B-side Oggi alle ore 21:00

Alone in the Dark: Illumination giocato dal vivo!

Recensione Nintendogs Cats

Il simulatore di cuccioli di Nintendo ritorna in una nuova versione per 3DS

Versione analizzata: Nintendo 3DS
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • 3DS
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

La gioia di avere un cucciolo in casa è sempre correlata a grandi responsabilità: prendersi cura piccolo batuffolo di pelo non è una questione da poco, e non tutti hanno le risorse in termini di tempo e pazienza per farlo. Nintendo lo sa bene, ed è per questo che nel 2005 lanciò per Nintendo DS Nintendogs, un simulatore canino che faceva leva proprio sull'amore verso gli animali di chi, tuttavia, non poteva godere della compagnia di un cane in carne ed ossa. Il titolo, non ci sarebbe neppure il bisogno di dirlo, fu un vero vero successo, sebbene non fosse esente da qualche difetto. Nintendogs faceva infatti davvero poco per mantenere alta l'attenzione del giocatore, una volta esaurita l'iniziale spinta emotiva di vivere alcuni momenti della giornata con il proprio cucciolo virtuale. Tuttavia, l'esperienza interattiva che sfruttava l'introduzione del touch screen per permettere interazioni il più dirette possibile con l'ammasso di peli al di là dello schermo, seppe conquistare il cuore di molti. Sei anni sono passati, ed una nuova console portatile è disponibile sul mercato: questa volta l'elemento innovativo è lo schermo 3D glass-free, ed ancora una volta una delle carte giocate da Nintendo per mostrare le meraviglie di questa tecnologia è l'allegra combriccola di cuccioli digitali. Stavolta, però, non senza qualche aggiunta: Nintendogs + Cats è un titolo che sostanzialmente non cambia la formula originale, ma che introduce alcune migliorie e novità, tra cui la possibilità di adottare adorabili felini virtuali.

Compagni di vita

Una volta presa la decisione di avere un cucciolo da accudire all'interno del nostro 3DS, visiteremo un allevamento, in cui scegliere il nostro piccolo Fido. Come in passato, Nintendo ha pubblicato tre edizioni differenti del gioco. L'esperienza da vivere è identica: a variare sono le razze canine disponibili inizialmente. In ogni versione troveremo 9 diverse varianti, ma una volta raggiunti determinati obiettivi nel gioco potremo scegliere tutte le 27 razze a disposizione. Il titolo ci permette inoltre di selezionare l'aspetto del manto, e scoprire il carattere di ogni esemplare, in modo da poter sceglier quello che più si addice alle nostre esigenze. Una volta fatta la nostra scelta, ritorneremo dritti a casa, pronti a spupazzarci il nostro nuovo amico a quattro zampe.
Nelle quattro mura domestiche, il nostro cucciolo dovrà inizialmente ambientarsi: le nostre amorevoli cure, tra carezze tramite il touch screen e ciotole di gustose crocchette, aiuteranno a velocizzare questo processo. Una volta tranquillizzato, potremo dargli un nome, pronunciandolo ad alta voce al microfono della console, ed iniziare a svolgere una serie di attività, che chi ha giocato al titolo originale ben conosce.
Potremo infatti insegnare al piccolo una serie di comandi (stare seduto, porgere la zampa o rotolarsi a terra): il processo di apprendimento sfrutterà l'uso dello schermo tattile per mostrare al cucciolo l'azione da seguire, mentre con la nostra voce assoceremo il gesto ad un comando vocale. L'edizione per 3DS introduce un esaustivo tutorial per ogni comando, che mostra passo dopo passo la procedura corretta per impartire l'ordine desiderato, e la possibilità di offrire un biscottino come ricompensa per l'esecuzione corretta del comando impartito, in modo da rafforzare il processo d'apprendimento. Con il passare del tempo e con un esercizio costante, potrete constatare che il vostro cucciolo diventerà sempre più obbediente: sarà un'ottima ricompensa per gli enormi sforzi.
Diventare un perfetto addestratore aiuterà anche nella gestione dei fondi monetari: gestire un cucciolo comporta pesa inevitabilmente sul bilancio economico, e se vorremo acquistare nuovi cuccioli, o semplicemente provvedere a fornire cibo e acqua a quelli già in nostro possesso, dovremo darci da fare nel vincere le gare canine presenti nel titolo.

