Q&A: Domande e Risposte Oggi alle ore 16:00

Francesco e Alessandro rispondono ai vostri dubbi

Recensione PES 2014 World Challenge

Anche il calcistico Konami si tinge di verde-oro

PES 2014

Videorecensione
PES 2014
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
  • Psp
Alessandro Trufolo Alessandro Trufolo ha visto la sua prima schermata di Game Over in età precoce: per il trauma, è cresciuto inserendo cartucce e dischi vari in qualsiasi console o computer gli capitasse a tiro. Quando ha deciso che di videogiochi voleva anche scriverne e parlarne, il dramma si è completato. Aiutatelo a superarlo su Facebook, Twitter e Google+.

La stagione calcistica 2013/2014 deve ancora dare i suoi ultimi verdetti, ma l'attenzione di tutto il mondo è già puntata al Brasile. E' nel paese del Carnevale e delle spiagge da sogno, infatti, che dal prossimo giugno si terrà la ventesima edizione dei Mondiali di calcio, ed esperti e appassionati sono già in febbrile attesa di vedere all'opera i propri campioni preferiti. Se tuttavia, poco meno di due mesi, vi sembrano una distanza comunque troppo grande da sopportare, il nostro sempre caro mercato videoludico può aiutarvi a soddisfare la vostra atavica fame di pallone: davanti alla discesa in campo di Electronic Arts e del suo Mondiali FIFA Brasile 2014, l'acerrimo ed eterno rivale Pro Evolution Soccer ha risposto con un DLC appositamente dedicato all'evento e già disponibile su tutti i principali store digitali. Se del titolo EA abbiamo già analizzato ogni aspetto nella nostra recente recensione, oggi è il turno di scoprire con che tipo di offerta Konami cercherà di sbaragliare la concorrenza e se, soprattutto, questa volta sarà la software house giapponese a portare a casa l'incontro.

NO EVOLUTION SOCCER

Pur scontrandosi sullo stesso campo, le differenze tra il contenuto scaricabile PES 2014 World Challenge ed il rivale EA sono palesi sin da subito: per la modica (se paragonata al prezzo pieno del diretto concorrente) cifra di 9,90€ Konami ci propone una singola nuova modalità 'ad hoc' che ci permetterà di ripercorrere le orme della nostra Nazionale preferita sin dai gironi di qualificazione continentali. La scalata verso la finale potrà essere affrontata gestendo l'intera rosa oppure selezionando un giocatore in particolare, controllandone il destino calcistico in modo del tutto analogo alla classica modalità Carriera: gli aspetti più interessanti di quest'ultima opzione sono dati dalla possibilità di creare un giocatore da zero tramite il consueto editor, oppure importare il proprio avatar direttamente dai salvataggi di PES 2014.

A queste stimolanti, seppur ormai tradizionali, opzioni fa da contraltare l'impossibilità di evolvere il proprio giocatore tramite le prestazioni maturate nella modalità World Challenge. Nonostante i vostri sforzi, infatti, nessun punto esperienza verrà elargito durante le vostre sfide mondiali, troncando un po' le ali a chi sperava di poter aggiungere al bagaglio del proprio, coccolatissimo, avatar anche una bella convocazione in Nazionale, con tutti i bonus del caso. Nel caso decidiate di affrontare il Mondiale controllando l'intera rosa, rimane invece intatta la possibilità di scegliere quali giocatori convocare alla fase finale del torneo, sfruttando le fasi di qualificazione e le amichevoli pre-Brasile come banco di prova per le loro abilità. Sostanzialmente, l'offerta ludica di PES 2014 World Challenge si ferma qui, con l'introduzione di un torneo pre-impostato affrontabile in modalità già ben note ai fan della serie, e nulla più. Proprio alla luce delle pochissime novità con le quali potrete confrontarvi portando sul vostro hard disk questo DLC Mondiale, anche il prezzo estremamente competitivo rispetto alla concorrenza inizia quindi a risultare eccessivo. Analizzando il tutto da un punto di vista prettamente ludico, poi, le cose non migliorano di certo: tanto il sistema di controllo quanto il set di animazioni non hanno subito alcuna modifica, mentre la costruzione della manovra passa sempre per le stesse dinamiche conosciute nella versione 'liscia' di PES 2014, pregi e difetti inclusi.

PIU CHE MONDIALI, UNA FAVELA

Se, al di là della discutibile operazione commerciale, con Mondiali FIFA Brasile 2014 Electronic Arts è riuscita a trasmettere in modo estremamente efficace il feeling del torneo carioca in tutte le sue sfaccettature, la mancanza di licenze ufficiali nel DLC Konami ne decreta, sotto questo punto di vista, un'inesorabile sconfitta. Il divario è talmente ampio che risulta quasi scorretto paragonare un titolo che fa dei contenuti ufficiali uno dei propri punti di forza con un altro che, eccezion fatta per il nuovo Adidas Brazuca (il pallone che accompagnerà le sfide mondiali anche nella realtà), presenta i propri con un contagocce semivuoto. Nonostante alcune delle nazionali principali ed i loro giocatori più rappresentativi abbiano subito un apposito restyling al passo con i tempi (ottimo il lavoro effettuato sulla selezione verde-oro), sono infatti ancora troppe le squadre rimaste nell'anonimato di divise non originali ed i giocatori dal look poco somigliante alle loro controparti reali. Assolutamente insufficiente (per quanto secondario) anche l'aspetto meramente coreografico di tutto il pacchetto, ben lontano dal ricordarci i luoghi nei quali il prossimo Mondiale prenderà vita e poco galvanizzante durante le fasi del pre-partita.

Pro Evolution Soccer 2014 Più che aggiungere modalità di gioco inedite, PES 2014 World Challenge toglie semplicemente al giocatore l'impiccio di doversi costruire un campionato Mondiale con le proprie mani. Una volta scaricato il DLC sul proprio hard disk, infatti, potremo direttamente lanciarci nella mischia dei gironi di qualificazione, per poi proseguire il cammino verso la finale a suon di gol. La sola alternativa offerta, data dalla possibilità di affrontare il torneo guidando un singolo giocatore (reale, creato ad hoc o importato dai propri salvataggi), rimane ben lontana da qualsiasi forma di innovazione, mentre la gestione del pallone e della manovra sul campo risulta identica a quella dell'ultimo capitolo della serie calcistica Konami. L'assenza di licenze ufficiali (se non per qualche magra eccezione) e di un'impostazione scenografica che immerga nel 'clima Mondiale' chiude il bilancio di un DLC che, nel suo stato attuale, sa tanto di catenaccio per paura della goleada avversaria.

4.5