirà a resistere, però, si troverà travolto da un turbinio di colpi speciali e tecniche provenienti dalla serie animata la cui sola visione non potrà che mandare in estasi tutti i conoscitori di termini come Susanoo, Mokuton o Raikiri. Novità a parte, gli elementi principali del combat system non si discostano granché da quanto visto nei precedenti episodi, con la consueta grandissima importanza rivestita dal comando che attiva la Tecnica della Sostituzione (limitata nell'utilizzo da un apposito indicatore ricaricabile) e dal giusto posizionamento della levetta analogica per la realizzazione delle diverse combo/tecniche speciali. Rimane, seppur in modo leggermente minore, il problema del bilanciamento di alcuni personaggi e del loro stile di combattimento: se ad esempio sconfiggere Hashirama Senju con Konohamaru è infatti, videoludicamente parlando, una libertà accettabilissima dovuta all'abilità del giocatore, trovarsi di nuovo di fronte ad un Deidara quasi imbattibile ed inavvicinabile che ci scaglia addosso i suoi esplosivi senza soluzione di continuità è infatti piuttosto avvilente; anche una volta assimilati i comandi e ideata una tattica efficace, infatti, troppo spesso la nostra vittoria verrà compromessa da un'impercettibile distrazione che darà libero sfogo alla sua devastante tecnica, sfociando presto nella frustrazione.


Nuove modalità

Detto di un parzialmente rinnovato sistema di combattimento, l'altra grossa aggiunta che Ultimate Ninja Storm Revolution porta con se riguarda le modalità di gioco: la nuova Avventure Ninja ci permetterà infatti di vivere tre archi narrativi inediti riguardanti la nascita dell'Akatsuki, il rapporto tra Shisui e Itachi Uchiha ed il legame tra Obito e Kushina Uzumaki. Seppur caratterizzate da una lunghezza complessiva non esorbitante, queste tre nuove storie hanno il merito di inframezzare gli scontri (assenti solamente nell'ultima delle tre storie) con scene animate realizzate appositamente per l'occasione e della durata di diversi minuti, che non mancheranno di farsi apprezzare da tutti i fan dell'anime grazie all'introduzione di retroscena mai rivelati prima; trattandosi di flashback, nulla di sconvolgente o fondamentale verrà rivelato in essi, ma la cultura dell'appassionato ne uscirà sicuramente arricchita e soddisfatta. Il posto d'onore tra le modalità di gioco presenti, va comunque riservato al nuovo Torneo Mondiale dei Ninja: sfruttando la classica premessa di un torneo che determini il più forte combattente del mondo, CyberConnect2 costruisce infatti quello che, a tutti gli effetti, può essere considerato il vero Story Mode di Ultimate Ninja Storm Revolution. In questa modalità dovremo farci strada attraverso quattro diversi livelli di abilità per mezzo di scontri nei quali il classico indicatore di energia verrà sostituito da una cifra che indicherà il numero di Sfere Battaglia in nostro possesso: una volta colpito un avversario, in base alla violenza del nostro colpo questi perderà un diverso quantitativo di sfere che dovremo velocemente raccogliere per concludere la battaglia con il più alto numero di sfere possibile allo scadere del tempo. Se raggiungere lo zero con il proprio indicatore significa essere estromessi dal combattimento, la vittoria andrà comunque a colui che avrà raccolto il maggior numero di sfere: la principale particolarità di questi scontri è infatti quella che vede il numero di lottatori in campo alzarsi da due a quattro unità, e la loro suddivisione in più round; ad ognuno dei round parteciperà un diverso membro del nostro team (il cui numero varierà con l'avanzare degli scontri) che 'erediterà' il numero di sfere del proprio compagno che lo ha preceduto, lasciando talvolta gli scontri piacevolmente aperti fino alla fase finale.

Dato il maggior numero di avversari in campo, a volte i combattimenti rischieranno di prendere strade particolarmente caotiche (specialmente durante l'esecuzione simultanea di più tecniche), ma gli attimi di momentaneo accanimento verso il giocatore o un particolare nemico sono quasi sempre giustificati dal maggior numero di sfere in nostro o loro possesso e, quindi, tutto sommato comprensibili. Una volta superato il primo 'girone', inoltre, questa particolare modalità entrerà nel vivo seguendo un arco narrativo completamente inedito e riguardante un nuovo personaggio, Mecha-Naruto, creato appositamente da Kishimoto in persona. Ulteriori alleati potranno poi essere reclutati esplorando in lungo e in largo l'isola sulla quale la competizione prenderà luogo, attraverso le loro sempre diverse richieste che potranno andare dalla risposta a particolari quiz sul mondo di Naruto, alla ricerca di specifici oggetti e così via. Questa fase ricorda molto le sezioni esplorative dei precedenti episodi, ma ha il merito di aggiungere all'equazione una maggiore libertà e la presenza di elementi come Negozi e Lotterie che renderanno disponibili oggetti sempre nuovi da utilizzare in combattimento o per la personalizzazione del proprio personaggio. All'interno di questa modalità e di quella denominata Scontro Libero (che completa il quadro di opzioni di gioco disponibili, insieme a Battaglia Online, offrendo la possibilità di creare tornei, campionati e scontri survival ad hoc) potremo infatti personalizzare ognuno dei personaggi giocabili con accessori per le diverse parti del corpo, oggetti sfruttabili per la Tecnica di Sostituzione e immagini che accompagneranno l'esecuzione delle Tecniche Supreme.

Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Revolution Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm arricchisce l'ormai tradizionale sistema di combattimento della serie con elementi assolutamente apprezzabili ma non in grado di risolverne in pieno la storica elementarità. Ancora lontani dal poter essere apprezzati dai fan di picchiaduro ben più tecnici, gli scontri del nuovo titolo CyberConnect2 non mancheranno comunque di soddisfare tutti gli appassionati, che ritroveranno in essi la stessa spettacolarità ed esaltazione provata durante la lettura del manga o la visione dell'anime. La fedeltà del comparto tecnico con quella della serie animata, ormai un marchio di fabbrica incrollabile del franchise, viene infatti qui ribadita da dettagli ed animazioni perfettamente in linea con quelle dei protagonisti dell'epopea ninja di Kishimoto, rimanendo criticabile solo nell'estrema semplicità di alcune ambientazioni ed arene. La quantità di materiale inedito, la ricchezza del roster di personaggi giocabili ed una nuova modalità principale in grado di tenere impegnati per un discreto numero di ore, non può che permetterci di consigliare ai fan più incalliti l'acquisto del gioco senza alcuna riserva. Per chi, invece, non avesse apprezzato la linearità del sistema di combattimento della serie o dovesse essere in cerca di un beat'em'up più profondo, sappia che le novità inserite in termini di gameplay difficilmente potranno soddisfare i loro desideri.

7.5

Che voto dai a: Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Revolution

Media Voto Utenti
Voti totali: 22
7.4
nd