Campioni canini

In Nintendogs + Cats potremo intraprendere gare giornaliere in tre diverse specialità. Ritornano il lancio del freesbie e la gara di obbedienza, mentre inedita sarà la prova d'inseguimento, che va a sostituisce l'agility dog del titolo originale.
Ogni competizione si suddivide in coppe, che offrono un livello di difficoltà sempre maggiore. Vincendone una si otterrà l'accesso al livello successivo, fino a diventare "master" di ogni specialità.
Il lancio del disco consiste nel lanciare un frisbee al nostro cucciolo, che dovrà afferrarlo prima che tocchi terra. Più lontano tireremo, maggiori saranno i punti ottenuti. La prova d'inseguimento ci vedrà gestire un'esca attaccata ad un mulinello, che controlleremo tramite touch screen. Il nostro compito sarà quello di far tagliare il traguardo al cucciolo il più velocemente possibile.
Infine la prova di obbedienza chiederà di eseguire una serie di comandi al nostro cagnolino entro un tempo limite. Questa modalità sfrutterà le carte a realtà aumentata, trasportando il nostro compagno nel mondo reale. Una feature sicuramente carina nel complesso, ma che può rivelarsi anche un ostacolo compromettendo il successo della gara, nel caso in cui non si abbiano a disposizione le carte a portata di mano, o si giochi in condizioni di luce non ottimali.
Interessante notare come Nintendo si sia sforzata nel rendere le competizioni sempre più coinvolgenti, aggiungendo alcuni elementi che modificano sostanzialmente le dinamiche delle gare, e incrementano progressivamente il livello di sfida. Ad esempio, nel lancio del disco troveremo aree bonus che ci assegneranno punti aggiuntivi se il cucciolo acchiapperà il frisbee in quella zona, oppure di circuiti sempre più complessi ed elaborati nelle gare d'inseguimento.
Le competizioni non saranno mai troppo semplici da vincere, e rispecchieranno il grado di affinità tra noi padroni e i nostri compagni a quattro zampe. Solo un certosino lavoro di allenamento porterà a risultati soddisfacenti. Insomma, come nella vita reale, costanza e pazienza saranno elementi indispensabili per raggiungere i nostri obiettivi.

Come cani...

Se vorremo dunque tirar su dei veri campioni, dovremo prenderci attentamente cura del nostro cucciolo, provvedendo a farlo mangiare e bere ad intervalli regolari, e tenendo sempre il suo pelo pulito e splendente con energiche spazzolate e bagnetti. Inoltre non dovrà mai mancare il nostro affetto: carezze e coccole ogni qual volta accenderemo il nostro 3DS saranno ben accette.
Uno degli aspetti più divertenti del prenderci cura del nostro animale sarà la possibilità di effettuare lunghe passeggiate in sua compagnia. Chi avrà giocato al titolo originale, ricorderà che era possibile tracciare un percorso lungo il nostro quartiere, così da effettuare tragitti sempre più lunghi. In questa nuova versione questa caratteristica è stata purtroppo eliminata, sebbene la compagnia abbia offerto una maggiore varietà nelle location in cui far scorrazzare il nostro cagnolino. Potremo dunque camminare nel viale della nostra città, o effettuare escursioni in montagna o al mare. La realizzazione tecnica dei percorsi non è di certo troppo elaborata: ci troveremo sempre di fronte a lunghi corridoi in cui - guinzaglio alla mano - faremo camminare il cucciolo. Qui il nostro fido potrà fare i suoi i bisognini, incontrare nuovi amici, e visitare alcuni luoghi come un bar, dove potremo intrattenerci gustando cibi sia per noi padroni che per il nostro compagno a quattro zampe. Ancora, potremo visitare palestre per allenarci nella gara d'inseguimento, o entrare in un parco e giocare con il frisbeee. Durante la nostra passeggiata, troveremo anche alcuni pacchetti regalo, che potranno contenere una vasta gamma di oggetti collezionabili: dai vari giocattoli con cui intrattenere il nostro animaletto da compagnia, ad accessori per abbellire il suo aspetto.

