Recensione Papa Sangre

Apri bene le orecchie se vuoi sopravvivere nell'oscurità

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Il comparto grafico, nel mondo dei videogiochi, è sempre più spesso un valore fondamentale per valutare la bontà qualitativa dei software: texture, effetti ambientali, modelli poligonali ed via dicendo sono ormai elementi indispensabili per attirare l'attenzione dei giocatori sul prodotto. Papa Sangre è totalmente estraneo all'esaltazione della tecnica: il titolo per iPhone, iPod e iPad disponibile su AppStore è un horror game senza una schermata video, che si basa totalmente sul comparto audio. Il progetto, realizzato da Somenthin' Else, è quanto di più originale e unico si possa trovare di recente sull'Apple Store: un'esperienza coinvolgente che riesce a stimolare la nostra immaginazione. Papa Sangre può essere giocato interamente con gli occhi chiusi, anzi, e proprio così che il software esprime al meglio le sue potenzialità.

Suoni nell'oscurità

Papa Sangre è ambientato in una dimensione avvolta dal buio più assoluto: persi nei meandri di un enorme palazzo, il nostro compito sarà quello di trovare l'uscita verso la luce del mondo dei vivi, salvando lungo il nostro cammino le anime intrappolate in questo tetro regno di perdizione. Senza alcun riferimento visivo, potremo fare affidamento solo sulle nostre orecchie. Papa Sangre si gioca esclusivamente con le cuffie: l'audio stereo è infatti un prerequisito fondamentale per capire cosa ci circonda nelle stanze della magione. La schermata di gioco è essenzialmente un'interfaccia che ci permetterà di muoverci: per camminare o correre dovremo toccare le due icone a forma di piedi in maniera alternata, con il giusto ritmo, mentre una ruota posta in alto sullo schermo ci permette di scegliere la direzione dei nostri movimenti. A guidarci all'interno dei livelli ci sarà una voce femminile che bisbiglierà la posizione di tutti gli oggetti presenti in ogni livello: per aprire la porta dello stage successivo dovremo raccogliere alcuni di essi, e per raggiungerli dovremo ascoltare la direzione da cui provengono i suoni che emetteranno periodicamente: se l'audio si rafforzerà in una delle nostre cuffie, dovremo girarci verso quella direzione, mentre se il volume si accrescerà in entrambi gli altoparlanti è chiaro che l'oggetto e posto di fronte a noi.
Ovviamente esplorare il palazzo di Papa Sangre non sarà di certo una passeggiata. Diversi mostri popoleranno le sue stanze: per sopravvivere non dovremo assolutamente attirare l'attenzione. Regola principale è non avvicinarsi mai troppo ad essi. Alcune creature, poi, dormiranno all'interno della stanza: in questo caso dovremo stare attenti a non fare il minimo rumore, ad esempio camminando su superfici scricchiolanti.

Atmosfera horror

E' chiaro quindi come Papa Sangre giochi fondamentalmente sul comparto audio per strutturare non solo l'intero gameplay, ma anche le particolari atmosfere dei luoghi da esplorare. I rumori che saranno presenti all'interno degli ambienti - i nostri passi, il rumore degli oggetti, i versi terrificanti dei mostri - sono tutti tasselli che vanno a comporre un'esperienza particolarissima. Papa Sangre offre una delle migliori campionature per gli effetti sonori ascoltate in un titolo per i dispositivi Apple. I "sample" sono così realistici che, una volta chiusi gli occhi, sembra di vivere davvero in prima persona l'esplorazione degli oscuri meandri del palazzo. Le dinamiche potrebbero risultare lievemente ripetitive dopo aver raggiunto la metà dei 25 livelli che compongono il software, ma il coinvolgimento sarà costantemente presente, soprattutto se il titolo è giocato in una stanza chiusa, priva di rumori esterni e magari a luci spente: in questo caso anche il suono più naturale come il trillo di un campanello vi farà sobbalzare sulla sedia.
Attenzione però: il gioco è totalmente localizzato in inglese, con numerosi dialoghi senza la presenza di sottotitoli. E' richiesta quindi una buona comprensione dell'inglese parlato, altrimenti risulterà molto difficile comprendere le istruzioni che ci verranno impartite dalla voce fuori campo.

Papa Sangre Papa Sangre è un'esperienza horror unica nel suo genere: un'ambientazione tetra e suggestiva come non mai, in cui per sopravvivere dovremo fare affidamento solo sulle nostre orecchie. Giocato in un ambiente tranquillo e isolato, il software "avvolge" totalmente il giocatore, immergendolo nelle atmosfere malsane del gioco. Unici requisiti per poterlo godere appieno sono una buona comprensione dell'inglese e delle buone cuffie stereo, indispensabili per esplorare i labirinti di Papa Sagre.

8.8

Che voto dai a: Papa Sangre

Media Voto Utenti
Voti totali: 26
8.2
nd