Recensione Ninja Training

Lo studio italiano Forge 11 ci propone la sua prima creazione.

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
Alessandro Mazzega Alessandro Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente al mondo dei videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di sviluppo, attualmente in Forge Reply. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Sono ormai poche le realtà che in Italia producono videogiochi; oltre alla storica Milestone e agli studi milanesi di Ubisoft, però, esistono un buon numero di team indipendenti, alcuni di vecchia data ed altri nati di recente, sfruttando la popolarità di un mercato in forte espansione come quello dell’App Store di Apple, vero nuovo ricettacolo di idee e buone intenzioni.
Da Forge 11, team di Milano che da poco ha iniziato a pubblicare i propri titoli per i device Apple, arriva Ninja Training, un gioco arcade con uno stile retrò decisamente accattivante.

Schivare è l'unica via



Il gameplay è semplice: inclinando il dispositivo il ninja protagonista si muove orizzontalmente, toccando lo schermo lo si spinge ad un salto, il tutto con l’obiettivo di schivare una moltitudine di oggetti in caduta libera dall’alto o che entrano nell’area di gioco dai lati.
All’inizio di un livello si gioca rilassati, credendo di avere il pieno controllo, ma dopo poche manciate di secondi le cose iniziano a farsi tremendamente complicate e bisogna cominciare ad intuire con la maggior rapidità possibile le traiettorie per impostare una strategia di difesa.
Quello di Ninja Training è il classico stile che funziona: semplice e giocabile da tutti ma tremendamente appassionante; dopo poche partite inizierà la fase della dipendenza che porterà al classico “ancora una partita e poi smetto”.

Lo stile grafico di Ninja Training è minimalista e funzionale e ricorda vagamente quello di NinjaTown, altro caposaldo del genere. Ciò che differenzia Ninja Training, però, è l’atmosfera retrò e il tocco grafico che vira leggermente verso la pixel art.
E’ uno spasso vedere il protagonista destreggiarsi tra le varie minacce, saltando e schivando con abilità, con un accompagnamento sonoro che strizza l’occhio al passato.

Ninja Training Ninja Training è tanto semplice quanto ben realizzato e dopo pochi minuti si è totalmente dipendenti dalla sua struttura di gioco. Nasce come un titolo a cui dedicare pochi minuti nei momenti di pausa ma si trasforma presto in una macchina mangia tempo, obbligando il giocatore a provare a migliorare il proprio punteggio ancora, ancora e ancora. Attenzione: i momenti di gioco diventeranno immediatamente troppo brevi, siete avvertiti.

Che voto dai a: Ninja Training

Media Voto Utenti
Voti totali: 20
6.2
nd