... & gatti

Una delle principali novità di Nintendogs + Cats, come suggerisce il titolo, è la possibilità di adottare anche tenerissimi cuccioli di gatto. Questa aggiunta, per quanto possa sembrare interessante, appare tuttavia abbastanza limitata rispetto alla gestione della controparte canina. Fin da subito ci accorgiamo infatti che un gattino non può essere il nostro cucciolo iniziale, ma dovrà essere acquistato successivamente con i soldi raccolti dalle varie competizioni vinte con il nostro cane. Inoltre le azioni da svolgere con i felini saranno davvero poche: oltre ad accarezzarlo, a nutrirlo, e a farlo giocare con diversi giocattoli a nostra disposizione, non ci sarà poi molto altro da fare. Nessuna competizione, escursione all'aperto, o qualsivoglia altra attività riservata invece ai cuccioli di cane. Un extra che in conclusione non incide assolutamente sulle dinamiche di gioco, ma che potrebbe comunque essere apprezzato da chi trova piacevole e rilassante ascoltare le fusa mentre si accarezza un gattino dagli occhi languidi.

Parola d'ordine: Interazione

Non c'è dubbio che Nintendo ritenga la stereoscopia una feature dal rilievo pari a quello che hanno avuto il touch screen per il DS e il motion controller per il Wii. L'azienda è convinta di offrire un nuovo strumento d'interazione per coinvolgere maggiormente il giocatore. E questa nuova caratteristica, con Nintendogs, riesce al meglio nel ruolo assegnatole. La visuale in tre dimensioni, oltre a donare agli ambienti una profondità maggiore, rende ancora più reale la sensazione di avere di fronte un cucciolo in carne ed ossa. Sopratutto quando gli animali si avvicineranno allo schermo, e mostreranno il loro musetto, sarà impossibile non rimanere colpiti dall'effetto tridimensionale ed avere la voglia di toccare con le nostre mani quegli splendidi batuffoli di pelo, sempre allegri e vivaci. Il tutto è inoltre coadiuvato da un ottimo comparto grafico che, soprattutto sui modelli degli animali, contribuisce a rendere l'esperienza di gioco ancor più federe alla realtà. L'effetto fur-shading, così come gli occhi dei cuccioli - realizzati questa volta con poligoni invece che con semplici texture - rendono davvero convincenti le varie espressioni e le movenze degli nostri compagni animali.
Nintendogs + Cats offre inoltre diversi modi per condividere l'amore per i nostri cuccioli con chi ci sta attorno. Oltre alla possibilità di scattare foto in-game o tramite le carte AR, e salvarle sulla scheda SD, potremo portare il nostro cagnolino in giro insieme a noi. Grazie al contapassi di cui è dotato il 3DS, potremo infilare in tasca o in borsa la console, e andare in giro sempre con il nostro Fido al nostro fianco. Questa modalità va a braccetto con le funzionalità offerte dalla Streetpass, che ci metterà in contatto con tutti gli altri allevatori virtuali che incontreremo portando con noi la nostra console. Il titolo ci permette infatti di gestire un diario personale, in cui potremo lasciare un messaggio, condividere foto, e regalare oggetti a chi incontreremo nelle nostre passeggiate. Il registro conserverà tutti i nostri incontri fortuiti, permettendoci non solo di ricordare tutti gli amici a quattro zampe incontrati, ma anche di giocare con loro al parco. Infine troviamo anche il supporto alla Spotpass: grazie ad una connessione internet wireless, Nintendo potrà fornirci aggiornamenti gratuiti come Mii, nuovi oggetti e foto 3D.

Nintendogs + Cats Nintendogs + Cats torna ad abbracciare la formula che ha trasformato questo animal tamer in un videogioco di fama mondiale. L'effetto 3D della console gioca un ruolo chiave nell'interazione tra il giocatore ed il proprio cucciolo, riuscendo quasi letteralmente ad eliminare la barriera costituita dallo schermo. I compagni di gioco virtuali sono realizzati egregiamente, ed ora appaiono ancora più vispi e reali. Una moltitudine di nuove funzioni multimediali spinge a condividere un'esperienza di tutti i giorni con agli altri giocatori. Di contro, il titolo rimane legato ad alcuni limiti già riscontrati nella versione per Nintendo DS: dopo alcuni giorni, l'effetto sorpresa potrebbe svanire, e l'attenzione per il nostro cucciolo potrebbe scemare di lì a poco. Se alcune migliorie spingono a continuare a giocare (ad esempio l'aumentato senso di sfida nelle competizioni), altre - come l'introduzione dei gatti - appaiono abbastanza superficiali e incapaci di rendere più profonda l'esperienza di gioco. Chi ha passato giornate intere con il primo Nintendogs non potrà che amare questa evoluzione della serie. Chi invece, colto dalla noia, l'ha abbandonato dopo poche ore, difficilmente vivrà un'esperienza differente con Nintendogs + Cats.

6.4

media su 24 voti

Inserisci il tuo voto

  • 7